Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Lo scorso 4 luglio ha provocato fortissime proteste dei cittadini di Taranto

ArcelorMittal: dopo nube polveri, sospeso responsabile impianto

Dopo la sospensione, sarebbe anche scattato il licenziamento del responsabile. Il tutto è da mettere in relazione con quanto accaduto il 4 luglio che ha spinto la Procura di Taranto ad aprire un’inchiesta, al momento senza indagati.
14 luglio 2020
AGI (Agenzia Giornalistica Italia)

Polveri sulla città 4 luglio 2020 durante una tempesta di vento (AGI) - Taranto, 14 lug. - ArcelorMittal ha sospeso dall’incarico il responsabile dell’Area di agglomerazione dello stabilimento siderurgico di Taranto dopo la nube di polvere ferrosa e minerale che nel pomeriggio di sabato 4 luglio si è sollevata dalla fabbrica, a causa del vento forte, riversandosi pesantemente sui rioni Paolo VI e Tamburi, quest’ultimo molto vicino all’acciaieria. La notizia della sospensione é appresa da AGI. Fonti sindacali aggiungono ad AGI che dopo la sospensione, sarebbe anche scattato il licenziamento del responsabile. Il tutto è da mettere in relazione con quanto accaduto il 4 luglio, che non solo ha provocato fortissime proteste nei residenti soprattutto del rione Tamburi - le immagini del quartiere sovrastato da una nube rossastra sono diventate ben presto virali -, ma anche spinto la Procura di Taranto ad aprire un’inchiesta, al momento senza indagati. I Carabinieri del Nucleo operativo ecologico sono stati incaricati dal pool ambientale della Procura a compiere gli accertamenti in materia. E anche il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha fatto effettuare qualche giorno fa una ispezione straordinaria nel siderurgico da parte di Ispra, Arpa Puglia, Spesal Taranto e Asl Taranto, mentre in un primo report Arpa ha certificato che quanto verificatosi dalle 15 alle 16 del 4 luglio, ha determinato superamenti del valore soglia del Pm10 (le polveri) che soprattutto in un caso, così come riscontrato dalle centraline di monitoraggio, sono stati molto alti. L’agglomerato è l’area dello stabilimento dove vengono preparati, in una specie di “miscela”, i minerali che servono a caricare gli altiforni per la produzione della ghisa. Per evitare la dispersione delle polveri, le prescrizioni ambientali impongono ad ArcelorMittal di coprire e chiudere tutto ciò che può provocarne la diffusione. E quindi parchi minerali, parchi minori, nastri trasportatori ed altri impianti. Le coperture sono state avviate da tempo, ma in diversi casi (come il parco fossile e i nastri trasportatori) sono ancora da completare. (AGI) 
TA1/SEP

Articoli correlati

  • Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe
    Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
  • Richiesta di rettifica al Fatto Quotidiano
    Ecologia
    Comunicato di PeaceLink

    Richiesta di rettifica al Fatto Quotidiano

    Oggi sul Fatto Quotidiano è apparso un articolo che attribuisce a PeaceLink un'accusa a Vendola mai formulata da PeaceLink. Si richiede pertanto pubblicamente la tempestiva rettifica.
    3 giugno 2021 - Associazione PeaceLink
  • il processo Ilva va a sentenza, anche sulla caduta di 3 cabine gru e la morte di
Zaccaria
    Processo Ilva
    La registrazione di Radio radicale

    il processo Ilva va a sentenza, anche sulla caduta di 3 cabine gru e la morte di Zaccaria

    Dopo le richieste di pena, il PM ricostruisce il drammatico incidente del 28 novembre 2012, quando le cabine di 3 gru caddero sfilandosi dalle vie di corsa, per gravi carenze dei sistemi di sicurezza (udienza del 14 febbraio 2021)
    30 maggio 2021 - Lidia Giannotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)