Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Filmato di fine anno a cura di PeaceLink

"2014: un anno in fumo"

PeaceLink si attende dal 2015 il deferimento del Governo Italiano alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea per il mancato rispetto dell'Autorizzazione Integrata Ambientale dell'ILVA. A luglio abbiamo saputo che i bambini di Taranto registravano un eccesso di tumori pari al +54% rispetto alla media regionale. Il silenzio di Napolitano ha accompagnato la negligenza e l'accidia della classe politica di governo che non ha saputo inginocchiarsi di fronte a questo martirio.
30 dicembre 2014
Associazione PeaceLink

COMUNICATO PEACELINK: "UN ANNO IN FUMO"

Il 2014 è stato l'anno in cui finalmente a Taranto hanno finito di dire che l'aria era "eccellente" e che quelli dell'ILVA erano "vapori". Ilva di Taranto

Il nostro bilancio del 2014 registra la fine dell'arroganza di chi ci voleva zittire.

L'aggravamento della procedura di infrazione europea ha fatto definitivamente chiarezza: PeaceLink ha avuto ragione. E con PeaceLink hanno avuto ragione tutti i cittadini indignati che non credevano alla narrazione tutta politica di una città rasserenata, pulita e bonificata.

Abbiamo invece per dodici mesi sostenuto che il pericolo delle emissioni dell'ILVA incombeva ancora sulla città. E alla fine con noi lo ha detto anche la Commissione Europea.

Oggi lo possiamo dire - misurazioni alla mano - con sempre maggiore sicurezza, dato che le concentrazioni degli IPA cancerogeni non cennano a dimuire in città quando le case subiscono il vento che viene dall'area industriale.

Per ricordare che Taranto è ancora una città a rischio, per l'ultimo dell'anno la web TV di PeaceLink trasmetterà dalle ore 8 in non stop su www.peacelink.it il filmato "Un anno in fumo".  Realizzato da Luciano Manna, il filmato raccoglie alcune delle immagini che l'associazione ha portato alla Procura della Repubblica. Esse documentano visivamente la prosecuzione dell'inquinamento dell'ILVA.

Sono quelle emissioni talmente evidenti che hanno fatto dire alla Commissione Europea: "La maggior parte dei problemi deriva dalla mancata riduzione degli elevati livelli di emissioni non controllate generate durante il processo di produzione dell'acciaio" (parere motivato del 16 ottobre 2014).

PeaceLink si attende dal 2015 il deferimento del Governo Italiano alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea per il mancato rispetto dell'Autorizzazione Integrata Ambientale. Il Governo Italiano sta tentando maldestramente, con il nuovo decreto pre-natalizio (tecnicamente ancora in fase di ultimazione), di modificare in peggio l'Autorizzazione, invece di mettere a norma gli impianti.

Questa dilatazione del cronoprogramma AIA sarà nefasto per la città. Ne esce malissimo l'immagine del governo italiano. Da due anni latita sulle regole di sicurezza ambientale relative alle emissioni degli impianti. I ministri si sono specializzati in decreti emergenziali non per mettere a norma gli impianti ma le situazioni di inadempienza.

I governi hanno dato pessima prova di sé. Negativo è stato il ruolo del Presidente della Repubblica Napolitano che non ha messo la salute dei cittadini di Taranto al primo posto, nonostante le pressanti richieste ricevute. A luglio abbiamo saputo che i bambini di Taranto registravano un eccesso di tumori pari al +54% rispetto alla media regionale. Il silenzio di Napolitano ha accompagnato la negligenza e l'accidia della classe politica di governo che non ha saputo inginocchiarsi di fronte a questo martirio.

Il 2015 sarà l'anno del contenzioso decisivo fra il Governo Italiano e la Commissione Europea.
 
Il rispetto delle norme europee non potrà essere rinviato ancora. Il governo italiano si potrà sottrarre alle norme europee solo peggiorando la sua già precaria situazione.

I cittadini di Taranto attendono giustizia, mentre il governo ha offerto solo un lungo elenco di promesse non mantenute.




Alessandro Marescotti
Presidente di PeaceLink
http://www.peacelink.i

Note: Il video di Luciano Manna http://youtu.be/IJWHgdubxQw

Articoli correlati

  • La plastica negli altoforni ILVA
    Editoriale
    Invece di ridurre il più possibile l'uso della plastica

    La plastica negli altoforni ILVA

    Vorrebbero alimentare gli altoforni ILVA con centomila tonnellate/anno di plastica. E' una quantità di plastica enormemente superiore a quella prodotta dai tarantini (che non producono mezza tonnellata di plastica all'anno). A Taranto arriverà la plastica di tutto il mondo?
    7 agosto 2020 - Alessandro Marescotti
  • Base navale NATO di Taranto verso l’ampliamento
    Disarmo
    Lo annuncia il sottosegretario pentastellato Mario Turco

    Base navale NATO di Taranto verso l’ampliamento

    “Andremo  a realizzare una importante infrastruttura portuale adeguata alle necessità d’ormeggio delle nuove Unità Navali Maggiori ed in genere ai nuovi bisogni operativi della Marina Militare”.
    28 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sull'ILVA
    Taranto Sociale
    L'ILVA multata per oltre 55 milioni di euro per non aver acquistato "certificati verdi"

    Lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sull'ILVA

    Richiesta di coinvolgimento dei cittadini ai sensi della Convenzione di Aarhus, recepita con legge 108/2001. Il Just Transition Fund non divenga la stampella per far proseguire ancora di qualche mese l'agonia dell'ILVA. Gli aiuti di stato sono vietati dal Trattato di Funzionamento dell'UE.
    23 luglio 2020 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • I terrapiattisti dell'ILVA
    Editoriale
    Come è recuperabile se perde cento milioni di euro al mese?

    I terrapiattisti dell'ILVA

    Nessuno ci ha mai spiegato come fa ad andare in equilibrio una fabbrica che, producendo meno di 4 milioni di tonnellate all'anno, dovrebbe superare i 7 milioni per raggiungere il pareggio.
    24 luglio 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)