Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

Il processo dimenticato

Alla Marlane si moriva come mosche

A Praia a Mare, nel lanificio del gruppo Marzotto, fino al 1987 di proprietà Lanerossi (quindi ENI), si respiravano, toccavano e interravano quantità enormi di acidi e veleni. Un disastro umano e ambientale che chiede verità
5 novembre 2014 - Lidia Giannotti

Davanti al lanificio Marlane (immagini da un'inchiesta di Francesco Cirillo)

UNA STORIA CRUDELE

I due primi operai a morire, quasi insieme, erano molto giovani, trentenni.  Negli anni '80 cominciarono ad accorgersene tutti che qualcosa non andava. Ma i dirigenti, e anche i sindacalisti, rassicuravano. Qualche tempo dopo iniziarono a intimidire gli operai, e più tardi le vedove. Anche quando ci si ammalava gravemente ci si doveva rassegnare o andarsene, perché i dirigenti rifiutavano di spostare gli operai dalla tintoria, il reparto più pericoloso: avrebbe significato ammettere l'esistenza di rischi. Intanto il lavoro di alcuni operai era anche quello di interrare veleni, come il cromo esavalente, a due passi dal mare. E' stato così per anni. Nessuno ha fatto nulla, nessun partito, nessuna amministrazione, nessuna autorità.

Il processo di primo grado per omicidio colposo plurimo e disastro ambientale, in corso al Tribunale di Paola contro 11 imputati, sta per concludersi. Il dibattimento era iniziato tra mille difficoltà. Sembrava che non dovesse partire mai, dati i problemi di notifica a causa di spostamenti di domicili e altri escamotage, chiaramente diretti a rallentare il processo e a far prescrivere nel frattempo i reati.

Proprio il timore che non si sarebbe arrivati a un asentenza di condanna, prima della prescrizione ha convinto molte delle parti lese a ritirare la costituzione di parte civile e ad accettare i risarcimenti offerti dalla Marzotto. Le prime indagini del resto, come oggi riconoscono i giudici della Procura, erano iniziate troppo tardi - nel 1996 - e grazie alla tenacia di un operaio come Luigi Pacchiano.

Ora il Pubblico Ministero ha richiesto condanne per 62 anni di carcere. Tra gli imputati anche il conte Pietro Marzotto e il presidente del gruppo (ex vicepresidente di Confindustria Veneto) Antonio Favrin, difesi da noti avvocati come Guido Calvi e Niccolò Ghedini.

CHI DOVEVA AMMINISTRARE E PROTEGGERE

L'ex sindaco del comune di Praia a Mare (Carlo Lomonaco) è uno degli imputati principali, per il quale il PM ha chiesto la condanna più pesante (10 anni). Era stato responsabile del reparto tintoria e dello smaltimento delle acque reflue.

Praia a Mare (CS)

Ancora sotto la guida del Sindaco Lomonaco - lo era ancora nel 2012 - il Comune si era costituito parte civile nel processo, ma il suo legale era stato l'unico a non citare in giudizio i responsabili civili (le aziende Marzotto ed ENI, quest'ultimo proprietario della Lanerossi dal 1962), né aveva chiesto la nomina di propri consulenti tecnici per le perizie. 

Dopo l'insediamento di un nuovo sindaco, gli avvocati nominati dal Comune hanno denunciato la preoccupazione che il processo presti scarsa attenzione al disastro ambientale (cfr. video della conferenza stampa). 

L'aggressione durata decenni contro il territorio di Praia a Mare e la salute della sua popolazione ha prodotto danni terribili, che si manifesteranno ancora tra molti anni. Come in altri posti - altrettanto belli - sarà difficile trovare la strada per cambiare insieme, affrontando e risolvendo le gravi inadeguatezze di chi doveve amministrare e proteggere, le contraddizioni, i sensi di colpa e di rivalsa. Aggressioni così feroci all'identità di una comunità, con la complicità quasi sempre anche di chi ne fa parte, si dovrebbe rigettarle subito anche per questo.

Pagina facebook dedicata al processo: 

https://www.facebook.com/processo.marlane

Note:

Gli imputati
http://www.pane-rose.it/files/index.php?c3:o44793:f-1

Francesco Cirillo ha seguito anche in passato vicenda e processo
http://illavorodebilita.wordpress.com/2014/09/24/verso-la-sentenza-marlane/

Sindaco e avvocati in conferenza stampa (febbraio 2014)
https://www.youtube.com/watch?v=VSUH98TXHJc

"Non potevano non sapere" (maggio 2014)
http://blog.libero.it/Napolipasquino/12805118.html

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/09/23/morti-sul-lavoro-chiesti-60-anni-di-carcere-per-i-vertici-della-ditta-tessile-marlane/1130480/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)