Trattato di Lisbona

Europa: dopo il NO irlandese si ritorna al Trattato di Nizza. E adesso? Avanti con chi ci sta.

I cittadini irlandesi sono stati chiamati ad esprimersi sul Trattato di Lisbona e hanno votato NO. A questo punto il Trattato, che necessita dell'unanimità delle ratifiche, è formalmente morto. La stessa sorte è toccata alla Costituzione europea bocciata da francesi e olandesi.
13 giugno 2008

Dal punto di vista formale l'entrata in vigore del Trattato necessità l'unanimità delle rafitiche. Chiediamoci però se dal punto di vista della democrazia è corretto che l'1% della popolazione europea possa interrompere un processo che va avanti sin dal 2001 all'indomani del Vertice di Nizza quando si avviò la Convenzione europea che aveva il compito di scrivere una Costituzione che dotasse l'Europa di istituzioni in grado di gestire i problemi comuni dei cittadini europei.

no to lisbon Di fronte ai gravi problemi che l'Unione europea deve affrontare non è più possibile perdere altro tempo. I governi europei avevano già avviato un periodo di riflessione dopo il NO francese e olandese alla Costituzione che si è concluso con il Trattato di Lisbona.

E' venuto il momento di far emergere la volontà di quei paesi e di quei cittadini che vogliono procedere nel cammino di unità politica del continente europeo. A questo proposito le prossime elezioni europee rivestono un momento particolarmente importante per rilanciare un nuovo progetto politico e sociale per l'Europa.

no to lisbon I partiti europei devono chiedere ai cittadini europei di investire il prossimo parlamento europeo di poteri costituenti in modo che durante la prossima legislatura si avvii una procedura democratica che porti all'elaborazione di una Costituzione federale che entri in vigore con la legittimità popolare tramite un referendum europeo in contemporanea in tutti gli stati dell'Unione.

E se alcuni stati sono contrari a un approfondimento del processo di integrazione devono poter restare fuori senza, però, impedire agli altri di andare avanti. L'unanimità deve, quindi, essere abolita.

lisbon vote E' giunta l'ora per i leaders politici europei di compiere un atto di responsabilità nei confronti dei propri cittadini indicando la strada per disegnare un'Europa in grado di governare il processo di globalizzazione, di rispondere ai loro bisogni e di offrire un'alternativa democratica, federale, sociale e aperta al resto del mondo a un progetto di Europa chiusa e xenofoba sostenuta dalla forze nazionaliste di destra
e di sinistra.

Articoli correlati

  • Hope Fest: forum con i candidati per le elezioni europee a Genova
    Europace

    Hope Fest: forum con i candidati per le elezioni europee a Genova

    Dopo il concerto per l'Europa di domenica sera al Crazy Bull giovedì 23 maggio si tiene l'incontro con alcuni candidati che hanno sottoscritto l'appello per un'Europa unita, giusta, solidale e verde.
    22 maggio 2019
  • Con Mimì Lucano per una nuova umanità
    Pace
    Appello . Una proposta unitaria per le elezioni europee

    Con Mimì Lucano per una nuova umanità

    In Europa hanno clamorosamente fallito le terapie di austerità, ma appaiono pericolose le derive sovraniste e nazionaliste, che sconfinano nel fascismo e nel razzismo
    15 gennaio 2019
  • Dopo il Nobel rilanciamo il disarmo nucleare respingendo i diktat NATO contro un"Trattato che non si ha da fare"
    Pace

    Dopo il Nobel rilanciamo il disarmo nucleare respingendo i diktat NATO contro un"Trattato che non si ha da fare"

    12 ottobre 2017 - Laura Tussi
  • Ecologia
    Referendum costituzionale del 4 dicembre

    Voto no per tutelare l'ambiente per le future generazioni

    Con la modifica dell’art.117 si arriva ad una concentrazione nelle esclusive “mani“ del governo le autorizzazioni su porti, infrastrutture, energia, inceneritori eliminando qualsiasi possibilità di partecipazione delle comunità e dei governi locali nelle decisioni. Non è un caso che le lobby del petrolio e Confindustria si siano schierate per il Sì. Proprio il presidente di Confindustria Boccia al convegno di Comunione e Liberazione dell’estate scorsa motivava il Sì al referendum non per ragioni politiche ma economiche. E’ qui la sostanza, per nulla segreta, della riforma: far ripartire l’Italia piegando l’ambiente e la sua tutela a quelle logiche che vorrebbero il nostro paese essere terra di conquista per cementificatori, asfaltatori e petrolieri.
    2 dicembre 2016 - Angelo Bonelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.24 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)