Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

I risultati pubblicati sul Lancet destano preoccupazione

Abitare in strade trafficate aumenta il rischio di demenza

Questo studio osservazionale canadese, basato su un campione di popolazione enorme (oltre sei milioni di persone considerate), dimostra come ci sia una relazione, statisticamente significativa.
8 gennaio 2017
Mario Giannotti Santoro

Siamo a conoscenza già da molti anni della relazione esistente tra agenti inquinanti, in particolare derivati della combustione, e ridotte capacità cognitive, perché è stata dimostrata in diversi studi scientifici. L’articolo recentemente pubblicato su Lancet, una delle più prestigiose riviste scientifiche internazionali, desta tuttavia preoccupazioni ancora maggiori. 

Questo studio osservazionale canadese, basato su un campione di popolazione enorme (oltre sei milioni di persone considerate), dimostra come ci sia una relazione, statisticamente significativa, tra la distanza della propria abitazione da una strada ad alto scorrimento e la possibilità di sviluppare demenza. Quest’ultima è una malattia neurodegenerativa, caratterizzata dal  progressivo e irreversibile peggioramento delle funzioni cognitive e causa la perdita di memoria, disturbi dell’ideazione e della comprensione, disturbi della parola, incapacità di eseguire movimenti coordinati, alterazioni dell’umore. In particolare abitando a meno di cinquanta metri da una grande strada trafficata il rischio di sviluppare demenza risulta aumentato del 7-12% ( rischio che si riduce con l’aumentare della distanza tra abitazione e strada ad alto scorrimento). Questo dato è stato confermato anche dopo aver eseguito una correzione indiretta di alcuni fattori confondenti come il fumo, la scolarità, il BMI e l’attività fisica.

 Le cause, tuttavia, risultano ancora sconosciute ma i dati derivanti da sperimentazione animale e dai riscontri autoptici hanno dimostrato come i derivati della combustione generino un’infiammazione a livello del cervello che favorisce la formazione di depositi di amiloide e “cicatrici” che in definitiva conducono alla demenza. Dallo studio è anche emerso che l’esposizione a polveri sottili PM2.5 e biossido di azoto è correlato ad una maggiore incidenza di demenza, ma la relazione più importante rimane quella con la vicinanza ad una strada trafficata. Probabilmente oltre al ruolo fondamentale costituito da questi due noti inquinanti va considerato anche il contributo di altri agenti inquinanti non considerati o sconosciuti e di altri fattori caratteristici delle abitazioni in prossimità di strade ad alto scorrimento come l’esposizione continua al rumore, il sonno disturbato, la ridotta possibilità di fare attività fisica.

Note: Bibliografia essenziale

Hong Chen, PhD et al. Living near major roads and the incidence of dementia, Parkinson's disease, and multiple sclerosis: a population-based cohort study, Lancet, January 4, 2017, http://dx.doi.org/10.1016/S0140-6736(16)32399-6



Wellenius GA, Boyle LD, Coull BA, et al. Residential proximity tonearest major roadway and cognitive function in community-dwelling seniors: results from the MOBILIZE Boston Study. J Am Geriatr Soc 2012; 60: 2075–80.



Calderon-Garciduenas L, Solt AC, Henriquez-Roldan C, et al. Long-term air pollution exposure is associated withneuroinfl ammation, an altered innate immune response, disruption of the blood-brain barrier, ultrafi ne particulate deposition, andaccumulation of amyloid beta-42 and alpha-synuclein in childrenand young adults. Toxicol Pathol 2008; 36: 289–310.

Allegati

  • Lo studio in inglese

    568 Kb - Formato pdf
    Living near major roads and the incidence of dementia, Parkinson’s disease, and multiple sclerosis: a population-based cohort study
  • Smog e demenza

    Mario Giannotti Santoro
    17 Kb - Formato docx

Articoli correlati

  • Un aggiornamento dei dati sui tumori infantili a Taranto
    Taranto Sociale
    L'89% dei pazienti si cura fuori delle strutture sanitarie della provincia

    Un aggiornamento dei dati sui tumori infantili a Taranto

    Si conferma un numero di casi osservati superiore al numero dei casi attesi. Coordinatrice: Lucia Bisceglia. Curatori e curatrici: Rossella Bruni, Danila Bruno, Maria Giovanna Burgio Lo Monaco, Vincenzo Coviello, Francesco Cuccaro, Ivan Rashid.
    16 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Cittadini per l'aria: le nuove guide OMS
    Consumo Critico
    Linee guida OMS, qualità aria

    Cittadini per l'aria: le nuove guide OMS

    Intervista ad Anna Gerometta, presidente dell'associazione Cittadini per l'Aria sulle nuove linee guida dell’OMS che sulla qualità dell'aria che suggeriscono limiti più stringenti.
    30 settembre 2021 - Linda Maggiori
  • Inquinamento e cirrosi epatica
    Ecodidattica
    La cirrosi risulta associata all'esposizione a lungo termine a PM10, PM2,5, PM grossolano e NO2

    Inquinamento e cirrosi epatica

    Uno studio di coorte sull'esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico e sull'incidenza della cirrosi epatica, realizzato da Riccardo Orioli, Angelo Solimini, Paola Michelozzi, Francesco Forastiere, Marina Davoli e Giulia Cesaroni.
    Redazione Ecodidattica
  • Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici
    Ecologia
    ONU, 2021-2030 dedicato al ripristino degli ecosistemi

    Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici

    La situazione è grave, il nostro pianeta sempre più inquinato, in forte crescita l’uso di plastica, prodotti chimici e pesticidi. La pandemia ha intensificato il rilascio di rifiuti nell’ambiente.
    29 giugno 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)