Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Le dichiarazioni di Alessandro Marescotti presidente di PeaceLink

Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori

"Siamo solidali con le preoccupazioni dei lavoratori ILVA ma occorre una riconversione ecologica dell'economia. Lottiamo insieme per fermare la guerra che ha generato un disastro economico"
22 novembre 2022
Redazione PeaceLink

I lavoratori dell'ILVA sono esasperati per una situazione di gravissima crisi economica che viene descritta all'inizio di questo video.

Qui di seguito il comunicato stampa di PeaceLink

Siamo solidali con i lavoratori dello stabilimento ILVA di Taranto che rischiano di perdere l'occupazione. Ma riteniamo che continuare a cavalcare un cavallo morente non è una scelta saggia: è una scelta disperata. La siderurgia a Taranto è un cavallo morente a cui si sta chiedendo l'impossibile. Il mondo è cambiato e non è saggio essere nostalgici del passato.
Quella che un tempo era una grande azienda siderurgica si sta spegnendo sotto i colpi di una crisi locale e globale.
La crisi è locale perché Acciaierie d'Italia non ha più sufficiente liquidità
Ma la crisi è anche globale.Le banche non fanno più credito alle aziende in crisi. Il costo del denaro è aumentato con l'aumento dell'inflazione, aggravando i problemi di liquidità. Questi problemi di liquidità sono ulteriormente amplificati dall'aumento delle materie prime e dei costi dell'energia, conseguenti alla crisi innescata dalla guerra in Ucraina. Non solo a Taranto ma in altre parti d'Italia la siderurgia si sta fermando per l'uragano economico scatenato dalla guerra che rende difficili gli approvvigionamenti di materie prime e incerte le forniture in generale, con un aumento dei prezzi che sta innescando fenomeni di destabilizzazione economica. Lo spettro della recessione non consentirà alla siderurgia alcun ciclo espansivo e quindi a Taranto non si raggiungeranno gli obiettivi di aumento produttivo prefissati. I bilanci aziendali non vedranno profitti ma voragini di debiti. La nazionalizzazione non risolverà le cause di questa crisi globale. La nazionalizzazione cambierebbe solo gestore a problemi irrisolti e irrisolvibili nell'attuale contesto. Protesta lavoratori ILVA
Questa è la situazione drammatica ed è per tale motivo che la siderurgia di Taranto è un cavallo morente che non potrà essere cavalcato per molto altro tempo. Sta stramazzando rovinosamente, facendo cadere nella disperazione i lavoratori e le loro famiglie, che hanno bisogno in questo momento di un sostegno.
L'intervento dello Stato deve servire a sostenere i lavoratori e le loro famiglie, non l'azienda. Le due prospettive non sono tra loro compatibili perché con un sostegno all'azienda si rischia di bruciare miliardi di euro per colmare i buchi di bilancio invece di aiutare i lavoratori a costruire un nuovo futuro occupazionale.
Occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica.
Lo stabilimento ILVA di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico. 
E poi c'è un problema ineludibile che toglie ogni prospettiva di futuro: la guerra.
Questo problema va affrontato.
Fare la guerra non porta la pace e aumenta l'attuale uragano economico.
Invece di usare i soldi pubblici per mandare armi e alimentare una guerra senza fine che genera il disastro economico attuale, l'Italia punti su una strategia di pace, utilizzando le spese militari per vincere un'altra guerra: quella del lavoro.

Note: Un momento di esasperazione della protesta https://www.la7.it/laria-che-tira/video/la-protesta-dei-lavoratori-ilva-noi-non-siamo-assassini-ci-fate-passare-sempre-per-disonesti-sono-21-11-2022-461011

Articoli correlati

  • Rifinanziamento attività gestione stabilimento ILVA e deroga alle norme sulla sicurezza
    Ecologia
    PeaceLink chiede invece di finanziare la sorveglianza sanitaria e la cura dei cittadini più esposti

    Rifinanziamento attività gestione stabilimento ILVA e deroga alle norme sulla sicurezza

    Dati sconcertanti emergono dall'audizione del presidente di PeaceLink al Senato: dal 1° novembre 2018 al 31 dicembre 2022, la gestione dell'ex Ilva ha accumulato passività globali per ben 4 miliardi e 700 milioni di euro, come confermato da fonti governative (esattamente 4.737.693.528 euro).
    28 maggio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Palazzina LAF: un film sulla fabbrica, sul potere e sulla speranza
    Cultura
    E' un invito a non arrendersi mai

    Palazzina LAF: un film sulla fabbrica, sul potere e sulla speranza

    Michele Riondino, regista e attore protagonista, ricostruisce una pagina buia dell'ILVA di Taranto. Palazzina LAF è un "film necessario" ed è una "storia universale" che aiuta a riflettere sul potere e sulle sue vittime ma anche sulla capacità di riscatto dei lavoratori.
    Alessandro Marescotti
  • L'Onda del Futuro a Taranto
    Taranto Sociale
    Corteo oggi 23 aprile alle ore 17

    L'Onda del Futuro a Taranto

    Partenza dal piazzale Bestat. Questo è un video realizzato da PeaceLink per l'occasione. PeaceLink è una delle associazioni che sostiene l'iniziativa.
    23 aprile 2024 - Alessandro Marescotti
  • Parte l'Onda del Futuro, la manifestazione per dire stop all'inquinamento ILVA
    Ecologia
    23 aprile a Taranto

    Parte l'Onda del Futuro, la manifestazione per dire stop all'inquinamento ILVA

    Il raduno è previsto alle 16.30 nel piazzale Bestat. La manifestazione è organizzata dalle associazioni riunite di Taranto, a cui aderiscono i principali movimenti ambientalisti del territorio, ordini professionali e studenti
    23 aprile 2024 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)