Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Lo scorso 4 luglio ha provocato fortissime proteste dei cittadini di Taranto

ArcelorMittal: dopo nube polveri, sospeso responsabile impianto

Dopo la sospensione, sarebbe anche scattato il licenziamento del responsabile. Il tutto è da mettere in relazione con quanto accaduto il 4 luglio che ha spinto la Procura di Taranto ad aprire un’inchiesta, al momento senza indagati.
14 luglio 2020
AGI (Agenzia Giornalistica Italia)

Polveri sulla città 4 luglio 2020 durante una tempesta di vento (AGI) - Taranto, 14 lug. - ArcelorMittal ha sospeso dall’incarico il responsabile dell’Area di agglomerazione dello stabilimento siderurgico di Taranto dopo la nube di polvere ferrosa e minerale che nel pomeriggio di sabato 4 luglio si è sollevata dalla fabbrica, a causa del vento forte, riversandosi pesantemente sui rioni Paolo VI e Tamburi, quest’ultimo molto vicino all’acciaieria. La notizia della sospensione é appresa da AGI. Fonti sindacali aggiungono ad AGI che dopo la sospensione, sarebbe anche scattato il licenziamento del responsabile. Il tutto è da mettere in relazione con quanto accaduto il 4 luglio, che non solo ha provocato fortissime proteste nei residenti soprattutto del rione Tamburi - le immagini del quartiere sovrastato da una nube rossastra sono diventate ben presto virali -, ma anche spinto la Procura di Taranto ad aprire un’inchiesta, al momento senza indagati. I Carabinieri del Nucleo operativo ecologico sono stati incaricati dal pool ambientale della Procura a compiere gli accertamenti in materia. E anche il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha fatto effettuare qualche giorno fa una ispezione straordinaria nel siderurgico da parte di Ispra, Arpa Puglia, Spesal Taranto e Asl Taranto, mentre in un primo report Arpa ha certificato che quanto verificatosi dalle 15 alle 16 del 4 luglio, ha determinato superamenti del valore soglia del Pm10 (le polveri) che soprattutto in un caso, così come riscontrato dalle centraline di monitoraggio, sono stati molto alti. L’agglomerato è l’area dello stabilimento dove vengono preparati, in una specie di “miscela”, i minerali che servono a caricare gli altiforni per la produzione della ghisa. Per evitare la dispersione delle polveri, le prescrizioni ambientali impongono ad ArcelorMittal di coprire e chiudere tutto ciò che può provocarne la diffusione. E quindi parchi minerali, parchi minori, nastri trasportatori ed altri impianti. Le coperture sono state avviate da tempo, ma in diversi casi (come il parco fossile e i nastri trasportatori) sono ancora da completare. (AGI) 
TA1/SEP

Articoli correlati

  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
  • Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata
    Ecologia
    Intervento di PeaceLink al TAR Lazio è andato a buon fine

    Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata

    La batteria 12 è una delle quattro attualmente in funzione in fabbrica che servono ad alimentare di carbon coke gli altiforni. “La batteria 12 - dicono le fonti dell’azienda - avvierà la fase finale di ambientalizzazione l’1 settembre. Tale fase richiede la sospensione della produzione".
    26 agosto 2021
  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)