Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Un intervento statale di salvataggio brucerebbe risorse importanti per rilanciare l'occupazione

Salvare l'ILVA toglierebbe posti di lavoro e rinvierebbe solo di qualche mese la sua fine

Un governo disposto a nazionalizzare e a pagare 100 milioni di euro di perdite mensili pur di salvare l'ILVA, di fatto toglierebbe posti di lavoro, non li salverebbe. Infatti con 100 milioni di euro si darebbe un reddito a molte più persone di quante sono occupate in questa azienda decotta

ILVA di Taranto

Sapete quanto occorre ogni mese per tenere aperta l'ILVA? Una somma di 100 milioni di euro. Lo dice il Sole 24 Ore. A tanto ammontano infatti le attuali perdite dell'ILVA. Una cifra pazzesca (ed è per questo che Mittal va via, e fa bene). Che fare? Nazionalizzare?
Un governo disposto a nazionalizzare e a pagare 100 milioni di euro di perdite mensili pur di salvare l'ILVA, di fatto toglierebbe posti di lavoro, non li salverebbe. Infatti con 100 milioni di euro si darebbe un reddito ad almeno 50.000 persone. Pensateci: 50.000 x 2.000 euro= 100.000.000 di euro. E' un calcolo semplice.

Un prelievo fiscale per salvare con 100 milioni di euro/mese 15.000 posti di lavoro, perpetuando le pedite di esercizio dell'ILVA contro ogni logica di buona amministrazione aziendale, sarebbe una sciagura per una collettività che potrebbe beneficiare in ben altro modo dei 100 milioni mensili necessari a tenere in piedi la baracca cadente del'ILVA. Sottraendo denaro pubblico ad altri settori si condanna l'intera città alla morte sociale. E si sottrae il futuro agli stessi lavoratori ILVA. Alla follia opporremo i lumi della ragione: l'ILVA va chiusa per tenere aperta la speranza e per garantire il futuro di Taranto. Mi auguro che ArcelorMittal tolga la spina quanto prima a questo stabilimento in coma farmacologico da anni.

Stop all'accanimento terapeutico!

La morte dell'ILVA sarà la nostra salvezza.

Articoli correlati

  • "Quest’ammasso di rottame venga chiuso"
    Ecologia
    ILVA, parole di rabbia e di dolore

    "Quest’ammasso di rottame venga chiuso"

    La sorella di Cosimo Massaro, il gruista siderurgico morto un anno fa, nella commemorazione ha avuto parole dure verso la fabbrica e ha detto ai lavoratori: "Il posto dove lavorate è la morte".
    AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Per ricordate il gruista ILVA Cosimo Massaro
    Ecologia
    Oggi la commemoriazione

    Per ricordate il gruista ILVA Cosimo Massaro

    Il 10 luglio 2019 una tromba d'aria a 110 chilometri orari si abbatteva a Taranto sulle grandi gru del quarto sporgente dell’Ilva. Rimase intrappolato Cosimo Massaro
    10 luglio 2020 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Sessanta anni fa nasceva lo stabilimento siderurgico di Taranto
    Ecologia
    Il 9 luglio 1960 veniva posta la prima pietra

    Sessanta anni fa nasceva lo stabilimento siderurgico di Taranto

    Pubblichiamo qui un'interessante ricerca del prof. Enzo Alliegro che ricostruisce la nascita della fabbrica, andando a focalizzare aspetti inediti della sua storia, con particolare riguardo alle problematiche ambientali e sanitarie
    9 luglio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Un anno fa nell'ILVA la tragica morte del gruista Cosimo Massaro
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    Un anno fa nell'ILVA la tragica morte del gruista Cosimo Massaro

    La tragedia di questa famiglia si accomuna alla tragedia delle tante famiglie vittime dell'ILVA. Ora più che mai sentiamo urgente l'impegno di porre termine all'inutile strage.
    9 luglio 2020 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)