Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

A proposito di una dichiarazione della Fiom

La rabbia dei lavoratori ILVA

La rabbia può essere giusta e sacrosanta se crea una società migliore ma, se non si farà carico dei problemi e dei sentimenti della restante popolazione, sarà l'anticamera dell'isolamento e della sconfitta.

Il segretario genovese della Fiom, Bruno Manganaro, ha detto: «Quello che ci vorrebbe adesso è la rabbia dei lavoratori, l'unica che può farci uscire dalla palude».
Vediamo quanto conta la rabbia dei lavoratori nella risoluzione di questi problemi?

Cominciamo subito.

1) Ilva perde 100 milioni di euro al mese.
2) Non avrà più clienti perché se li porta via Mittal.
3) Il mercato dell'acciaio è strutturalmente in crisi per eccesso di capacità produttiva.
4) Ci sono i dazi di Trump.
5) La Cina fa una concorrenza impossibile da fronteggiare.
6) I prezzi delle materie prime siderurgiche stanno salendo per la ripresa cinese e questo peggiora le perdite.
7) La Cassa Depositi e Prestiti ha uno statuto che vieta di usare i soldi dei risparmiatori postali per ripianare i debiti di un'azienda.
8) Il TFUE non consente gli aiuti di Stato.
9) Nessuno vuole più acquistare l'ILVA.
10) Già lo Stato ha dovuto vendere l'ILVA perché non ce la faceva ad andare in pareggio e perché la Commissione Europea aveva stoppato gli aiuti di Stato.

Davvero pensiamo che con la rabbia dei lavoratori si possano risolvere i 10 enormi problemi economici sopra elencati?

Operaio ILVA
Oggi la rabbia dei lavoratori non fa nemmeno il solletico all'economia globalizzata. Diciamocelo.
E attenzione: perché all'articolo 3 della Costituzione c'è scritto che tutti sono uguali davanti alla legge. Ci sono milioni di persone in gravi difficoltà economiche che rivendicano il lavoro (art.1). Se quelli arrabbiati decidono di scavalcare la fila, e in nome dell'articolo 1 finiscono per ignorare l'articolo 3, allora non siamo più di fronte alla classe operaia (di marxiana memoria) che liberando se stessa libera anche gli altri, ma siano di fronte a una semplice corporazione di interessi che pretendono soluzione prima degli altri e con i soldi degli altri (e sì, perché si parla di soldi dello Stato per finanziare l'ILVA, che invece di produrre utili produce debiti). Una corporazione priva dell'egemonia gramsciana e dotata solo di rabbia, che Salvini saprà sfruttare. Questa rabbia può diventare l'emblema di un cupo egoismo e di una rivolta sociale priva di sbocchi, lontana dai principi di uguaglianza propri della sinistra. E non incasserà solidarietà se non saprà creare un dialogo sensato con il resto della società.

La rabbia può essere giusta e sacrosanta se crea una società migliore ma, se non si farà carico dei problemi e dei sentimenti della restante popolazione, sarà l'anticamera dell'isolamento e della sconfitta. Con buona pace dei migliori valori per cui la Fiom di batte.

Articoli correlati

  • Nove dirigenti ILVA indagati per la morte di un bambino di Taranto
    Processo Ilva
    Il padre Mauro Zaratta: "Mio figlio aveva il diritto di nascere sano, di giocare, di crescere"

    Nove dirigenti ILVA indagati per la morte di un bambino di Taranto

    Per la procura di Taranto, sono state le emissioni velenose dell’ex Ilva a causare la morte del piccolo Lorenzo Zaratta avvenuta il 30 luglio 2014 per un tumore al cervello. Per i pm, le emissioni avrebbero causato “una grave malattia durante il periodo in cui era allo stato fetale”.
    15 gennaio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Frammentazione del DNA dello sperma: un marker precoce e affidabile dell'inquinamento atmosferico
    Ecologia
    Ricerca sui lavoratori ILVA di Taranto e sui cittadini esposti all'inquinamento

    Frammentazione del DNA dello sperma: un marker precoce e affidabile dell'inquinamento atmosferico

    I risultati della ricerca dimostrano che sia i lavoratori dell'acciaieria sia i pazienti che vivono in un'area altamente inquinata mostrano una percentuale media di frammentazione del DNA dello sperma superiore al 30%, evidenziando un evidente danno allo sperma
    5 gennaio 2021
  • Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto
    Editoriale
    La beffa: gli animali si sono contaminati su terreni "a norma" in base all'ultimo decreto

    Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto

    Avrete letto sui giornali che ripartono le bonifiche. E' un trionfalismo fuori luogo perché con un decreto del Ministero dell'ambiente viene fissato il limite della diossina per i terreni di pascolo a 6 ng/kg ma le pecore e le capre si sono contaminate con livelli di contaminazione inferiore.
    9 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Egregio Presidente Giuseppe Conte, adesso dovrebbe bastare, non crede?
    Taranto Sociale
    Appello inviato ogni sabato dall'8 giugno 2020

    Egregio Presidente Giuseppe Conte, adesso dovrebbe bastare, non crede?

    Taranto chiede alle istituzioni soluzioni concrete al problema inquinamento e lo fa con determinazione. Questo appello è stato sottoscritto già da oltre settemila tarantini e non solo e sarà inviato con le nuove sottoscrizioni ogni sabato fino ad ottenere risultati verificabili.
    8 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)