Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

La Cina e gli Stati Uniti hanno firmato una dichiarazione congiunta

Un dinosauro ha fatto irruzione nei negoziati di Glasgow sul clima dopo giorni di bla bla bla

Nei negoziati sembra essersi materializzato un dinosauro ed è stato firmato un accordo a sorpresa sul clima quando la COP26 sembrava sull'orlo del fallimento totale. Le due superpotenze economiche rafforzeranno l’azione climatica congiunta e questo nonostante le forti tensioni geopolitiche.
11 novembre 2021
Redazione PeaceLink

A sorpresa, quando ormai i negoziati di Glasgov sembravano arenarsi in un nulla di fatto, il capo dei negoziatori della Cina è uscito dall’ombra è ha annunciato una «Dichiarazione congiunta con gli Stati Uniti per il rafforzamento dell’azione climatica», che include impegni per la riduzione delle emissioni di metano, la protezione delle foreste e l’uscita graduale dal carbone. E l'americano Kerry ha rilanciato: «Usa e Cina hanno molte differenze, ma sulla lotta al cambiamento climatico non hanno altra scelta che collaborare». Quasi un accordo storico, visti i venti da guerra fredda che soffiano sul Pacifico fra le due super potenze, a riprova che le trattative sul clima non seguono gli stessi percorsi della geostrategia globale. Stop ai cambiamenti climatici

Si legge sul Corriere della Sera che il capo dei negoziatori cinesi, Xie Zhenhua, ha spiegato ai giornalisti che «entrambe le parti riconoscono che vi è un gap fra gli sforzi attuali e gli obiettivi dell’Accordo di Parigi» e per questo l’iniziativa bilaterale prevede regole «concrete e pragmatiche». Nel testo messo online in serata, i due Paesi si impegnano a collaborare alla Cop26 per «un risultato ambizioso, equilibrato e inclusivo in materia di mitigazione (minore emissioni), adattamento e sostegno finanziario» e più in generale ad «adottare misure rafforzate per aumentare le ambizioni» entro il 2030. La Cina afferma che «farà del suo meglio per accelerare» i suoi piani per ridurre il consumo di carbone nella seconda metà di questo decennio. E per la prima volta si allinea agli Usa per ridurre le emissioni di metano e accetta di condividere la tecnologia.

L’inviato degli Usa per il clima John Kerry, che in un’intervista al Corriere della Sera aveva auspicato un simile accordo, gli ha fatto eco subito dopo affermando che Cina e Stati Uniti, essendo «i due più grandi emettitori di CO2, devono indicare la via». Un dinosauro alla conferenza ONU di Glasgow sul clima

L’intesa è arrivata al termine di negoziati carichi di tensione che stavano generando un clima di delusione e di forte frustrazione. E così i negoziati alla Cop26 hanno avuto un’accelerazione improvvisa.

Il premier britannico Boris Johnson è tornato (in treno) nella città scozzese e ha strigliato gli altri leader — «non ci sono scuse per non agire» — invitandoli ad alzare il telefono e ad intervenire sui rispettivi team.

Il colpo di scena generato dall'accordo fra Cina e Stati Uniti ha sparigliato le carte e ha ricevuto subito il plauso di Johnson, del segretario dell’Onu Antonio Guterres e anche del vice-presidente dell’Ue Frans Timmermans.

La notizia sta conquistando le prime pagine dei giornali mondiali.

Dopo giorni di bla bla bla, un dinosauro sembra aver fatto irruzione nei negoziati di Glasgow sul clima.

Questo è il video completo, fatelo circolare, ne vale la pena. 

Note: Questo articolo è una sintesi di quanto ha scritto Sara Gandolfi sul Corriere della Sera.

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Imponente mobilitazione mondiale contro i cambiamenti climatici
    Ecologia
    Arriva alla conferenza di Glasgow il grido di allarme dei giovani di tutto il mondo

    Imponente mobilitazione mondiale contro i cambiamenti climatici

    E' emergenza ambientale ma non ci si comporta come se fosse un'emergenza, ed è un base a questo assunto decine e decine di migliaia di manifestanti che si stanno mobilitando ovunque
    6 novembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Agisci adesso per contrastare i cambiamenti climatici!
    Ecodidattica
    Venerdì 24 settembre 2021

    Agisci adesso per contrastare i cambiamenti climatici!

    Parla con chi hai intorno, coinvolgi attivamente la tua classe, il gruppo di amiche e amiche, la tua associazione, i tuoi familiari. Non risparmiare energie perché questo è un momento storico per il nostro futuro.
    23 settembre 2021 - Fridays for Future
  • Giustizia climatica
    Ecologia
    Un glossario per comprendere

    Giustizia climatica

    Casacomune propone la seconda edizione di una formazione per insegnanti ed educatori su cambiamenti climatici, biodiversità, conflitti ambientali. Il titolo del corso è "La scuola per il futuro". Qui si riportano le slides di Alessandro Marescotti sulla giustizia climatica.
    28 agosto 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)