Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Da sempre lavora per rivendicare il diritto alla salute

Intervista a Fiorella Gazzetta, medico in soccorso degli ultimi

Nel marzo 2009 con alcuni volontari ha dato vita ad un Ambulatorio per Cittadini senza permesso di soggiorno e senza fissa dimora. Da agosto 2020 si sono costituiti in Associazione di Volontariato.
Laura Tussi25 ottobre 2020

Ambulatorio "Sanità di Frontiera"

Intervista di Laura Tussi a Fiorella Gazzetta

Fiorella Gazzetta, raccontaci di te e della tua professione.

 

Mi chiamo Fiorella Gazzetta, ho 65 anni e sono un medico. Da gennaio 2020 sono in pensione dopo 38 anni di attività come medico di base. Ho una specializzazione in Patologia della Riproduzione Umana, equiparata a Ginecologia. Ho praticato e tutt'ora pratico quella che io chiamo Ginecologia di Base, perchè ritengo importantissima questa attenzione di base al problema femminile sotto tutti i suoi aspetti. Fin da piccola mi sono scontrata ed incontrata con la malattia sia personale che familiare e questo mi ha aperto un mondo su come viene erogata l'assistenza a 360 gradi e su come dovrebbe essere erogata e sulle diversità ed ingiustizie e discriminazioni esistenti tutt'ora rispetto a chi è povero o privo di mezzi, non solo economici, e chi ha questi mezzi.

 

Hai visto in faccia la povertà e la negazione del diritto alla salute?

 

Sono una figlia del proletariato che da sempre lavora per rivendicare il diritto alla salute per tutti e soprattutto per chi questo diritto non ha o non sa di averlo e vedo con i miei occhi e la mia professionalità realtà sanitarie di alcuni paesi (Cuba, Pakistan; Mali, Palestina a Gaza, Libano nei campi profughi) e nel mio lavoro quotidiano di medico di base toccare con mano la realtà delle persone che arrivano nel nostro paese sia con che senza permesso di soggiorno mi ha guidato nel prendere decisioni e sostenere azioni per fare qualcosa di concreto.

 

Quali provvedimenti avete preso per aiutare i più deboli, gli emarginati: i Cittadini senza permesso di soggiorno e senza fissa dimora?

 

Nel marzo 2009 con alcuni volontari, sia sanitari che non, abbiamo dato vita ad un Ambulatorio per Cittadini senza permesso di soggiorno e senza fissa dimora.

E' stato un momento importante in quanto era l'anno del Reato di Clandestinità e numerose badanti erano senza assistenza e non sapevano dove rivolgersi.

 

Quali reati contro i migranti hanno commesso la Legge Bossi fini e la Turco Napolitano?

 

Abbiamo fatto molta strada da allora ma non abbastanza in quanto ancora oggi a distanza di 20 anni dalla Legge Bossi Fini e 22 dalla Turco Napolitano, il diritto all'assistenza per persone senza permesso di soggiorno non è assolutamente riconosciuto da molte regioni se non con fatica e a macchia di leopardo. In Lombardia ci sono numerosi ambulatori volontari, ma la regione non ha mai istituito ambulatori dedicati.

 

Qual è stato il ruolo dei sindacati a sostegno dei migranti?

 

Con l'appoggio dei sindacati (sostenitori del nostro ambulatorio), dopo un intervento a livello regionale, nel 2012 siamo riusciti a farci riconoscere il diritto ad avere il Ricettario regionale per le prescrizioni sia di farmaci che di prestazioni, ricettario ora nominale per ogni medico volontario che opera nell' ambulatorio.

 

Come vivete l'emergenza Covid?

 

L'emergenza Coronavirus ha creato però un grosso problema: improvvisamente, senza alcuna comunicazione, il nostro ambulatorio, fisicamente ospitato nella sede cittadina delle ACLI, è stato chiuso. Abbiamo lottato per la sua riapertura, appoggiati anche  dall' Assessorato ai Servizi Sociali del Comune, ma ci è stato fornito un Camper: luogo attualmente non adatto per visite mediche in distanziamento e per una adeguata sanificazione. Ci è stata poi offerta la possibilità di poter lavorare in un ambulatorio ubicato presso il sevizio mensa di “Casa  della Carità”,  nel quale tutt'ora, pur con qualche difficoltà logistica di spazi, riusciamo a svolgere il nostro lavoro.

I nostri utenti all'inizio sono rimasti spaesati e convinti che l'ambulatorio fosse stato proprio chiuso e piano piano hanno poi (in seguito ad una pubblicizzazione a tappeto della riapertura) rincominciato a presentarsi rigorosamente su appuntamento. Abbiamo pazienti cronici con importanti patologie che avevano sospeso le cure, che dosavano le terapie per farle bastare, che si erano fatti aiutare da parenti o conoscenti a comprare i farmaci (ai quali avevano diritto pagando solo il ticket sulle confezioni), pazienti che non si erano recati alle visite di controllo per timore di contrarre il virus e altri ai quali erano state disdette tali visite e che non sapevano a chi rivolgersi.

Abbiamo visitato pazienti a domicilio e risolto anche importanti problemi di salute e burocratici o di negazione delle cure dovute.

 

Vi siete costituiti come associazione?

 

Ora ad agosto 2020 ci siamo costituiti in Associazione (Associazione Sanità di Frontiera-Varese-ODV) per poter gestire in modo autonomo e secondo scienza e coscienza il nostro intervento.

 

Raccontaci come si comportano i vostri pazienti/utenti

 

Gli utenti del nostro ambulatorio sono persone attente, si presentano con la mascherina e sanificano le mani senza bisogno spesso di ricordarglielo. Hanno paura e purtroppo stanno spesso rintanati nelle loro case iperaffollate con bambini e anziani e molti hanno perso il lavoro a seguito delle chiusure e del fatto che molte badanti sono state licenziate perchè il lockdown aveva riportato nelle case le donne lavoratrici che così si sono prese cura esse stesse di figli e anziani, oltre che svolgere anche il lavoro in smart working.

 

E le donne?

 

Ecco torniamo di nuovo alle donne: il carico di lavoro di assistenza e familiare grava di nuovo soprattutto  sulle loro spalle. E cosa dire delle donne e dei figli costretti a convivere 24 ore su 24 con situazioni di violenza domestica e familiare perpetrata ai loro danni e accentuata dalla rabbia ed impotenza per l'impossibiltà di sfogarla all'esterno?

Ero molto preoccupata sin dall'inizio del lockdown per queste situazioni (avendole viste da vicino  nel mio lavoro quotidiano) e non intendo solo violenze fisiche ma ancor di più psicologiche.

 

Quali categorie di persone subiscono maggiormente il danno di questa condizione?

 

Ancora una volta chi subisce di più il danno di tutto questo sono le donne e i minori, veri emarginati e vittime della discriminazione.

Abbiamo ancora tanta strada da percorrere e noi donne dobbiamo lottare per i nostri diritti e mai dare per scontato nulla. Alziamo la testa anche se ci tengono la mazza sul collo e rivendichiamo il diritto alla libertà ed alla giustizia per noi ed i nostri figli.

Articoli correlati

  • "Agnelli sacrificali": perché così tanti morti da Covid-19?
    Sociale
    Ora su Internet

    "Agnelli sacrificali": perché così tanti morti da Covid-19?

    Esce sul web un audiovisivo che denuncia una delle cause più sottaciute dei troppi morti di Covid-19, chiamando in causa persino la Confindustria lombarda per possibile “istigazione al reato di epidemia colposa.”
    16 novembre 2020 - Redazione Peacelink
  • 4 novembre 2020: non festa ma lutto
    Editoriale
    Ogni vittima ha il volto di Abele

    4 novembre 2020: non festa ma lutto

    Meno armi più salute, ridurre drasticamente le spese militari e devolvere i fondi a sanità, assistenza, ricerca e servizi pubblici.
    31 ottobre 2020 - PeaceLink - Centro di Ricerca per la Pace e i Diritti Umani di Viterbo - Movimento Nonviolento
  • La nave che bloccò 7.000 migranti e contrabbandò 700.000 sigarette
    Pace

    La nave che bloccò 7.000 migranti e contrabbandò 700.000 sigarette

    La nave da guerra italiana Caprera era stata inviata a Tripoli per partecipare alla lotta contro i trafficanti di esseri umani in Libia. Alcuni membri del suo equipaggio hanno caricato merce di contrabbando.
    14 ottobre 2020 - Patrick Kingsley e Sara Creta
  • Sette anni fa morirono 366 migranti
    Migranti
    Strage a Lampedusa

    Sette anni fa morirono 366 migranti

    Sono trascorsi sette anni da quando a Lampedusa fra le urla persero la vita 366 donne, uomini e bambini. Urla che per i pescatori di Lampedusa percepirono e quel giorno si trasformarono in eroi, salvando circa 80 persone, afferrandole per le braccia.
    3 ottobre 2020 - Alessandro Puglia
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)