Il pacifismo non basta

di Lord Lothian, Il Mulino
15 settembre 2004

Il pacifismo esiste da quando la guerra ha fatto la sua comparsa fra gli uomini. Esso non ha però impedito lo scoppio di conflitti sempre più devastanti e incontrollabili. Secondo Lord Lothian ciò è dovuto al fatto che l'atteggiamento pacifista "non è andato alle fondamenta dei fenomeno, né si è reso conto dei prezzo che deve essere pagato se si vuole che la guerra finisca".

Nel 1935, rivolgendosi ad un pubblico ancora inconsapevole della tragedia che si andava profilando, Lord Lothian affermava:

"Alcuni di voi, senza dubbio, avranno pensato che la mia tesi, secondo la quale la federazione di stati è il solo fondamento della fine della guerra e dell'affermazione del regno della pace, sia del tutto accademica. Anche se oggi l'opinione pubblica è probabilmente lontana dal pensare in questi termini, io credo invece che gli eventi stiano portando questo tema in primo piano con incredibile velocità. Per me è inconcepibile che si possa conservare ancora a lungo l'anarchia di ventisei stati in Europa e di oltre sessanta nel mondo, mentre ognuno di essi continua ad alzare alle stelle le sue tariffe doganali contro gli altri, ad armarsi fino ai denti e ad oscurare i cieli con aeroplani pronti a dirigere il loro mortale potere di distruzione contro le popolazioni civili".

L'umanità si trova oggi di fronte al rischio di una catastrofe senza precedenti, e solo lo spirito che mezzo secolo fa animò Lord Lothian è in grado di mobilitare le energie morali e politiche necessarie a scongiurare l'olocausto nucleare.

Lord Lothian nacque a Londra nel 1882. Nel 1904 si trasferì in Sud Africa dove promosse la federazione tra le quattro colonie britanniche. Ricoprì la carica di segretario privato di Lloyd George dal 1916 al 1921 quando decise di dedicarsi allo studio della politica mondiale. Il federalismo come risposta all'anarchia internazionale costituisce il filo conduttore di tutte le sue opere fra le quali ricordiamo, oltre a quelle tradotte in questo volume, The Outlawry of War (1929) e The ending of Armageddon (pubblicato postumo nel 1943). Nominato ambasciatore presso il governo americano nel 1939, morì negli Stati Uniti l'anno successivo.

Articoli correlati

  • La rivolta antimilitarista del 1920 che piegò il governo
    Storia della Pace
    La città di Ancona sostenne l'ammutinamento cantando "non vogliam trucidar gli schiavi"

    La rivolta antimilitarista del 1920 che piegò il governo

    Nel giugno del 1920 i bersaglieri assunsero il controllo della caserma Villarey disarmando i propri superiori, perché temevano di essere inviati in Albania, dove era in corso l'occupazione italiana con duri combattimenti. La rivolta costrinse il governo Giolitti al rimpatrio delle truppe in Italia.
    Alessandro Marescotti
  • Giuseppe Pinelli, il ferroviere di San Siro
    Pace
    Presentazione del Libro:

    Giuseppe Pinelli, il ferroviere di San Siro

    Dalla lotta partigiana al movimento anarchico e alla non violenza, Pino era un ottimista che viveva con entusiasmo quel tempo di speranze e di profondi cambiamenti. Con la sua tragica morte è diventato un simbolo dei diritti negati e dei connotati violenti che può assumere il potere
    13 gennaio 2019 - Laura Tussi
  • PeaceLink intervista Claudia Pinelli, figlia dell'Anarchico Giuseppe "Pino" Pinelli
    Pace
    Per Non Dimenticare...

    PeaceLink intervista Claudia Pinelli, figlia dell'Anarchico Giuseppe "Pino" Pinelli

    su MicroMega: "L’impegno di mio padre e la violenza del potere”. Parla la figlia di Giuseppe Pinelli
    15 dicembre 2016 - Laura Tussi
  • Linus Pauling
    Ecodidattica
    Due volte Premio Nobel

    Linus Pauling

    Pauling dimostrò, con dati scientifici e statistici, che la ricaduta dei frammenti radioattivi dei test atomici, divenuti ancora più potenti con l'invenzione della bomba a idrogeno, avrebbe fatto aumentare la diffusione del cancro e di difetti genetici negli adulti e nei neonati. Il 15 luglio 1955 Pauling, con altri 52 premi Nobel, firmò la "Dichiarazione di Mainau" che chiedeva la sospensione delle esplosioni nucleari nell'atmosfera.
    31 agosto 2016 - Giorgio Nebbia
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)