Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Taranto deve salvare i suoi bambini

Una Fiaccolata per ricordare i bambini vittime d'inquinamento industriale
25 febbraio 2019

Taranto 25 febbraio 2019

Un bambino ha il diritto di vivere. Un bambino ha il diritto di stare bene. 

Perché sia vero, quando diciamo le parole “ambiente” o “inquinamento” dobbiamo sentirci l’eco delle voci dei nostri bambini, che non possono opporsi alle scelte degli adulti. In molti territori del nostro Paese sta diventando sempre più chiaro che, se non proteggiamo l'ambiente e non preveniamo l'inquinamento, sarà impossibile costruire il benessere delle persone che amiamo e dei più giovani, e che nel loro nome e per il loro futuro occorre fare scelte di sviluppo diverse, non imposte dall'alto, più umane e legate a bisogni reali indissolubili dai diritti fondamentali,  proteggendo così anche le popolazioni di altre aree del Mondo.

E anche se non sarà mai facile riuscire a dare un nuovo corso alle scelte delle istituzioni e fermare chi inquina, tutto il dolore vissuto e incontrato nella città di Taranto forse offrirà strade per capire e agire più in fretta in tanti altri luoghi d'Italia, già colpiti duramente dall'inquinamento o che ne subiranno comunque le conseguenze a causa della circolazione dei rifiuti, dell'aria, delle acque, degli alimenti e dei troppi interessi pronti a cogliere occasioni di grandi guadagni, anche illeciti.

Molti genitori di questa città, ammirevoli e generosi, hanno messo a disposizione il loro dolore per fare circolare consapevolezza, idee e tutta la tenacia di cui ogni giorno c'è bisogno, qualche volta usando le stesse parole dei loro ragazzi più grandi che non ci sono più.

Da questo dolore, venga anche una spinta più forte a proteggere tutti i bambini, non fa differenza quale sia la terra dove poggiano i loro primi passi.

Gli atti internazionali che proteggono i bambini

La prima Dichiarazione dei diritti del fanciullo (Ginevra, 1924), dopo le atrocità della Prima guerra mondiale, ricordò alla comunità internazionale la fragilità dei bambini, che devono essere i primi a ricevere protezione in ogni circostanza. Le Nazioni Unite recepirono e ampliarono quel documento con la Dichiarazione del 1959, e più recentemente, affermando diritti e opportunità che partono dai bambini per perseguire valori e speranze di umanità, progresso civile e pace, hanno chiesto agli Stati di assumere impegni precisi con la ratifica della “Convenzione sui diritti dell'Infanzia” del 1989. Prima di tutto e da sempre, un bambino ha il diritto di vivere e di vedere preservata dagli adulti la sua salute (articoli 6 e 24 della Convenzione)

Articoli correlati

  • Per la Giornata internazionale dei rifugiati
    Migranti
    Tutte e tutti siamo esseri umani in cammino. Tutte e tutti abbiamo bisogno di aiuto.

    Per la Giornata internazionale dei rifugiati

    Chiediamo ad ogni persona di volonta' buona, ad ogni associazione ed istituzione democratica di insorgere nonviolentemente in difesa della legalita' che salva le vite; in difesa della Costituzione antifascista che nessun essere umano abbandona; in difesa di ogni essere umano e dell'umanita' tutta.
    19 giugno 2020 - Peppe Sini
  • Nel Green New Deal c’è la chiave per porre definitivamente fine alle guerre
    Disarmo
    Oggi gli USA spendono settanta miliardi di dollari l’anno per guerre senza fine

    Nel Green New Deal c’è la chiave per porre definitivamente fine alle guerre

    Convertire l’intera rete energetica in energia rinnovabile costerebbe quasi duemila miliardi di dollari in meno delle guerre contro l’Iraq e l’Afganistan.
    13 maggio 2020 - Lindsay Koshgarian
  • Disastro ambientale nell’Artico
    Ecologia
    A rischio la rete dei fiumi siberiani

    Disastro ambientale nell’Artico

    Dichiarato da Putin lo stato di emergenza. Ci vorranno decenni per sanificare il fiume Ambarnaja, nella Siberia centrale. L'area delle città Norilsk era già considerata una delle più inquinate della Russia per via delle attività estrattive.
    4 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • L’attivismo per la Palestina
    Palestina
    Un popolo distrutto dallo strapotere di un governo occupante e criminale

    L’attivismo per la Palestina

    Gaza vive ancora grazie a questo Mosaico di Pace attivista e alle tante associazioni filopalestinesi che spendono e dedicano la vita a una causa nobile come è la sopravvivenza ed esistenza del popolo palestinese e di tutti i popoli del mondo, nel filo rosso dell’amore per l’umanità intera
    2 giugno 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)