Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

L'acciaieria ArcelorMittal a Gent inquina come l'Ilva di Taranto

I dati del registro europeo a confronto
15 febbraio 2017

Gli stabilimenti ArcelorMittal a Gent e Ilva a Taranto I recenti proclami di propaganda positiva per l'interessamento di ArcelorMittal alla gestione dell'Ilva di Taranto devono fare i conti con i dati dichiarati dagli stessi gestori degli impianti e pubblicati sul registro europeo E-PRTR. Non conosciamo ancora il piano che l'eventuale acquirente vuole adottare per il siderurgico tarantino ma conosciamo le sue emissioni che "parlano" chiaramente e meglio di qualsiasi altre promesse dichiarate su piani ambientali "green" solo sulla carta o nelle dichiarazioni alla stampa che avrebbero l'unico intento di rassicurare l'opinione pubblica.

Queste le emissioni dello stabilimento di ArcelorMittal nella città belga di Gent (Gand) riferiti all'anno 2014, il più recente disponibile sul sito del registro europeo.

Biossido di carbonio (Anidride carbonicaCO2) 3690000 ton, Cadmio (Cd) 114 kg, Cromo (Cr) 345 kg, Rame (Cu) 581 kg, Nichel (Ni) 319 kg, Piombo (Pb) 10.8 ton, Zinco (Zn) 5.42 ton, particolato PM10 1020 ton, Monossido di Carbonio (CO) 122000 ton, Composti Organici Volatili (VOC) 1440 ton, Ossido d'Azoto (NOx/NO2) 5410 ton, Ossido di Zolfo (SOx/SO2) 5460 ton, Benzene 10.9 ton, Naftalene 907 kg.

E' interessante accostare i numeri di queste emissioni a quello dello stabilimento Ilva di Taranto, infatti in alcuni casi l'acciaieria di ArcelorMittal emette più inquinanti dell'Ilva se prendiamo in considerazione il PM10: Ilva per il 2014 dichiara 217 tonnellate contro le 1020 di ArcelorMittal. Più o meno le stesse quantità per gli inquinanti Ossido d'Azoto (NOx/NO2) e Ossido di Zolfo (SOx/SO2): Ilva sempre per lo stesso anno dichiara rispettivamente 5700 e 4420 tonnellate, 5410 e 5460 per ArcelorMittal. Per il Monossido di Carbonio (CO) Ilva dichiara 104000 tonnellate contro le 122000 di ArcelorMittal. O ancora per il Benzene dove Ilva dichiara 3.78 tonnellate mentre l'acciaieria belga ne dichiara 10.9.

Per gli altri inquinanti è invece lo stabilimento Ilva di Taranto ad emettere più inquinanti, o in altri casi nella stessa misura dell'acciaieria di Gent, ma questa non è una gara a chi inquina meno (o di più), non si gioca sulla pelle di chi oggi di fronte a "malattie e morte" certificate dagli studi epidemiologici viene invitato ad accontentarsi dell'ennesimo proclamo di propaganda affinchè si prenda tempo su un evidente fallimento politico: quello messo in atto dai nostri ultimi governi per mezzo di una decina di decreti che hanno violato le più elementari norme ambientali.

Note: Fonte dati E-PRTR http://prtr.ec.europa.eu

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia
    Ecologia
    Il pentastellato confonde milioni per miliardi

    Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia

    A proposito dell'ILVA il ministro del MISE più volte pronuncia con convinzione numeri privi di senso davanti alla telecamera di Repubblica, confondendosi in un crescendo di amenità senza capo né coda
    5 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura
    Editoriale
    Il Green New Deal per l'ILVA prevede di allungare i tempi di messa a norma degli impianti

    Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura

    Sentirete parlare di un nuovo stabilimento siderurgico "green" per Taranto, con un nuovo piano ambientale ambizioso e all'avanguardia. Non vi fate abbindolare. Il vero scopo del nuovo piano è quello di dare altri due anni di tempo per la messa a norma degli impianti. Intanto la gente muore.
    3 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)