Contribuì alla rinascita dell’umanità lacerata e persa

Il 18 maggio 1944 moriva il partigiano Dante di Nanni

In momenti cupi come quello del periodo nazifascista, molti giovani hanno sacrificato la propria vita per il raggiungimento della Pace e della Libertà, per porre fine a una feroce guerra. Vogliamo mantenere viva la Memoria.
17 maggio 2020
Laura Tussi e Fabrizio Cracolici

Murales dedicato a Dante Di Nanni

“Gli anni e i decenni passeranno: i giorni duri e sublimi che noi viviamo oggi appariranno lontani, ma generazioni intere si educheranno all'amore per il loro paese, all'amore per la libertà, allo spirito di devozione illimitata per la causa della redenzione umana sull'esempio dei mirabili garibaldini che scrivono oggi, col loro sangue rosso, le più belle pagine della storia italiana”.

Opuscolo clandestino edito a Torino il 4 giugno 1944.

 

Il 18 maggio 1944 muore il Partigiano Dante di Nanni. 

La sua storia è stata raccontata memorabilmente dal grande Comandante Partigiano Giovanni Pesce nell'indimenticabile saggio "Senza tregua" edito da Feltrinelli.

Cosa rappresenta la figura di Dante Di Nanni oggi?

In momenti cupi come quello del periodo nazifascista, molti giovani, senza troppi ragionamenti, hanno sacrificato la propria vita per il raggiungimento della Pace e della Libertà, per porre fine a una feroce guerra e lo hanno fatto con tutta l’umanità e l’incoscienza di chi, giovane, vede il futuro con gli occhi della speranza e con l’impegno di chi vuole redimere e salvare il mondo.

Proprio per questo mantenere viva la Memoria di questi padri dell’umanità rappresenta un grande incentivo e sprono per chi oggi vede troppe ingiustizie nel mondo.

Vogliamo parlarvi dell'animo di Dante Di Nanni e del suo grande cuore e di cosa rappresentano questi atti di Resistenza per le nuove generazioni.

Quante persone oggi sarebbero pronte in condizioni estreme a donare la propria vita per una causa? Per la pace e la libertà?

Dante di Nanni lo ha fatto contribuendo così alla rinascita dell’umanità lacerata e persa.

A padri come lui dobbiamo il nostro impegno e la nostra dedizione alla causa del bene comune per l'umanità.

I nostri Padri Partigiani ci hanno donato, con il loro sacrificio, i mezzi, ossia le Costituzioni nate dall'Antifascismo, e noi dobbiamo attuarle, altrimenti loro saranno morti due volte e noi saremo sempre più schiavi di un mondo capitalistico e predatorio che toglie ai poveri per dare ai ricchi, che fomenta guerre e sfruttamento per il proprio interesse economico.

Indigniamoci e impegniamoci perché solo assieme ci si salva.

Ora e sempre Resistenza.

Articoli correlati

  • Rosetta D'Agati: insegnante in prima linea
    Cultura
    Lettera a Rosetta: noi pensiamo convintamente che gli insegnanti come te cambieranno il mondo

    Rosetta D'Agati: insegnante in prima linea

    Con te abbiamo organizzato importanti iniziative sulla memoria e il futuro. Hai sempre parlato di noi ai tuoi ragazzi anche quando hai collaborato con Tiziana Pesce e le sorelle Pinelli, figlie dell'Anarchico Giuseppe Pinelli
    6 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • "Il cortile degli oleandri"
    Cultura
    Racconto antifascista di Rosaria Longoni

    "Il cortile degli oleandri"

    Questo è il nuovo racconto di Rosaria Longoni tratto dal suo ultimo romanzo Il cortile degli oleandri, che narra la storia di una famiglia, immigrata in Brianza durante la seconda guerra mondiale, solidale con Resistenti, Renitenti e Partigiani nel periodo nefasto dell'incubo nazifascista
    19 agosto 2021 - Laura Tussi
  • Moni Ovadia in Rai per la strage di Bologna
    Pace
    Moni Ovadia commemora la strage di Bologna

    Moni Ovadia in Rai per la strage di Bologna

    La Rai ha realizzato un filmato nel 2011 incentrato sullo straziante monologo di Moni Ovadia in ricordo delle vittime innocenti del terrorismo per la strage alla stazione di Bologna di comprovata matrice fascista
    4 agosto 2021 - Laura Tussi
  • Di terra e di pietra
    Cultura
    Libro

    Di terra e di pietra

    Recensione al volume di Gianmarco Pisa, Di terra e di pietra. Forme estetiche negli spazi del conflitto, dalla Jugoslavia al presente, Multimage, Firenze 2021
    31 luglio 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)