Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Ha scritto un post su Facebook sull'immunità penale

Ilva, la ministra Barbara Lezzi (M5s) sommersa dalle critiche

"Da tempo siamo al lavoro per porre rimedio, in via normativa, alla questione dell'immunità penale", scrive la ministra del Sud. "Vergognatevi, ed abbiate la decenza di non scrivere ca****e, Taranto ed i suoi cittadini non si meritano altre prese per il c*** dal movimento". E' solo uno dei commenti
9 febbraio 2019
Redazione PeaceLink

La ministra Barbara Lezzi (M5S) "Vergognatevi, ed abbiate la decenza di non scrivere ca****e, Taranto ed i suoi cittadini non si meritano altre prese per il c*** dal movimento". Quello di A.B. è solo uno dei commenti che in queste ore stanno piovendo sulla ministra Lezzi, che su Facebook ha scritto: "Da tempo siamo al lavoro per porre rimedio, in via normativa, alla questione dell'immunità penale".

F.M scrive: "Vergogna, basta un decreto legge per superare questa discriminazione, dopo aver tradito i tarantini ora non venire a menar il cane per l'AIA".

A.B. scrive: "Ancoraaaaa! Barbara Lezzi avete avuto la possibilità di chiuderla, di togliere l'immunità e di applicare quel contratto di governo che diceva "chiusura delle fonti inquinanti", l'avvocatura di stato vi ha dato ampia scelta per farlo, ma avete voltato le spalle a tutti i tarantini. Vergognatevi, ed abbiate la decenza di non scrivere ca****e".

G.I. ama la creatività: "Vi aiuto a sintetizzare in lingua locale: 'Sull’Ilva no avit fatt nu cazz piccè nind sapit fa. Tand valit, nind'. Smettetela di scrivere con tanta sfacciataggine delle nostre vite, non vi è consentito. Andate a giocare ai piccoli social media manager da un’altra parte".

D.C. ama la sintesi: "Basta chiacchiere buffoni..."

B.J.C. lo segue a ruota: "Sempre la stessa strofa".

V.S. pure: "Ce ne vuole di coraggio..."

E.B. è più assertivo: "Avete tutti gli strumenti politici per FARE DLL nel nome della Vita, della Giustizia e dell’Ambiente: siete al Governo! È inutile questo tipo di comunicazione: “siamo a lavoro da tempo”. Finitela di rifugiarvi dietro le scuse, gli alibi e giustificazioni di vario tipo! Il tempo è scaduto da un pezzo, prendetene atto! Avete SCELTO delle posizioni politiche riguardo a Ilva, così come sulla Tap, per cui siete stati abbondantemente giudicati!" 

G.S.C. aggiunge: "Ma davvero credete che questa perenne campagna elettorale vi aiuti? Sono mesi che scrivo ai rappresentanti del governo per scendere e visionare le problematiche al Sud e il nulla si mischia col niente".

M.L. scrive: "Ministro vogliamo fatti non parole. Per ora su Ilva siete stati come gli altri (Pd e Fi) e questo e' tutto dire!! Mentre voi però "siete al lavoro e cercate di porre rimedio alla questione dell'immunità penale", Le ricordo che qui si MUORE!"

ILVA

L.L.P è sarcastico: "In effetti, avete depositato un sacco di disegni e proposte di legge per abrogarla!!!"

P.P. guaragna molti like scrivendo: "Dovete chiedere scusa ai tarantini che avete illuso. VERGOGNA!"

S.R.F. ricorda: "Davanti alle portinerie cosa dicevate? CHIUSURA E RICONVERSIONE. Siete complici. Ci avete fregato una volta. Non ci fregare più".

A.V. scrive: "Dimettetevi se avete un briciolo di dignità!!"

Ma c'è anche - è una sparuta minoranza - chi apprezza la minuistra, come A.S. che scrive: "L'integrità e la convinzione nel voler perseguire gli obiettivi per la città di Taranto trovano ancora una volta conferma in queste dichiarazioni. Gli altri possono solo contestare perché non riescono a capire cosa è successo e perché sono intossicati dai loro limiti ideologici. Grazie Ministro Lezzi".

A dare una mano ad A.S. interviene M.G.C.: "Dopo decenni che nessuno ha fatto niente per migliorare questa situazione, adesso tutti pretendono che con un colpo di bacchetta magica tutto come per incanto torni ad essere come prima, anzi no, meglio di prima. Ma smettetela, la fretta vi è venuta solo adesso che finalmente qualcuno sta cercando di fare qualcosa. Perché non avete contestato quando c'erano i governi precedenti?"

Ma non fa in tempo a scrivere queste parole che viene travolta da V.O. che esplode: "Che vergogna, arrampicarsi sul carro della Magistratura che sta tentando, ancora una volta, di proteggere la salute e i diritti dei tarantini!! Voi siete al governo!! Potevate abrogare l'immunità penale in mezza giornata, se solo aveste avuto la VOLONTÀ POLITICA E LE P***E PER FARLO!!! Abbiate la dignità di non prenderci ulteriormente per il c***, grazie. Una vostra ex elettrice, da Taranto".

E.C. non ne può più e attacca i pentastellati: "Ma ancora avete il coraggio di parlare di Ilva? Siete senza vergogna".

M.R., un attivista tarantino, è durissimo: "Vergognatevi, impostori. Non avete cambiato neppure una delle norme in favore di Ilva. La magistratura sta agendo anche in vece della vostra complice e mortale inazione... ma voi siete solo il nulla mischiato alla peggior propaganda".

Il diluvio di critiche alla ministra potete seguirlo in diretta qui.

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia
    Ecologia
    Il pentastellato confonde milioni per miliardi

    Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia

    A proposito dell'ILVA il ministro del MISE più volte pronuncia con convinzione numeri privi di senso davanti alla telecamera di Repubblica, confondendosi in un crescendo di amenità senza capo né coda
    5 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura
    Editoriale
    Il Green New Deal per l'ILVA prevede di allungare i tempi di messa a norma degli impianti

    Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura

    Sentirete parlare di un nuovo stabilimento siderurgico "green" per Taranto, con un nuovo piano ambientale ambizioso e all'avanguardia. Non vi fate abbindolare. Il vero scopo del nuovo piano è quello di dare altri due anni di tempo per la messa a norma degli impianti. Intanto la gente muore.
    3 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)