MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Alexander, dall’umanità ai margini per riparare il mondo

    Alexander, dall’umanità ai margini per riparare il mondo

    E’ ancora possibile fare politica insieme agli impoveriti e agli ultimi, ai piccoli e ai deboli, senza rimanere ingabbiati nei soliti rituali e nelle meschine dinamiche dei palazzi? Fare politica non per il potere ma solo per le vittime e gli sfruttati?
    5 luglio 2017 - Alessio Di Florio
  • PeaceLink: "Negare cure sanitarie a Taranto è razzismo ambientale"
    Drammatico taglio di cinquanta milioni di euro che un emendamento parlamentare includeva nella Legge di stabilità

    PeaceLink: "Negare cure sanitarie a Taranto è razzismo ambientale"

    I tarantini da tempo non sono considerati cittadini ma sudditi privi di tutela. Devono tenersi l’inquinamento e in più non possono curarsi. E’ inaccettabile che l’emendamento a firma (si badi bene) di parlamentari Pd non abbia avuto il benestare del loro stesso governo.
    26 novembre 2016 - Associazione PeaceLink
  • PeaceLink e Unimondo - Democrazia: concezione di vita
    UNIMONDO - Editoriale:

    PeaceLink e Unimondo - Democrazia: concezione di vita

    21 settembre 2016 - Laura Tussi
  • Presidente Obama, non ci vada a mani vuote!

    Nell'imminenza della visita di Obama nella città di Hiroshima, un appello a tutti gli operatori di pace: un invito a spedire un messaggio alla Casa Bianca perché il suo viaggio non porti solo parole.
    Presidente Obama, non vada a Hiroshima a mani vuote!
    11 maggio 2016 - Roberto Del Bianco

Yes we can't

23 novembre 2008 - Davide Marzorati

Vignetta di Giannelli per il Corriere


Questa è la nostra occasione per rispondere a questo appello. Questo è il nostro momento. Questa è la nostra epoca: per rimettere la nostra gente al lavoro e aprire porte di opportunità per i nostri bambini; per riportare la prosperità e promuovere la causa della pace; per rivendicare il sogno americano e riaffermare quella verità fondamentale, che da molti siamo uno; che finché avremo vita avremo speranza: e quando ci troveremo di fronte al cinismo e al dubbio, e a quelli che ci dicono che non ce la possiamo fare, noi risponderemo con quella professione di fede immortale che riassume lo spirito di un popolo: yes, we can.
Grazie. Dio vi benedica. E che Dio benedica gli Stati Uniti d'America.

(Discorso tenuto dal neopresidente Barack Obama a Chicago dopo la conferma della sua elezione, 5 Novembre 2008)




La sfida è lanciata. Lo slogan è pronto. Al Lingotto era il kennediano "I care", oggi la scelta cade su Obama: "Yes we can". "Possiamo vincere" assicura Walter Veltroni. Anche da soli. Scioglie gli indugi il segretario del Pd.[...]Adesso, però, si volta pagina. "Possiamo vincere" dice Obama. "Possiamo vincere" rilancia Veltroni. Anche da soli. O forse proprio per questo.

(Repubblica.it, 6 Febbraio 2008)


La partita è tutta da giocare perchè il Senato "è un terno al lotto". Walter Veltroni ci crede e ricorre di nuovo al paragone con Barack Obama per dimostrare che il Partito Democratico può farcela.[...] e da Rimini a Modena, il richiamo agli Stati Uniti e al senatore nero dell'Illinois ci sta tutto:"Nessuno avrebbe scommesso un dollaro, o un euro, su di lui o su di me. Ora Obama è il front runner e qui i nostri avversari parlano dell'ipotesi di pareggio"

(Il Messaggero, 24 Febbraio 2008)



«Ce la possiamo fare», ghe a podemo far, come si legge sulle magliette dei giovani militanti[...] Nel Pdl, dice Veltroni, «sono stanchi, ripetitivi, ottocenteschi». E anche parecchio illiberali, stracciano i programmi degli avversari, inorridiscono per Obama presidente nero e per l' Italia del 50 per cento di posti alle donne. Si prendono, candidato a Roma, il «capo della rivolta dei taxi», il nemico delle liberalizzazioni. E si affidano a uno slogan come «Rialzati Italia», «perché non sanno che tanti italiani cominciano a lavorare alle quattro, alle cinque del mattino, quando certi politici tornano dalla discoteca».[...]Veltroni usa un linguaggio da predicatore: «Vorrei parlare uno ad uno ai cittadini di questa terra. Vorrei dire loro: «Dateci fiducia, possiamo cambiare radicalmente il Paese. Da soli, sarebbe la prima volta che governiamo»

(Walter Veltroni ad un comizio a Treviso, Repubblica, 9 Marzo 2008)



Sempre più difficile, dal yes we can di Obama a Roosevelt: il New Deal di Veltroni sta tutto in una parentesi quasi inosservata della «conferenza operaia» di ieri a Brescia[...] Veltroni torna a non nominare Berlusconi, dice di volersi sottrarre alla «campagna d' odio» altrui. E continua a chiedere il duello televisivo: «Sottrarsi al confronto indica scarso senso di responsabilità». C' è pure tempo di cambiare lo slogan: «Non più "si può fare" ma: "lo stiamo facendo"».

(Corriere della Sera, 30 Marzo 2008)

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)