Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Pubblicati sul sito di Arpa Lombardia i dati 2020 del monitoraggio della radioattività ambientale

Funghi in Lombardia, ci sono ancora tracce di Chernobyl

Nel 32% dei campioni di prodotti alimentari è stata individuata la presenza in tracce di cesio 137 ancora riconducibile all’incidente di Chernobyl. Su funghi spontanei superato il livello di riferimento per la concentrazione stabilito dalla normativa europea (600 Bq/kg).
5 agosto 2021
Redazione PeaceLink
Fonte: SNPA ISPRA

Radioattività

Sono stati recentemente pubblicati sul sito di Arpa Lombardia i dati 2020 della Rete di monitoraggio della radioattività ambientale in Lombardia.

Il report riporta i risultati delle analisi effettuate nel 2020 su 1033 campioni di cui 176 prodotti alimentari, 302 acque potabili e 555 matrici ambientali.

Nel 32% dei campioni di prodotti alimentari è stata individuata la presenza in tracce di Cs-137 (cesio 137) ancora riconducibile alle conseguenze dell’incidente di Chernobyl. La maggior parte di questi campioni (55 su 58) è relativa a selvaggina, funghi e pesci di lago. Tutti i campioni sono risultati conformi, tranne uno su funghi spontanei che ha superato il livello di riferimento per la concentrazione di Cs-137 stabilito dalla normativa europea (600 Bq/kg).

Note: Per i dati 2015 vedere qui https://www.arpalombardia.it/Pages/Indicatori/2015/Radiazioni%20Ionizzanti/Radioattivit%C3%A0-funghi-spontanei-2015.aspx#

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)