Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

A proposito di una dichiarazione della Fiom

La rabbia dei lavoratori ILVA

La rabbia può essere giusta e sacrosanta se crea una società migliore ma, se non si farà carico dei problemi e dei sentimenti della restante popolazione, sarà l'anticamera dell'isolamento e della sconfitta.

Il segretario genovese della Fiom, Bruno Manganaro, ha detto: «Quello che ci vorrebbe adesso è la rabbia dei lavoratori, l'unica che può farci uscire dalla palude».
Vediamo quanto conta la rabbia dei lavoratori nella risoluzione di questi problemi?

Cominciamo subito.

1) Ilva perde 100 milioni di euro al mese.
2) Non avrà più clienti perché se li porta via Mittal.
3) Il mercato dell'acciaio è strutturalmente in crisi per eccesso di capacità produttiva.
4) Ci sono i dazi di Trump.
5) La Cina fa una concorrenza impossibile da fronteggiare.
6) I prezzi delle materie prime siderurgiche stanno salendo per la ripresa cinese e questo peggiora le perdite.
7) La Cassa Depositi e Prestiti ha uno statuto che vieta di usare i soldi dei risparmiatori postali per ripianare i debiti di un'azienda.
8) Il TFUE non consente gli aiuti di Stato.
9) Nessuno vuole più acquistare l'ILVA.
10) Già lo Stato ha dovuto vendere l'ILVA perché non ce la faceva ad andare in pareggio e perché la Commissione Europea aveva stoppato gli aiuti di Stato.

Davvero pensiamo che con la rabbia dei lavoratori si possano risolvere i 10 enormi problemi economici sopra elencati?

Operaio ILVA
Oggi la rabbia dei lavoratori non fa nemmeno il solletico all'economia globalizzata. Diciamocelo.
E attenzione: perché all'articolo 3 della Costituzione c'è scritto che tutti sono uguali davanti alla legge. Ci sono milioni di persone in gravi difficoltà economiche che rivendicano il lavoro (art.1). Se quelli arrabbiati decidono di scavalcare la fila, e in nome dell'articolo 1 finiscono per ignorare l'articolo 3, allora non siamo più di fronte alla classe operaia (di marxiana memoria) che liberando se stessa libera anche gli altri, ma siano di fronte a una semplice corporazione di interessi che pretendono soluzione prima degli altri e con i soldi degli altri (e sì, perché si parla di soldi dello Stato per finanziare l'ILVA, che invece di produrre utili produce debiti). Una corporazione priva dell'egemonia gramsciana e dotata solo di rabbia, che Salvini saprà sfruttare. Questa rabbia può diventare l'emblema di un cupo egoismo e di una rivolta sociale priva di sbocchi, lontana dai principi di uguaglianza propri della sinistra. E non incasserà solidarietà se non saprà creare un dialogo sensato con il resto della società.

La rabbia può essere giusta e sacrosanta se crea una società migliore ma, se non si farà carico dei problemi e dei sentimenti della restante popolazione, sarà l'anticamera dell'isolamento e della sconfitta. Con buona pace dei migliori valori per cui la Fiom di batte.

Articoli correlati

  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
  • Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata
    Ecologia
    Intervento di PeaceLink al TAR Lazio è andato a buon fine

    Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata

    La batteria 12 è una delle quattro attualmente in funzione in fabbrica che servono ad alimentare di carbon coke gli altiforni. “La batteria 12 - dicono le fonti dell’azienda - avvierà la fase finale di ambientalizzazione l’1 settembre. Tale fase richiede la sospensione della produzione".
    26 agosto 2021
  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)