Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Appello alla Commissione Europea

Frassoni (EGP), Battaglia (Peacelink): la Commissione lanci nuova ricerca e sperimentazione indipendente su Xylella

I successi ormai certi sul trattamento degli ulivi in Puglia devono essere presi in considerazione.
11 maggio 2015
Redazione Peacelink

ulivi del salento “La Commissione europea si faccia promotrice di una ricerca su larga scala che chiarisca una volta per tutte se la causa prima del disseccamento degli ulivi del Salento sia esclusivamente la Xylella fastidiosa e su quale sia il ruolo effettivo delle concause. Nel frattempo, è fondamentale che si valutino senza restrizioni e in modo approfondito le misure alternative al taglio degli alberi, peraltro già operative”.

Questa la richiesta della rappresentante di Peacelink a Bruxelles Antonia Battaglia e della Co-Presidente del Partito Verde Europeo Monica Frassoni.

“Come sperimentato sul campo dall’associazione pugliese Spazi Popolari e come proposto dalla Federazione Italiana Agricoltura Biologica e Biodinamica, esistono validi mezzi tecnici ed azioni di controllo per contenere il contagio e per far fronte al disseccamento degli ulivi, quali reti anti-insetto e vari trattamenti che rispettano l’agricoltura biologica.”[1]

"Esiste infatti un notevole scollamento tra la realtà sul terreno, dove è dimostrato che in alcuni casi gli ulivi risultano effettivamente guariti da ben due anni e la posizione delle autorità italiane, che insistono sulla strategia del taglio e dei pesticidi come soluzione” continuano Battaglia e Frassoni.

"Dopo più di due anni non ci sono infatti ancora certezze scientifiche: il caso della Xylella del Salento deve aprire le porte ad una ricerca a 360° che prenda in considerazione anche l’avviso dei batteriologi e le altre opinioni scientifiche in merito. Facciamo anche un pressante appello affinché la Commissione europea organizzi una nuova missione in loco dei suoi servizi competenti e chiediamo che questa volta venga inclusa anche la visita dei luoghi nei quali gli agricoltori ritengono di aver guarito le piante. Solo in questo modo sarà possibile avere una visione completa della situazione, evitando di basarsi su una documentazione scientifica incompleta e su scelte di natura ideologica."

Articoli correlati

  • Proposta indecente: armi "beni essenziali" esenti da iva
    Disarmo
    Commissione UE: armi " beni essenziali"

    Proposta indecente: armi "beni essenziali" esenti da iva

    Sinistra Europea nell’Europarlamento ha lanciato una campagna per bloccare l’iniziativa: "La proposta di finanziare con le nostre tasse, attraverso l’abbattimento dell’Iva, il commercio delle armi, è una proposta semplicemente criminale", ha commentato Paolo Ferrero, vice presidente di SE
    13 novembre 2021 - Gregorio Piccin
  • Scendere in campo per Julian Assange: una nuova strategia
    Pace
    Basta difenderlo, ora attacchiamo!

    Scendere in campo per Julian Assange: una nuova strategia

    Invece di essere sempre sulla difensiva, cercando di smontare le accuse false fatte contro Julian Assange dai governi USA/UK, due gruppi di attivisti, suoi estimatori – uno a Londra e l’altro a Roma – hanno deciso di passare all'attacco.
    16 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".
    Pace
    Precisazione riguardante l’ipotesi di sanzioni UE contro gli USA e l’UK

    Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".

    Il movimento Our Voice (www.ourvoice.it) approva la richiesta di sanzioni contro gli USA e l’UK per i loro continui abusi contro il giornalista Julian Assange: “E’ una provocazione”, dice, “utile per evidenziare i doppi standard dell’UE”. Ma aggiunge che le sanzioni richieste devono essere mirate.
    9 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange
    Pace
    Basta con la criminalizzazione dell’editore di Wikileaks!

    Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange

    Attivisti statunitensi e italiani residenti a Roma hanno chiesto all’UE di sanzionare gli USA e il Regno Unito per i loro atti persecutori contro Julian Assange: detenzione arbitraria, tortura psicologica, censura – misfatti regolarmente sanzionati dall'UE quando a commetterli sono regimi autoritari
    7 ottobre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)