Latina

15.03.07 - Argentina

Le Madri di Plaza de Mayo plaudono alla condanna dei genocidi

18 marzo 2007
Adital
Fonte: Asociacion de las Madres de la Plaza de Mayo

Le Madri plaudono con profonda soddisfazione alla sentenza pronunciata dalla giustizia italiana che ha condannato all'ergastolo cinque genocidi della dittatura: Alfredo Astiz, Jorge "Tigre" Acosta, Jorge Vildoza, Hector Febres e Antonio Vanek. Tutti sono stati condannati per crimini di lesa umanita' commessi durante la dittatura.
Alfredo Ignacio Astiz, noto come l'angelo biondo e l'angelo della morte, e' un capitano di fregata dell'Armata Argentina, che durante la dittatura militare in Argentina si infiltro' nelle organizzazioni per i diritti umani come spia. Tra i delitti di lesa umanita' che gli vengono attribuiti si annoverano casi di grande risonanza internazionale, come il sequestro, la tortura e la sparizione di due suore francesi, Alice Domon e Leonie Duquet - per i quali era gia' stato condannato in assenza in Francia all'ergastolo - e della giovane argentino-svedese, Dagmar Hagelin.

Il comunicato dell'Associazione evidenzia che "...la cosa piu' importante e' sapere che questa condanna prima o poi sara' resa effettiva in Argentina, come conseguenza dei processi a cui sono sottoposti nei nostri Tribunali. Siamo convinte che finalmente potremo vedere realizzato il nostro ordine di carcerazione per i genocidi, come conviene a chi si e' accanito contro i nostri figli e le migliaia di combattenti che sono stati perseguitati, torturati, imprigionati e assassinati per aver lottato per un paese e una societa' piu' giusti.

E conclude: "Riteniamo che questa sia una buona notizia da mettere in evidenza, perche' ratifica il cammino che abbiamo intrapreso 30 anni fa, per vedere dietro le sbarre gli assassini responsabili del massacro di un'intera generazione".

Note: Traduzione di Silvia Corbatto per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando le fonti, l'autore e il traduttore.

Articolo originale in spagnolo:
http://www.adital.org.br/site/noticia.asp?lang=ES&cod=26736

Articoli correlati

  • Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva
    Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
  • Argentina: repressione e grilletto facile
    Latina
    Tra il 17 e il 21 novembre 2021 la polizia ha ucciso due giovani, vittime di razzismo e pregiudizio

    Argentina: repressione e grilletto facile

    Il mapuche Elías Garay lottava per il diritto alla terra della sua comunità. Lucas González era un ragazzo delle periferie che sognava di fare il calciatore.
    4 gennaio 2022 - David Lifodi
  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali”
    Sociale
    Sabato 9 ottobre alle ore 11 a Roma in piazza Santi Apostoli presidio del comitato 9 Ottobre

    “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali”

    Presidio convocato dai parenti delle vittime di stragi come Vajont, Viareggio, ponte Morandi, Moby Prince e anche dai familiari dei morti sul lavoro e da tutte le associazioni che li sostengono. La Giornata nazionale è stata istituita sul ricordo della strage del Vajont del 9 ottobre 1963.
    9 ottobre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)