MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Ed a reti unificate va in onda la propaganda di guerra
    La libertà di stampa può attendere

    Ed a reti unificate va in onda la propaganda di guerra

    Dopo aver convocato una controversa manifestazione (per Travaglio e Floris) la FNSI rinvia tutto in nome dell'unità e del lutto nazionali dopo la morte dei 6 soldati in Afghanistan. Rinvia tutto di una settimana. Quando, a Roma e nelle stesse ore, è convocata una manifestazione dei precari della scuola. Per la propaganda di guerra si rinvia, per le vittime del più grande licenziamento di massa in Italia no...
    19 settembre 2009 - Alessio Di Florio
  • Progetto Bonelli: stage retribuiti nella comunicazione del terzo settore

    Scadono venerdì 30 novembre i termini per presentare la propria candidatura al "Progetto Bonelli", iniziativa culturale e formativa che si pone l'obiettivo di avviare stage formativi e di aggiornamento negli uffici stampa e comunicazione del non profit e nelle redazioni editoriali del terzo settore.
    Il Progetto Bonelli è organizzato dal Forum del Terzo Settore in collaborazione con la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell' Università La Sapienza di Roma , il contributo di Arca-Enel , il sostegno di FNSI - Federazione Nazionale Stampa Italiana , Associazione Stampa Romana e Inpgi , Ucsi - Unione Cattolica Stampa Italiana e il patrocinio dell' Ordine Nazionale dei Giornalisti , dell' Usigrai e dell' Agenda del Giornalista . Il Progetto è intitolato a Giorgio Bonelli , per quarant'anni capo ufficio stampa delle Acli, decano del giornalismo associativo, scomparso nel dicembre 2003.
  • Meno giornalisti, più cellulari. L'Ansa taglia, rischia la notizia

    Nel «piano di riorganizzazione» dell'agenzia un centinaio di esuberi e nuove tecnologie. Da oggi quattro giorni di sciopero
    14 settembre 2007 - Marina Della Croce
  • Domani la richiesta formale al ministero del lavoro. Il gruppo editoriale di Nicola Grauso in difficoltà finanziarie

    Cassa integrazione per i giornalisti di E-Polis

    31 luglio 2007
Editoria

Torna E Polis, Dell'Utri nel Cda

11 settembre 2007
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

C'è anche Marcello Dell'Utri nel nuovo cda di E Polis che ieri ha deliberato un aumento di capitale di 13 milioni di euro. Il fondatore di Publitalia, senatore di Forza Italia e fondatore dei circoli della libertà è stato condannato in via definitiva per false fatture e frode fiscale a Torino, a due anni per tentata estorsione a Milano ai danni di un imprenditore trapanese con la complicità del boss Vincenzo Virga, a 9 anni per concorso esterno in associazione mafiosa a Palermo ed è attualmente in corso il processo d'appello. Per la vicenda della calunnia pluriaggravata contro alcuni pentiti di mafia il giudice di Palermo chiese l'arresto che venne rifiutato dal Parlamento è stato assolto in primo grado e lo scorso febbraio la procura di Palermo ha presentato appello. Era nota l'amicizia che lega Alberto Rigotti, a capo della banca d'affari ABM Merchant e che è il nuovo azionista di maggioranza di E Polis, con Dell'Utri. Oltre ad occupare il posto nel cda Dell'Utri è stato proposto anche come presidente della concessionaria pubblicitaria che l'editore Grauso ha creato all'inizio del 2007.
Ieri il giornale è tornato in edicola e nei punti di distribuzione gratuita dopo l'assenza che durava dal 17 luglio quando lo stampatore Umberto Seregni aveva spento le rotative per il credito che vantava dall'editore Nichi Grauso pari quasi a 20 milioni di euro. Ora, nel nuovo cda, Grauso e Seregni siederanno assieme con Rigotti, Felice Emilio Santonastaso, Luigi Barone e Dell'Utri. Strana storia questa di E Polis che si trova ad avere un direttore ex Unità come Antonio Cipriani (per ora confermato), un nuovo editore legato a Forza Italia e un pluricondannato in cda. Il sindacato dei giornalisti è molto arrabbiato con l'azienda che viene accusata di calpestare le regole (le redazioni sono state smantellate e per quasi 100 giornalisti c'è il telelavoro) e ieri la Fnsi ha depositato in tribunale a Cagliari un ricorso per comportamento antisindacale. La settimana prossima ci sarà a Roma l'incontro al ministero del Lavoro per la revoca della cassa integrazione.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)