Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

"Ambiente Svenduto"

"I cittadini di Taranto per molti anni non hanno saputo di vivere in un ambiente contaminato dalla diossina"

Testimonianza fiume di Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink, al processo per disastro ambientale a Taranto
16 maggio 2017
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

TARANTO -«I cittadini di Taranto per molti anni non hanno saputo di vivere in un ambiente contaminato dalla diossina, un inquinante altamente cancerogeno che può anche modificare e danneggiare il Dna che i genitori trasferiscono ai figli». E’ quanto ha sottolineato oggi il presidente di Peacelink Taranto Alessandro Marescotti deponendo nel corso dell’udienza del processo 'Ambiente svendutò per il presunto disastro ambientale causato dall’Ilva». Udienza del 16 gennaio 2017, testimonianza di Alessandro Marescotti


L’associazione ambientalista, parte civile nel processo, lanciò il primo allarme nell’aprile 2005 sostenendo, con un comunicato stampa, come a Taranto vi fosse «l'8,8% della diossina industriale europea». Peacelink realizzò il proprio dossier consultando il database europea Eper nel quale erano presenti i dati della diossina. Nel 2008 l’associazione commissionò un’analisi di diossina per esaminare un formaggio prodotto con latte di pecore e capre che avevano pascolato attorno all’Ilva. «I dati delle analisi - ha ricordato ancora l'ambientalista - fornirono un verdetto chiaro: i valori di legge erano superati di ben tre volte per la diossina e i PCB.

Dopo quelle analisi presentammo un esposto alla Procura e le indagini confermarono la gravità della situazione. Duemila pecore e capre furono abbattute e i pastori finirono sul lastrico». Oggi hanno deposto anche alcuni periti di parte, ma l'accoglimento di un’eccezione presentata dalle difese si è tradotta nell’impossibilità per i testi di esprimere valutazioni tecniche o di rassegnare conclusioni. La loro deposizione è stata limitata alla semplice elencazione dei fatti conosciuti.

PROSSIME UDIENZE IL 30 E 31 - Sono previste per il 30 e il 31 maggio prossimi le prossime udienze del processo per il presunto disastro ambientale causato dall’Ilva. Oltre al presidente di Peacelink Alessandro Marescotti, che ha parlato del formaggio contaminato dalla diossina che fece analizzare e portò alla procura della Repubblica, e dei rapporti istituzionali tra l'associazione, il sindaco Ippazio Stefano e l’ex presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, che - a detta dell’ambientalista - non avrebbero ascoltato i loro appelli, hanno deposto tre periti di parte, un allevatore e l’ex presidente dell’Istituto autonomo case popolari. Al processo sono imputate 44 persone fisiche e la società Partecipazioni Industriali. 

Articoli correlati

  • Vince la cittadinanza attiva
    Editoriale
    La batteria 12 della cokeria dell'ILVA di Taranto va fermata

    Vince la cittadinanza attiva

    Vince contro le pretese dell'azienda di continuare a produrre nonostante tutto, nonostante la grave situazione sanitaria dovuta all'inquinamento. Impianti fuori norma, come la cokeria 12, non possono continuare a produrre.
    21 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto
    Ecologia
    Il TAR Lazio scrive che occorre "operare per la messa fuori produzione della batteria 12"

    Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto

    Rigettate le motivazioni anti-covid alla base dei ritardi della messa norma della più grande batteria della cokeria ILVA. PeaceLink si era costituita "ad opponendum" rispetto all'istanza di Acciaierie d'Italia che richiedeva lo slittamento al gennaio 2022 dell'adempimento ambientale.
    21 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro
    Processo Ilva
    Autori: Forastiere, Biggeri, Triassi

    ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro

    Conclusioni: "L’esposizione continuata agli inquinanti dell’atmosfera emessi dall’impianto siderurgico ha causato e causa nella popolazione fenomeni degenerativi di apparati diversi dell’organismo umano che si traducono in eventi di malattia e di morte".
    Redazione PeaceLink
  • "Stop batteria 12 della cokeria"
    Taranto Sociale
    Acciaierie d’Italia, nonostante il decreto ministeriale, non ha fermato l'impianto a Taranto

    "Stop batteria 12 della cokeria"

    “Ce la mettiamo tutta per fermare la batteria 12 della cokeria - dice il portavoce di Peacelink, Alessandro Marescotti - abbiamo già depositato l'atto e martedì con il nostro avvocato siamo inviatati a partecipare alla discussione. Abbiamo fatto ricorso ad opponendum contro Acciaierie d'Italia".
    18 luglio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)