Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Dare a Taranto lo stesso diritto alla salute di Genova e Trieste dove l'area a caldo è stata fermata

Manifestazione il 12 e il 13 maggio a Roma per la chiusura dell’area a caldo dell'Ilva di Taranto

I manifestanti sono convinti che non possa essere ignorata la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) che condanna lo Stato italiano per la questione Ilva, sentenza già menzionata nell'ordinanza del Sindaco di Taranto e nella sentenza del Tar di Lecce.
10 maggio 2021
Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto

ILVA di Taranto

Chiusura immediata dell’area a caldo dell'Ilva perché, senza eliminare la principale fonte di rischio di malattie e morte, nulla cambia e si rischia di vanificare i fondi europei per una autentica svolta green.


A chiederlo sono i cittadini che, singolarmente o riuniti in comitato, parteciperanno il 12 ed il 13 maggio a Roma alla manifestazione organizzata dal Comitato Cittadino per la Salute e l’Ambiente, costituito da Associazione PeaceLink, Comitato Quartiere Tamburi, Donne e Futuro per Taranto Libera, Genitori Tarantini, LiberiAmo Taranto e Lovely Taranto.

ISDE Italia (Medici per l'Ambiente), Giustizia per Taranto e Tamburi Combattenti offrono il proprio appoggio e partecipano all’evento. (1) Logo del Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto

Taranto sarà sostenuta anche da personalità del mondo della cultura e dello spettacolo che chiedono fatti concreti in difesa della vita delle persone e dell’ambiente, anche in questa città italiana. (2)

La missione romana, forte degli studi epidemiologici nazionali ed internazionali che provano il nesso di causalità tra emissioni ed eventi patologici, vuole ricordare la gravità della situazione a Taranto e nei comuni ionici vicini all’area industriale, in un'occasione importante come quella del Consiglio di Stato. (3)

I giudici amministrativi di secondo grado dovranno, infatti, esprimersi in relazione al ricorso presentato da ArcelorMittal e dai commissari contro la sentenza del Tar Lecce che ha confermato la validità dell’ordinanza di chiusura emanata dal Sindaco di Taranto il 27 febbraio 2020, rigettando i ricorsi presentati avverso il provvedimento sindacale da ArcelorMittal Italia e Ilva in Amministrazione Straordinaria.

I manifestanti sono convinti che non possa essere ignorata la sentenza di condanna dello Stato italiano per la questione Ilva pronunciata dalla Corte dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo (CEDU). Tale sentenza è sovranazionale e definitiva ed è stata già menzionata sia nell'ordinanza del Sindaco di Taranto di chiusura area a caldo (la più pericolosa) sia nella sentenza del Tar di Lecce che la conferma. E' tra l'altro in arrivo una nuova sentenza CEDU proprio per le inadempienze dello Stato italiano.

Chiudi

I promotori della manifestazione invitano a partecipare o a fare comunque qualcosa di positivo e utile come:

- condividere questo comunicato sui social;

- contattare i giornalisti perché ne diano notizia;

- scrivere ai parlamentari per invitarli ad essere presenti al presidio

La manifestazione nazionale di Roma, che in questo momento rappresenta la voce di numerose migliaia di cittadini di Taranto, avrà luogo

  • il 12 maggio, dalle ore 08.30 alle ore 13.30, con un presidio in piazza San Silvestro
  • il 13 maggio, dalle ore 08.30 alle ore 13.30, con un presidio in piazza Montecitorio.

Video dell'evento su Facebook (4)

Video dell'evento su Youtube: Save Taranto, Save the Planet

(1) Sono giunte adesioni anche da: Melitea, Il mondo che vorrei (Viareggio) e altre associazioni e realtà che elencheremo nelle prossime ore. L'associazione Cittadini Reattivi sarà media partner e manderà una delegazione per documentare l'evento.

(2) Sostegno da: Simona Izzo, Ricky Tognazzi e tutto il cast di "Svegliati Amore Mio"; Edy Angelillo, Paolo Crepet, Rita Dalla Chiesa, Erri De Luca, Anna Ferruzzo, Giusi Frallonardo, Roberto Lando, Mietta, Maria Grazia Pani, Sergio Rubini, Massimo Wertmuller.

(3) Dossier sull'evento: cliccare qui 

(4) Hanno già dato notizia della manifestazione diversi organi di informazione; si riporta una rassegna stampa aggiornata in tempo reale: cliccare qui

Note: Contatti per la stampa:
- Massimo Castellana 3932334512 (anche WhatsApp)
- Alessandro Marescotti 3471463719 (anche WhatsApp/Telegram)


Articoli correlati

  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
  • Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata
    Ecologia
    Intervento di PeaceLink al TAR Lazio è andato a buon fine

    Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata

    La batteria 12 è una delle quattro attualmente in funzione in fabbrica che servono ad alimentare di carbon coke gli altiforni. “La batteria 12 - dicono le fonti dell’azienda - avvierà la fase finale di ambientalizzazione l’1 settembre. Tale fase richiede la sospensione della produzione".
    26 agosto 2021
  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)