Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Un libro di Francesco La Camera, Editori Riuniti, 412 pagine, 18,00 euro

"Sviluppo sostenibile. Origini, teoria e pratica"

È un testo da consultazione frequente, da non tenere sulla libreria ma sul comodino o sulla scrivania. Scritto con stile essenziale e senza concessioni retoriche, è un testo completo, aggiornato e ricco di dati.
4 giugno 2004
Francesco La Camera


In ogni consesso, dibattito, seminario, a qualsiasi livello e su qualsiasi argomento, sono tutti fautori dello sviluppo sostenibile, in qualche caso con toni evocativo-simbolici, talvolta addirittura con un senso di religiosità taumaturgica, quasi sempre con libere interpretazioni calibrate su specifiche convenienze e necessità.
Con questo manuale, Francesco La Camera [che era direttore generale del ministero dell’ambiente, poi epurato dal ministro di An, Matteoli] ne chiarisce il significato e, soprattutto, le implicazioni, con l’intento di fornire un contributo concreto alla scienza della sostenibilità.
Scritto con stile essenziale e senza concessioni retoriche, è un testo completo e aggiornato, ricco di dati e di elementi di valutazione, ove innanzitutto si ripercorrono le tappe internazionali della sostenibilità: Stoccolma, Rio, Johannesburg [1972-2002].
Interessante è l’approfondimento sulla preparazione e sugli esiti di Johannesburg 2002, con il resoconto delle originarie posizioni negoziali, utili per comprendere appieno anche il significato degli accordi finali raggiunti, comunque fin dall’inizio espressione della stagione di incertezza e ambiguità in cui versa la sostenibilità: si affrontano qui i temi delle risorse finanziarie globali destinate allo sviluppo, anche alla luce degli esiti di Monterrey e Doha, oltre a delinearsi un quadro dettagliato delle diverse governance attuate dalle istituzioni internazionali [Banca mondiale, Wto, Fondo monetario internazionale].
Si ripercorre quindi l’evoluzione della sostenibilità nelle politiche dell’Unione europea, di cui si traccia, con dovizia di dati, il percorso compiuto, assai più interessante per le proposte presentate sui tavoli internazionali che nelle concrete scelte strutturali di politica interna.
Infine, il quadro viene completato con una panoramica sul nostro Paese, che evidenzia la fase di brutale arresto in cui versa l’Italia nelle politiche della sostenibilità dopo le iniziative avviate nell’ultimo quinquennio dello scorso secolo.
Il manuale viene arricchito da due approfondimenti in forma di appendici: la prima affronta le metodologie di valutazione e gli indicatori, evidenziando l’inadeguatezza del Prodotto interno lordo [Pil] per le finalità economiche, sociali e ambientali della sostenibilità: si esamina la congruenza dei principali indici aggregati, alternativi al Pil, per poi avanzare una nuova proposta fondata su test di sostenibilità.
La seconda appendice traccia un quadro dettagliato degli strumenti internazionali della sostenibilità, con la relativa rete di agenzie e istituzioni collegate.
Con il suo manuale, Francesco La Camera evidenzia con pacatezza che la scelta dello sviluppo sostenibile comporta comunque profonde modifiche agli attuali modelli di vita, di produzione e di consumo. Ed è una scelta di cui l’autore evidenzia i caratteri, a partire dagli assetti e dagli equilibri dell’organizzazione sociale, con il contestuale e ineludibile riavvio di forti politiche pubbliche in grado di intervenire su un mercato per sua natura nemico di ogni sostenibilità.
È un testo da consultazione frequente, da non tenere sulla libreria ma sul comodino o sulla scrivania, utile per chi intenda affrontare il futuro economico e sociale, necessario per il pubblico amministratore che ancora si incaponisca nella cura dell’interesse generale.

Articoli correlati

  • Era tutto assolutamente normale
    Legami di ferro
    Una sera a teatro insieme ai guerrieri tra la gente

    Era tutto assolutamente normale

    Spettacolo teatrale a cura della compagnia "Di aria di fuoco di terra di mare" sulla situazione presente e passata della città di Falconara e sulla battaglia dei comitati cittadini per la salute e l'ambiente
    26 novembre 2019 - Beatrice Ruscio
  • Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare
    Disarmo
    Dopo il progetto di rifacimento del poligono a Punta Izzo e nuove antenne nel Siracusano

    Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare

    Da mesi si susseguono incontri e trattative istituzionali, ma nessuna trasparenza sui progetti e sulle potenziali ricadute ambientali. Eppure i cittadini hanno il diritto e il dovere di sapere.
    19 luglio 2019 - Gianmarco Catalano
  • Democratizzazione dei dati ambientali
    Ecodidattica
    Il software Omniscope

    Democratizzazione dei dati ambientali

    A scuola abbiamo fatto un’esperienza di Ecodidattica con un software di business intelligence realizzato da Antonio Poggi, un esperto del settore che vive a Londra ma che - essendo nato a Taranto - ha pensato di adattare il suo software all’analisi dei dati ambientali.
    22 febbraio 2019 - Alessandro Marescotti
  • Convegno a Taranto:
"Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita"
    Taranto Sociale
    Comunicato di Medicina democratica

    Convegno a Taranto: "Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita"

    "I cittadini e i lavoratori di Taranto hanno ragioni “da vendere”- ha aggiunto Caldiroli- per pretendere la chiusura o almeno una drastica riduzione dell'impatto dei processi produttivi maggiormente inquinanti (in particolare dell’area a caldo) degli impianti ex ILVA di Taranto.
    12 aprile 2019 - Medicina democratica
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.31 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)