Quieta normalita' sul Golfo Persico

30 ottobre 1997

Appello di Un ponte per...
Inviamo messaggi alla rappresentanza italiana all'Onu (itaun@undp.org) e al Ministero degli Esteri (urpdie@pcm.it) chiedendo un pronunciamento chiaro contro i bombardamenti e per la revoca dell'embargo.

Proposta di testo per un messaggio "Al Ministro degli Affari Esteri Alla Missione permanente italiana presso le Nazioni Unite

L'Italia che ripudia la guerra come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali deve pronunciarsi subito e chiaramente contro l'uso della forza nella crisi irachena, come hanno gia` fatto numerosi paesi. Oltre un milione di morti sono troppi per qualsiasi obiettivo politico, l'Italia deve pronunciarsi per una revoca immediata e incondizionata dell'embargo.

Chiediamo una iniziativa pubblica, chiara e immediata in tal senso."
Di fronte alla quieta "normalita'" con cui i mass media seguono le tristi minacce del "democratico" Clinton nei confronti dell'Iraq, ci sentiamo di esprimere tutto lo sdegno e la preoccupazione che accomuna i pacifisti italiani e, crediamo, tutte le persone comuni preoccupate per l'effetto che l'embargo produce da anni sulla popolazione irakena ed in particolare sui bambini.

Ci pare sotto gli occhi di tutti che quell'embargo non abbia per nulla scalfito il regime di Saddam, come pretendeva, ma che gli abbia piuttosto dato un potere di contrattazione internezionale che sicuramente non merita.

Di conseguenza aderiamo e promuoviamo l'appello che trovate qui sotto e chiediamo con forza che sia levato definitivamente l'embargo e che si faccia tutto il possibile perche' il popolo irakeno ritrovi le condizioni minime per vivere, per lottare e per riconquistare la democrazia.

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)