Libertà di espressione

Il Patriot Act sbarca a «Più libri Più liberi»

Fiera editoria L’assurda vicenda di Steve Kurtz, attivista del «Crtical Art Ensemble», accusato di bioterrorismo. Se ne parlerà allo stand della casa editrice Eleuthera
6 dicembre 2007
Benedetto Vecchi
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Il Patriot Act sarà uno degli ospiti della fiera «Più libri Più liberi» che si apre oggi a Roma. Non solo perché saranno presentati volumi che denunciano la limitazione dei diritti civili di cui è stata responsabile la sua applicazione negli Stati Uniti, ma anche perché un autore statunitense, Steve Kurtz, è accusato di attentato alla sicurezza nazionale in base proprio del Patriot Act voluto dall’amministrazione di George W. Bush per combattere la guerra interna al terrorismo. Per tre giorni, infatti, presso lo stand della casa editrice Eleuthera sarà disponibile al pubblico un’ampia documentazione sulla vicenda di Steve Kurtz, docente alla New York University, accusato dalla Fbi di bioterrorismo.
Steve Kurtz è uno dei fondatori del Critical Art Ensemble, un gruppo interdisciplinare che attraverso performance artistiche denuncia vari aspetti della società statunitense. Ed è all’interno di questo gruppo che Steve Kurtz, assieme alla sua compagna Hope, stava preparando lo spettacolo Free Range Grain («Il grano rompe le righe») sugli organismi geneticamente modificati. Uno spettacolo preparato in anni di lavoro che hanno visto, come è costume del Critical Art Ensemble, della partecipazione di biologi e la coltivazione in vitro di alcuni batteri innocui. Durante la preparazione della performance artistica la compagna di Kutz è colpita nella sua casa di infarto. Steve Kurtz richiede l’intervento medico, ma Hope muore. Durante il sopralluogo di routine nell’appartamento la polizia «scopre» strumenti per estrarre il Dna dagli alimenti, alcuni vetrini Petri e la documentazione sulla manipolazione genentica. Il giorno dopo Steve Kurtz viene arrestato con l’accusa di bioterrorismo. Allo stesso tempo, l’Fbi sequestra tutto il materiale e il suo computer. Sono passati tre anni dal suo arresto e Kurtz vive ora agli arresti domiciliari (tutta la documentazione sul caso di Steve Kurtz è disponibile nei siti Internet caedefensefund.org e www.critical-art.net).
Negli
anni, l’attività di Steve Kurtz e di tutto il Critical Art Ensemble si è concentrata sull’applicazione della scienza e della tecnologia nella vita quotidiana, a partire dagli Ogm, ma non solo. Recentemente, Eleuthera ha pubblicato il volume del Critical Art Ensemble L’invasione molecolare (pp. 120, euro 10. Il volume è copyleft e può essere scaricato liberamente dal sito www.eleuthera.it) e nei prossimi mesi ha annunciato l’uscita de La peste in marcia, una ricostruzione del progetto portato avanti dell’esercito britannico tra il 1952 e il 1953 di usare la peste come arma batteriologica. Durante la fiera romana della piccola editoria la casa editrice Eleuthera ha allestito un blog per discutere la vicenda di Kurtz, giudicata come esemplificatrice di una limitazione della libertà di espressione provocata dalla legislazione antiterrorismo voluta da George W. Bush, mentre il Rialtosantamborgio proietterà il film tratto dalla vicenda di Steve Kurtz, e presentato al Sundance festival, Strange culture (strangeculture.net).

Articoli correlati

  • Quando cade un tabù: una democrazia può commettere crimini di guerra?
    Editoriale
    L'arresto richiesto dal presidente della Corte Penale Internazionale del premier Netanyahu

    Quando cade un tabù: una democrazia può commettere crimini di guerra?

    La reazione indignata del primo ministro israeliano Netanyahu, che ha respinto con veemenza il paragone tra lo "Stato democratico di Israele" e Hamas, tocca la diffusa convinzione che una nazione considerata "democratica" sia immune dall'accusa di crimini contro l'umanità. Il caso di David McBride
    22 maggio 2024 - Alessandro Marescotti
  • La nostra solidarietà ai giovani americani
    Editoriale
    Protestano pacificamente contro il sostegno militare Usa all'esercito israeliano

    La nostra solidarietà ai giovani americani

    Chiedono un cambiamento significativo nella politica di Biden verso Israele ma ottengono pallottole e arresti. Catherine Elias - leader della protesta - dice: "Siamo nel Paese che non solo finanzia, ma produce e crea anche la maggior parte delle bombe che vengono lanciate su Gaza".
    26 aprile 2024 - Redazione PeaceLink
  • "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"
    Economia
    Intervista a Jeffrey Sachs sulla guerra in Ucraina, la Nato, l'Europa, gli USA e la Cina

    "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"

    "Gli Stati Uniti hanno chiamato il primo ministro Meloni e hanno detto di uscire dalla Via della Seta. Pensate che abbia avuto da sola quell’idea? L'idea statunitense è che nessuno debba rivaleggiare con la potenza degli USA. Dovremmo invece puntare a costruire un mondo multipolare e cooperativo".
    6 febbraio 2024 - Jeffrey Sachs
  • Schede
    Il 26 maggio 2004 il New York Times riconobbe i propri errori pubblicando un articolo

    Le presunte armi di distruzione di massa di Saddam in Iraq

    Giornali come il New York Times, fino al 2003 ostili alla guerra, finirono per accettare come veritiere le affermazioni di Powell e per considerare ineluttabile l'intervento armato. A guerra terminata non fu trovata alcuna traccia di quelle fantomatiche armi.
    16 novembre 2023
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)