Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

ILVA, flash mob indetto dal Comitato cittadino per l’ambiente e la salute

Ambiente: a Taranto flash mob davanti Comune, 'Città CoWind'

“La città del CoWind”, è la scritta che campeggia su uno dei cartelli del flash mob davanti al Municipio di Taranto. Per il Covid 19 le finestre delle scuole devono rimanere aperte. Ma le autorità sanitarie raccomandano nei Wind Days, di tenerle chiuse
17 ottobre 2020
AGI (Agenzia Giornalistica Italia)

Ambiente: a Taranto flash mob davanti Comune, 'Città CoWind' (1) 

Flash mob 17 ottobre 2020 sotto al Comune di Taranto

Pubblicato: 17/10/2020 10:50 

(AGI) - Taranto, 17 ott. - “La città del CoWind”, è la scritta che campeggia su uno dei cartelli del flash mob in corso questa mattina a Taranto, davanti al Municipio, indetto dal Comitato cittadino per l’ambiente e la salute. Il cartello richiama sia il senso della protesta odierna, che la particolare situazione che vive Taranto in questo momento. Da un lato, infatti, c’è il Covid 19, con 52 casi positivi (livello mai toccato sinora) e un decesso nella giornata di ieri a Taranto e provincia, oltre 870 casi dall’inizio della pandemia e la necessità di tenere le finestre aperte per assicurare il ricambio dell’aria insieme al rispetto delle altre precauzioni. Dall’altro, invece, le giornate di Wind Days rilevate da Arpa Puglia, quando a causa del vento intenso che solleva dallo stabilimento ArcelorMittal le polveri minerali e siderurgiche riversandole sulla città, le autorità sanitarie raccomandano, a titolo cautelativo, di tenere le finestre chiuse proprio per evitare l’invasione delle polveri e del nocivo PM10. (AGI) 
TA1/LIL Taranto, dilemma Co-Wind: fineste chiuse per il Wind Day o aperte per il Covid?

Ambiente: a Taranto flash mob davanti Comune, 'Città CoWind' (2) 

Pubblicato: 17/10/2020 10:50 

(AGI) - Taranto, 17 ott. - Il fenomeno delle polveri dell’ex Ilva riguarda soprattutto le abitazioni del rione Tamburi, il quartiere di Taranto più vicino all’acciaieria, tant’è che si è dovuto ricorrere nel tempo a misure più stringenti soprattutto per le scuole e alcune di queste sono state anche dotate di impianti per l’areazione meccanica, assicurando così, nei giorni di vento, il ricircolo che dovrebbe essere fatto con le finestre aperte in condizioni normali. I manifestanti agitano grandi mani di carta color azzurro - le indossano come fossero guanti - su cui sono riprodotti gli articoli della Costituzione che, secondo i promotori, non sono rispettati a Taranto data la situazione. Flash Mob davanti al Municipio di Taranto per l'inquinamento delle polveri ILVA nelle scuole, un rischio che si somma al Covid.

“I bambini di Taranto vogliono vivere” è un altro dei cartelli, e sulla cancellata che delimita l’area delle colonne doriche sono state appese con delle grucce magliette bianche da bambino con scritte simili. Tre manifestanti hanno sul viso anche una maschera che riproduce i volti del premier Giuseppe Conte, del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci. Chi impersona il sindaco nel flash mob, porta anche la fascia tricolore. Una donna avvolta in un drappo bordeaux che riproduce la copertina della Costituzione. Al sindaco di Taranto era stata inviata anche una petizione che, sottolineano i manifestanti, non ha avuto alcuna risposta. Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, però, è in contatto con l’epidemiologo Pierluigi Lopalco, nuovo assessore alla Sanità della Regione Puglia, e col Dipartimento Ambiente della stessa Regione, e a Bari il 29 ottobre ci sarà un vertice anche con Arpa Puglia per verificare la possibilità di rivedere le regole per il Wind Days, inserite nel piano per il monitoraggio della qualità dell’aria nel quartiere Tamburi, al fine di adeguarle alla luce della nuova situazione determinata dal Covid. (AGI) 
TA1/LIL

Note: Ne ha parlato anche l'ANSA https://www.ansa.it/puglia/notizie/2020/10/17/a.mittal-flash-mob-ambientalisti-fermare-area-a-caldo_3bd3e17c-5931-4d4b-bab4-382e3b8f77c2.html

Articoli correlati

  • Nove dirigenti ILVA indagati per la morte di un bambino di Taranto
    Processo Ilva
    Il padre Mauro Zaratta: "Mio figlio aveva il diritto di nascere sano, di giocare, di crescere"

    Nove dirigenti ILVA indagati per la morte di un bambino di Taranto

    Per la procura di Taranto, sono state le emissioni velenose dell’ex Ilva a causare la morte del piccolo Lorenzo Zaratta avvenuta il 30 luglio 2014 per un tumore al cervello. Per i pm, le emissioni avrebbero causato “una grave malattia durante il periodo in cui era allo stato fetale”.
    15 gennaio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Frammentazione del DNA dello sperma: un marker precoce e affidabile dell'inquinamento atmosferico
    Ecologia
    Ricerca sui lavoratori ILVA di Taranto e sui cittadini esposti all'inquinamento

    Frammentazione del DNA dello sperma: un marker precoce e affidabile dell'inquinamento atmosferico

    I risultati della ricerca dimostrano che sia i lavoratori dell'acciaieria sia i pazienti che vivono in un'area altamente inquinata mostrano una percentuale media di frammentazione del DNA dello sperma superiore al 30%, evidenziando un evidente danno allo sperma
    5 gennaio 2021
  • Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto
    Editoriale
    La beffa: gli animali si sono contaminati su terreni "a norma" in base all'ultimo decreto

    Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto

    Avrete letto sui giornali che ripartono le bonifiche. E' un trionfalismo fuori luogo perché con un decreto del Ministero dell'ambiente viene fissato il limite della diossina per i terreni di pascolo a 6 ng/kg ma le pecore e le capre si sono contaminate con livelli di contaminazione inferiore.
    9 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Egregio Presidente Giuseppe Conte, adesso dovrebbe bastare, non crede?
    Taranto Sociale
    Appello inviato ogni sabato dall'8 giugno 2020

    Egregio Presidente Giuseppe Conte, adesso dovrebbe bastare, non crede?

    Taranto chiede alle istituzioni soluzioni concrete al problema inquinamento e lo fa con determinazione. Questo appello è stato sottoscritto già da oltre settemila tarantini e non solo e sarà inviato con le nuove sottoscrizioni ogni sabato fino ad ottenere risultati verificabili.
    8 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)