Kimbau

Informatici Senza Frontiere con l’aiuto di Peacelink per ricollegare il Congo.

Ricollegare Kimbau, MasiManimba e Lumbi: non è un'impresa impossibile

Chiara Castellani è l’unico medico per centomila abitanti in una zona di 5000 km quadrati. L’unico mezzo per essere in contatto con Kimbau è Skype e la posta elettronica….e ci ha chiesto aiuto!
10 luglio 2010
Chiara de Felice

“Comunicare è un bisogno dell’anima”
(Chiara Castellani)

La dottoressa Chiara Castellani al computer

Chiara Castellani è l’unico medico per centomila abitanti in una zona di 5000 km quadrati. L’unico mezzo per essere in contatto con Kimbau è Skype e la posta elettronica….e ci ha chiesto aiuto!

Informatici Senza Frontiere con l’aiuto di Peacelink per ricollegare il Congo.

Dove: Repubblica Democratica del Congo.
1. Hôpital Général Conventionné Catholique – Kimbau:
qui opera la dottoressa Chiara Castellani
2. Hôpital Txingudi – M.C. Lumbi
3. Aula informatica presso il dipartimento di Telematica dell’Università di MasiManimba

Cosa: Ripristinare la connessione satellitare.

Perchè:
teleconsulto medico… eh si…si possono salvare delle vite con una semplice videochiamata su Skype
accesso alla conoscenza per favorire il progresso strumento di denuncia sulla reale situazione del Paese

Come: Aiutiamo il Congo dal Congo.
Massimo Cimicchi, un ingegnere italiano ha creato nel Centro Don Bosco Ngangi un laboratorio informatico con l’appoggio della ONG Italiana VIS. All’interno di questa attività, è iniziata la costituzione di una micro impresa che esternalizza i servizi informatici a Goma e al resto del Paese. Questa attività permetterà al centro di auto finanziarsi e contribuire alla sostenibilità delle attività del centro che sono completamente gratuite per tutti i beneficiari che appartengono alle fasce più vulnerabili della popolazione.

Quando: Lunedì 12 luglio un team di personale esperto guidato da Massimo partirà da Goma per ripristinare le 3 connessioni. Il costo della missione è di 4000 EURO.

UNA SOLA MISSIONE PER 4 OBIETTIVI!

Cosa può fare ognuno di noi:

Ti invitiamo a fare una donazione per finanziare questa missione effettuando un bonifico a:

*****************************************

Banca Popolare Etica
Viale della Repubblica 193/i
31100 Treviso

Coordinate Bancarie:
ABI 05018 CAB 12000 CC. 000000130726
Iban IT19H0501812000000000130726

INDICARE LA CAUSALE: Ripristiniamo la connessione

*****************************************

Scarica e distribuisci il volantino per la raccolta fondi:

http://www.informaticisenzafrontiere.org/blog2/wp-content/uploads/2010/07/congo.pdf

Dopo aver effettuato il bonifico puoi inviare una mail a:
isf.puglia@informaticisenzafrontiere.org
indicando chi sei.
Successivamente vi verranno inviati gli aggiornamenti relativi all’esito della missione.

Articoli correlati

  • Eugenio Melandri, una vita per la Pace e gli ultimi
    Pace

    Eugenio Melandri, una vita per la Pace e gli ultimi

    Un ricordo a poche ore dalla scomparsa terrena
    27 ottobre 2019 - Alessio Di Florio
  • Chiara Castellani è in Italia
    Kimbau
    Dottoressa e missionaria laica in Congo RD

    Chiara Castellani è in Italia

    Un impegno di solidarietà e di pace in difesa dei più poveri. Da oggi comincia il tour di conferenze e incontri con i gruppi locali di sostegno. Guarda il video e consulta il calendario degli appuntamenti e condividi sui social gli incontri programmati in Italia.
    16 novembre 2018 - Alessandro Marescotti
  • Appello di padre Alex Zanotelli ai giornalisti italiani: "Rompiamo il silenzio sull’Africa"
    Editoriale
    Si parla troppo poco dell'Africa

    Appello di padre Alex Zanotelli ai giornalisti italiani: "Rompiamo il silenzio sull’Africa"

    Riproponiamo l'appello che padre Zanotelli fece ai giornalisti italiani il 18 luglio 2017 perché lo riteniamo ancora più attuale ora dopo il vertice europeo del 29 giugno e ancora di più dopo la strage dello stesso giorno in cui sono morti tre lattanti e almeno cento migranti mentre le ONG erano ferme nei porti per scelta del governo italiano e degli altri Paesi mediterranei
    30 giugno 2018 - Redazione PeaceLink
  • Taranto come l'Aquarius
    PeaceLink
    Abbiamo maturato un'esperienza nella comunicazione globale delle emergenze umanitarie che poi abbiamo messo a disposizione della città di Taranto

    Taranto come l'Aquarius

    Tutta la mia azione sull'ILVA è stata sempre basata sull'indignazione verso chi poteva soccorrerci ed è rimasto indifferente. In questi anni avrebbero potuto salvare vite umane e non lo hanno fatto. Taranto è un caso evidente di razzismo ambientale, hanno scaricato su di noi quello che Genova non voleva più subire. E così ci hanno fatte affondare nella malattia e nella disperazione. Nessun governo ci ha offerto un porto sicuro dove poterci salvare. Ci hanno abbandonato come città alla deriva, senza protezione e senza tutele.
    15 giugno 2018 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)