«The Venice Project» coniuga web e televisione. Sarà lanciato nel 2007

Da Skype alla tv del futuro

24 dicembre 2006
Raffaele Mastrolonardo
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Con il primo colpo hanno rivoluzionato il mondo della musica offrendo a milioni di persone uno strumento per scaricare e condividere i brani preferiti: il software Kazaa. Con il secondo, Skype, hanno stravolto l'universo delle comunicazioni vocali rendendo la telefonia a pacchetti un fenomeno di massa. Al terzo tentativo hanno deciso di entrare nel territorio della televisione. Stiamo parlando di Niklas Zennström e Janu Friis, svedese e danese rispettivamente, che hanno investito parte dei 2,6 miliardi di dollari incassati dalla vendita di Skype per lanciare The Venice Project e lasciare con il fiato sospeso l'universo dell'intrattenimento. Ma in cosa consiste la nuova possibile rivoluzione della tv di cui tutto il mondo parla? Semplicemente in un software peer-to-peer (p2p, da pari a pari), poco ingombrante e poco esoso (12Mb di spazio per 512Mb di Ram necessari per faro girare), ma che permette di vedere con una resa molto alta i contenuti professionali sui quali i due imprenditori hanno negoziato i diritti con i big dell'intrattenimento. Il progetto, ancora in fase di test, mira infatti a prodotti di qualità e completamente legali. I programmi saranno fruibili solo in streaming, vale a dire scorreranno sullo schermo del Pc senza che l'utente possa scaricarli e quindi scambiarli e condividerli con altri. I soldi, infine, arriveranno dalla pubblicità. Il tutto grazie alla tecnologia p2p che permette di creare una rete tra le varie connessioni, rubando un po' di banda a tutti gli utenti ma permettendo loro di gustare un video a tutto schermo anche senza connessioni superveloci.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)