Torino, 15 e 16 Dicembre 2006

Giornalismo di Pace

15 dicembre 2006

IL CENTRO STUDI SERENO REGIS VI INVITA A PARTECIPARE AL CONVEGNO INTERNAZIONALE DI STUDI

GIORNALISMO DI PACE

15 E 16 DICEMBRE 2006 - AUDITORIUM DELLA PROVINCIA DI TORINO - VIA VALEGGIO, 5 – TORINO

 

VENERDI' 15 DICEMBRE 2006

  • Ore 14.30 - Registrazione dei partecipanti
  • Ore 15.00 – Apertura dei lavori
  • Ore 15.15 - Tavola rotonda: I giornalisti come operatori nei conflitti
    Moderatore: Giovanni Salio (Centro Studi Sereno Regis)
    Interventi di
    Lucia Vastano (“Narcomafie”)
    Angela Lano (Infopal.it)
    Silvia Pochettino (“Volontari per lo sviluppo”)
    Carolina Teza e Mario Pozzobon (superstiti e testimoni del Vajont e del dopo-Vajont)
    Proiezione del video News from the Holy Land di Jake Lynch e Annabel McGoldrick
  • Ore 18.15 - Dibattito

SABATO 16 DICEMBRE 2006

  • Ore 9.30 - Tavola rotonda: Il ruolo dei media nella trasformazione nonviolenta dei conflitti
    Moderatore: Giovanni Salio (Centro Studi Sereno Regis)
    Interventi di
    Johan Galtung (Rete TRANSCEND)
    Mimmo Candito (“La Stampa”)
    Alberto Chiara (“Famiglia Cristiana”)
  • Ore 15.00: Tavola rotonda: Lavorare in reti mediatiche e nella controinformazione
    Moderatrice: Nadia Redoglia (PeaceLink)
    Interventi di
    Maso Notarianni (“Peacereporter”)
    Massimo Tesei (“Una città”)
    Mao Valpiana (“Azione nonviolenta”)
    Rodrigo Vergara (ARCOIRIS TV)
  • Ore 18.15 - Dibattito

Dal 12 al 22 dicembre 2006 si terrà presso il Centro Studi Sereno Regis, via Garibaldi, 13 -Torino, la mostra Oltre il velo , 21 fotografie di Giuliana Sgrena.

Giornalismo di pace. Perché?
Secondo Jake Lynch e Annabel McGoldrick ( reporters della BBC e del londinese “The Independent”, nonché docenti di giornalismo e peace-studies in università inglesi, statunitensi e australiane) il giornalismo di pace è caratterizzato dall'adottare esplicitamente una teoria del conflitto: il conflitto non è affatto sinonimo di guerra, bensì una relazione tra più parti (individui o gruppi) che hanno obiettivi e interessi incompatibili; inoltre, la mera presenza di un conflitto non porta necessariamente allo scoppio della violenza, perché i suoi sviluppi dipenderanno in primis dagli atteggiamenti e dai comportamenti delle parti direttamente coinvolte, e poi (ma in alcuni casi: soprattutto) da quelli delle parti esterne alla problematica in questione.

Da questo approccio discendono cinque linee guida spesso trascurate nelle analisi giornalistiche più correnti:

  1. un conflitto emerge in un contesto con specifiche caratteristiche strutturali e culturali, che non possono essere ignorate, pena una pesante distorsione degli eventi;
  2. nonostante i prevalenti schemi dualistici, in ogni conflitto vi sono sempre più di due parti: da ciò l'importanza di un'accurata mappatura dei soggetti coinvolti;
  3. ogni parte ha una posta in gioco, dichiarata o celata, che deve essere evidenziata mediante ricerche adeguate;
  4. un conflitto è un processo, la cui “punteggiatura” (individuazione del momento d'inizio, delle diverse fasi e dei punti di svolta) è un'operazione che implica la partecipazione dell'osservatore e che mette pertanto in discussione la consolidata “teoria della O maiuscola”, secondo la quale i giornalisti devono solo “riportare i fatti così come sono”;
  5. si dà sempre più di un modo di rapportarsi a un conflitto, per cui è doveroso segnalare l'operato di coloro che, in ogni parte del mondo, cercano di elaborare e applicare modalità alternative alla violenza.

Questi punti costituiscono una base per riflettere su alcune domande: in che modo il giornalismo influisce sulla nostra vita?
Le strategie mediatiche adottate dalle parti in un dato conflitto hanno un qualche effetto sul suo stesso svolgimento?
In che cosa consiste la responsabilità dei giornalisti e fino a che punto essi sono influenzati dalle loro teorie circa il loro ruolo e circa i margini di libertà di cui dispongono?
E ancora: chi decide quali (serie di) eventi riferire e quali “dimenticare”?
Il mondo dell'informazione è pluralistico oppure oligopolistico?

Coloro che promuovono il giornalismo di pace pongono questi interrogativi al centro della loro pratica professionale, talvolta pagando di persona, e ricordano così la figura dell'intellettuale specifico auspicata da Michel Foucault sin dagli anni settanta del XX secolo.
Il Convegno ha ottenuto il patrocinio della Regione Piemonte, della Provincia di Torino e della Città di Torino, ed è realizzato grazie al contributo di: Regione Piemonte, Provincia di Torino, Città di Torino, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT.

La coordinatrice del Progetto
Dott.ssa Carla Toscana

Allegati

Articoli correlati

  • Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari
    Laboratorio di scrittura
    Attenzione a non diffondere notizie "tendenziose" che possano "deprimere lo spirito pubblico"

    Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari

    Se un pacifista distribuisce ai militari dei volantini che "recano nocumento agli interessi nazionali" viene condannato a una pena non inferiore a quindici anni. Non è una legge della Russia di Putin ma l'articolo 265 del codice penale, ancora in vigore in Italia, sul "disfattismo"
    8 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile
    Pace
    Eirenefest: non solo una fiera di libri, ma soprattutto un ambito di convergenza

    Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile

    Mancano pochi giorni al via del primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza, un mega evento che si terrà a Roma dal 2 al 5 giugno prossimi: un tentativo di sfidare le radici della guerra - egoismo, violenza, sopraffazione - coltivando, tutti insieme, una convergenza di valori opposti.
    22 maggio 2022 - Olivier Turquet
  • Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina
    Conflitti
    Scomparsi i negoziati e la parola "pace"

    Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina

    Il discorso pubblico sulla guerra in corso si va modificando in modo rapido e sostanziale ma, al contempo, poco visibile e perciò “indolore”. Questi cambiamenti così rilevanti raramente sono oggetto di discussione in quanto tali e questo può contribuire a renderli invisibili ai nostri occhi.
    1 maggio 2022 - Daniela Calzolaio
  • Pace proibita? Esponenti della cultura, del giornalismo e dello spettacolo protestano
    Pace
    Un evento di Santoro e Vauro, dal vivo e in streaming

    Pace proibita? Esponenti della cultura, del giornalismo e dello spettacolo protestano

    Michele Santoro e Vauro Senesi riuniscono in nome della pace, lunedì prossimo (2 maggio) alle ore 21, esponenti della cultura, del giornalismo e dello spettacolo per "opporsi alla deriva verso il pensiero unico e la resa dell’intelligenza" davanti agli orrori della guerra in corso in Ucraina.
    28 aprile 2022 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)