Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Dipendente Eni offende Arpa e Ispettori. Il Ministero diffida: inosservanza delle prescrizioni

Le criticità rilevate durante l'ispezione e la conseguente diffida del MATTM
14 settembre 2017

Verbale attività Facendo seguito all’allegata nota prot. 31737del 27/06/2017, pervenuta dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA) in relazione agli esiti dei controlli effettuati presso l’installazione in oggetto, si diffida codesta Società, ai sensi dell’art. 29-decies, comma 9, del D.Lgs.152/06 e s.m.i., ad effettuare quanto richiesto nella stessa e nei tempi ivi proposti, da intendersi decorrenti dalla ricezione della presente. Si rammenta, in proposito, che il suddetto articolo alla lettera b) prevede che l’autorità competente proceda “alla diffida e contestuale sospensione dell’attività per un tempo determinato… nel caso in cui le violazioni siano comunque reiterate più di due volte l’anno”. Infine codesta Società è invitata a comunicare tempestivamente alla Scrivente e ad ISPRA informazioni sulle misure adottate per risolvere le inadempienze rilevate nella sopracitata nota.

Recita così la diffida che il Ministero dell'Ambiente notifica alla società Eni che gestisce la raffineria di Taranto. L'ispezione del Gruppo Ispettivo composto dal personale di Arpa Puglia ed ispra ha svolto la programmata ispezione nei giorni 24, 25 e 26 magio 2016 a seguito della quale vengono rilevate diverse criticità: sversamenti, presenza di vegetazione, mancanza di convogliamento delle acque meteoriche, mancanza di valvole di sicurezza per evitare sversamenti. Lacune nelle procedure in merito al carico e scarico degli idrocarburi, inaccessibilità dei pozzetti di campionamento, inquinanti in falda, presso gli scarichi ed emissioni odorigene presso alcuni impianti. Criticità che nel dettaglio possono essere acquisita per mezzo del seguente documento Eni Relazione Isp Mag 16 Arpa.

L'accertamento delle violazioni e la proposta di diffida vengono inviate da Ispra al MATTM (Ministero dell'Ambiente) il 27 giugno 2017 e di seguito lo stesso Ministero ha notifca la diffida al Gestore Eni per inosservanza delle prescrizioni. (Documenti in allegato).

Episodio inconsueto e rilevante, che serve a far comprendere in quale clima si svolgono queste ispezioni, è quanto verbalizzato durante l'ultimo giorno di ispezione. 

"Si dà atto che il controllo ordinario in oggetto è stato interrotto alle ore 17:00 dell giornata odierna per la seguente motivazione: nel corso delle attività di verbalizzazione effettuate negli uffici di Eni, un dipendente della Società Eni spa si rivolgeva ai funzionari di Arpa Puglia, presenti all'ispezione, e componenti del Gruppo Ispettivo, con frasi offensive. Sulla base di tali eventi i funzionari di Arpa Puglia componenti del Gruppo Ispettivo hanno deciso di interrompere le attività di controllo in corso lasciando gli uffici di Eni".

Di seguito i motivi della diffida nel documento di Isrpa. (Pdf in allegato)

Proposta di diffida

Proposta di diffida


Allegati

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)