Siria

"Intervento di protezione"

Guardatela in faccia la "protezione umanitaria". Se vi piace tanto, eccola qui: gente falciata via a mitragliate solo perche' si era messa una telecamera in spalla.
23 ottobre 2015

Gli insorti possono contare sull'appoggio della Nato. Nella foto un blindato usato dai ribelli

Qualcuno mi ha fatto notare che sulla Siria Sofri avrebbe invocato un "intervento di protezione", e non una azione di guerra. Ma sono troppo vecchio e ne ho sentite troppe per abboccare ancora ai giochi semantici della propaganda. Intervento di protezione, missione di pace, polizia internazionale, guerra umanitaria, usiamo pure tutti gli eufemismi che vogliamo, ma ormai dopo Wikileaks non ci sono piu' scuse per autoilludersi, rifugiarsi nella retorica o negare la realta': i video rilasciati da Wikileaks hanno dimostrato che dietro tutto questo apparato teorico ci sono ragazzi in eccesso di testosterone che non sanno fare la differenza tra quello che accade in un videogame e la gente che ammazzano per strada.

Guardatela in faccia la "protezione umanitaria". Se vi piace tanto, eccola qui: gente falciata via a mitragliate solo perche' si era messa una telecamera in spalla. Chi vuole risolvere cosi' i problemi dei siriani non si preoccupi: tutto questo si e' fatto e si continuera' a fare, chiamandolo "intervento di protezione", "pace" e "liberazione dei popoli", si fara' anche con l'applauso di Sofri e di chi cede ai ricatti emotivi della propaganda di guerra, ma lo farete senza la mia adesione emotiva, senza il mio supporto politico, senza il mio plauso e il mio silenzio acquiescente.

Guardate in faccia come abbiamo protetto l'Iraq da Saddam e dalle fantomatiche armi di distruzione di massa. Chi vuole fare la pace con le armi guardi bene come vengono usate.

Note: WikiLeaks Video of US Military Killing Innocent Civilians in Iraq
https://www.youtube.com/watch?v=LF9P5vIzYyE
On July 12, 2007, the US military killed several innocent civilians including two Reuters employees Namir Noor-Eldeen (photojournalist), 22, and his driver Saeed Chmagh, 40.

"Avviso riguardante i contenuti".
Su Youtube appare:
"Questo video potrebbe essere inappropriato per alcuni utenti".

Allegati

Articoli correlati

  • Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta
    Consumo Critico
    In Siria la bicicletta ha un significato speciale

    Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta

    Le due ruote possono servire per combattere incredibili battaglie, avviare processi democratici, smontare l’ordine tradizionale delle cose, contribuire a rendere l’aria più respirabile. E se si è donna, in bici, per le strade siriane si testimonia una reale volontà di cambiamento
    8 gennaio 2019 - Fulvia Gravame
  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • Tra mamme, un ponte di solidarietà che va lontano
    Pace

    Tra mamme, un ponte di solidarietà che va lontano

    "La Nostra Associazione ha pensato di fare qualcosa di più grande, per cercare di arrivare lontane. Da mamme, da donne, da esseri umani non potevamo più stare ferme a guardare senza fare niente, e dall’unione della nostra impotenza e profonda sofferenza è nato il nostro progetto TMT for Siria“.
    27 maggio 2018 - Roberto Del Bianco
  • OPAC: "Cloro usato probabilmente in Siria a febbraio"
    Conflitti
    Gli ispettori inviati dall'ONU e che indagano sull'uso di armi chimiche non hanno addossato la responsabilità ad alcuna delle parti in conflitto

    OPAC: "Cloro usato probabilmente in Siria a febbraio"

    Le analisi si riferiscono ad un evento accaduto a febbraio a Saraqueb, città che dista 290 chilometri rispetto a Duma, sito dove è stato sospettato un attacco chimico ad aprile di quest'anno
    17 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)