Siria

"Intervento di protezione"

Guardatela in faccia la "protezione umanitaria". Se vi piace tanto, eccola qui: gente falciata via a mitragliate solo perche' si era messa una telecamera in spalla.
23 ottobre 2015

Gli insorti possono contare sull'appoggio della Nato. Nella foto un blindato usato dai ribelli

Qualcuno mi ha fatto notare che sulla Siria Sofri avrebbe invocato un "intervento di protezione", e non una azione di guerra. Ma sono troppo vecchio e ne ho sentite troppe per abboccare ancora ai giochi semantici della propaganda. Intervento di protezione, missione di pace, polizia internazionale, guerra umanitaria, usiamo pure tutti gli eufemismi che vogliamo, ma ormai dopo Wikileaks non ci sono piu' scuse per autoilludersi, rifugiarsi nella retorica o negare la realta': i video rilasciati da Wikileaks hanno dimostrato che dietro tutto questo apparato teorico ci sono ragazzi in eccesso di testosterone che non sanno fare la differenza tra quello che accade in un videogame e la gente che ammazzano per strada.

Guardatela in faccia la "protezione umanitaria". Se vi piace tanto, eccola qui: gente falciata via a mitragliate solo perche' si era messa una telecamera in spalla. Chi vuole risolvere cosi' i problemi dei siriani non si preoccupi: tutto questo si e' fatto e si continuera' a fare, chiamandolo "intervento di protezione", "pace" e "liberazione dei popoli", si fara' anche con l'applauso di Sofri e di chi cede ai ricatti emotivi della propaganda di guerra, ma lo farete senza la mia adesione emotiva, senza il mio supporto politico, senza il mio plauso e il mio silenzio acquiescente.

Guardate in faccia come abbiamo protetto l'Iraq da Saddam e dalle fantomatiche armi di distruzione di massa. Chi vuole fare la pace con le armi guardi bene come vengono usate.

Note: WikiLeaks Video of US Military Killing Innocent Civilians in Iraq
https://www.youtube.com/watch?v=LF9P5vIzYyE
On July 12, 2007, the US military killed several innocent civilians including two Reuters employees Namir Noor-Eldeen (photojournalist), 22, and his driver Saeed Chmagh, 40.

"Avviso riguardante i contenuti".
Su Youtube appare:
"Questo video potrebbe essere inappropriato per alcuni utenti".

Allegati

Articoli correlati

  • Come i Palestinesi vedono la guerra siriana
    Palestina
    I Palestinesi sono ora convinti che la loro causa non sia una priorità dell’opposizione siriana

    Come i Palestinesi vedono la guerra siriana

    Un sondaggio del settembre 2012 rilevò che quasi l’80% degli intervistati in Cisgiordania e Gaza sostenevano i manifestanti e l’opposizione siriana. Ma nel corso degli anni, quando la rivolta siriana si trasformò in un sanguinoso conflitto settario, le posizioni iniziarono a cambiare.
    Adnan Abu Amer
  • I golpisti della lingua
    Editoriale
    Perché si è persa la memoria storica

    I golpisti della lingua

    Il fatto che - dopo il crollo del Muro di Berlino - il termine "rivoluzione" venga riutilizzato per la Siria è una evidente operazione di modifica delle percezioni. Con la guerra si può decidere di dare a gruppi di terroristi tagliagole la patente di rivoluzionari. Questo è un golpe linguistico.
    23 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
  • Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti
    Pace
    Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace

    Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti

    “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.
    15 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)