Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Peccato perché volevamo discutere i dati sanitari e gli eccessi di mortalità vicino agli impianti

I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni

Vi è una differenza fra il 24 aprile e il 24 giugno 2019. Il 24 aprile furono convocate le associazioni. Oggi no. La Segreteria del Capo di Gabinetto del Ministro dello sviluppo economico ha fatto sapere tramite email a PeaceLink che "non è previsto alcun incontro".
23 giugno 2019
Redazione PeaceLink

ILVA

Arriveranno a Taranto sei ministri pentastellati ma ci è stato comunicato che non è previsto alcun incontro con le associazioni.

Venerdì scorso PeaceLink aveva scritto al MISE per sapere se lunedì 24 giugno fosse previsto l'incontro del ministro Di Maio con le associazioni.

La Segreteria del Capo di Gabinetto del Ministro dello sviluppo economico ha fatto sapere tramite email a PeaceLink che "non è previsto alcun incontro". Nella comunicazione si aggiunge che "sarà comunque organizzata a breve una occasione di incontro ad hoc".

PeaceLink avrebbe voluto illustrare ai ministri un dossier sugli eccessi di mortalità a Taranto nei quartieri più vicini al polo industriale. Tali eccessi sono stati calcolati con i dati certificati dall'anagrafe comunale. Gli eccessi di mortalità nel quartieri Tamburi, Borgo e Paolo VI risultano confermati anche in tutto il 2018, anno in cui si è insediato l'attuale governo.

Facendo un raffronto con il dato atteso calcolato su base cittadina, nel quartiere Tamburi per il 2018 si sono osservati 33 decessi in più dell'atteso. Nel quartiere Paolo VI l'eccesso di mortalità è di 31 persone mentre nel quartiere Borgo l'eccesso di mortalità è di 12 persone.
Complessivamente l'eccesso di mortalità nel 2018 riguarda complessivamente - per i tre quartieri sopra citati, che sono i più vicini agli impianti industriali - 76 persone, di cui 55 uomini e 21 donne.


La tabella dei dati degli eccessi di mortalità sono consultabili online qui. I decessi attesi quartiere per quartiere sono calcolati avendo come riferimento il dato della città, mentre quelli osservati sono i dati dell'anagrafe comunale.

Articoli correlati

  • Veleno
    Cultura
    Metti una notte d'estate

    Veleno

    Ecco cosa accade qui, nella terra amata dai greci e dai romani, nella terra che giace su due mari, tesoro di meraviglie d'arte e natura. Qui, prendi confidenza con benzene, acido solfidrico e anidride solforosa più che con i delfini del Golfo.
    19 agosto 2020 - Viviana Sebastio
  • Sessanta anni fa nasceva lo stabilimento siderurgico di Taranto
    Ecologia
    Il 9 luglio 1960 veniva posta la prima pietra

    Sessanta anni fa nasceva lo stabilimento siderurgico di Taranto

    Pubblichiamo qui un'interessante ricerca del prof. Enzo Alliegro che ricostruisce la nascita della fabbrica, andando a focalizzare aspetti inediti della sua storia, con particolare riguardo alle problematiche ambientali e sanitarie
    9 luglio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Open Data, citizen-science e ambientalismo
    Citizen science

    Open Data, citizen-science e ambientalismo

    L'esempio di PeaceLink a Taranto e possibili campagne in Sicilia
    12 giugno 2019 - Francesco Iannuzzelli
  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)