Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Manifestanti accolti dal Presidente della Camera Roberto Fico

"Taranto non si arrende"

A Roma presidio associazioni di Taranto per chiedere lo stop dell'area a caldo dell'ILVA. Oggi il Consiglio di Stato si è riunito per decidere sulla sentenza del TAR Puglia che aveva ordinato il fermo dell'area a caldo dello stabilimento siderurgico.
13 maggio 2021
Fonte: AGI (Agenzia Giornalistica Italia), video e altre fonti

"Taranto non si arrende" Ex Ilva: presidio associazioni Taranto in piazza a Roma (2) 

Pubblicato: 12/05/2021 11:19 

(AGI) - Taranto, 12 mag. - “Siamo qui oggi e domani in attesa della sentenza del Consiglio di Stato che speriamo sia positiva per Taranto, ne abbiamo grande bisogno per chiudere quella fabbrica. Invitiamo tutti i fuori sede e i tarantini che risiedono a Roma a venire qui” ha detto un manifestante. “Siamo a Roma - ha aggiunto un altro manifestante - per portare la voce di Taranto e dei tarantini, visto che non è ascoltata al contrario di quella di Genova e Trieste, dove invece le acciaierie sono state chiuse”. “Anche se la sentenza del Consiglio di Stato non dovesse essere favorevole, non ci fermeremo, continueremo a lottare” aggiunge Massimo Castellana dell’associazione “Genitori Tarantini”. "Io dovevo vivere" (nella foto Alessandro Rebuzzi)

In piazza San Silvestro, dove c’è un sottofondo musicale costante diffuso da casse acustiche, sono stati posizionati diversi striscioni tra cui “A Taranto figli di un dio minore, ridateci dignità e onore”, “I bambini di Taranto vogliono vivere”. E c’è chi issa un cartello con la foto di bambini deceduti contrassegnati dalla scritta “Io dovevo vivere”. La sentenza del Tar Lecce, che ha confermato una ordinanza del sindaco di Taranto di febbraio 2020, è del 13 febbraio scorso. Su ricorso di ArcelorMittal Italia, il Consiglio di Stato l’ha sospesa a marzo scorso in attesa dell’udienza di merito del 13 maggio. Contro la sentenza, si sono costituiti in appello ArcelorMittal Italia, Invitalia, nuovo partner pubblico della società siderurgica, Ilva in amministrazione straordinaria, proprietaria degli impianti siderurgici, e ministero della Transizione ecologica (ex Ambiente). Chiedono infine il mantenimento della sentenza del Tar Lecce, Comune di Taranto, Regione Puglia e Codacons. (AGI) 
TA1/MRG "Io amo Taranto"


Ex Ilva: presidio associazioni Taranto in piazza a Roma 

Pubblicato: 12/05/2021 11:19 
(AGI) - Taranto, 12 mag. - A Roma questa mattina, in piazza San Silvestro, il primo dei due sit in indetti dall’associazione “Genitori Tarantini” e da altri movimenti ambientalisti in vista dell’udienza di domani del Consiglio di Stato chiamato a decidere se confermare o annullare la sentenza del Tar Lecce che a febbraio scorso ha ordinato lo spegnimento in 60 giorni degli impianti dell’area a caldo del siderurgico ex Ilva di Taranto perchè ritenuti inquinanti. Il sit in di oggi, che vede presenti una quarantina di persone, si terrà sino alle 13.30. Attesi anche alcuni protagonisti della fiction “Svegliati amore mio” andata in onda di recente su Canale 5 dove, pur senza riferimenti diretti a Taranto,  si parla di un’acciaieria vicina ad una città che inquina e di una bambina che si ammala di leucemia a causa delle emissioni. Il sit in di domani si terrà invece in piazza Montecitorio. Sul selciato della piazza sono state poste diverse croci bianche per simboleggiare le vittime - soprattutto i bambini - dell’inquinamento a Taranto. Le stesse croci bianche sono state poi issate dai manifestanti.  (AGI) 
TA1/MRG

Rassegna stampa

RAINEWS - Ex Ilva. Sit in cittadini a Roma: "Stop fonti inquinanti". Mamme: "Bambini hanno diritto a futuro"

VIDEO - Le immagini di oggi

SOCIAL - La pagina Facebook del Comitato che ha organizzato la manifestazione

Articoli correlati

  • Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto
    Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile
    Taranto Sociale
    I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

    Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

    “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
    18 giugno 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma
    Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe
    Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)