Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

L'opinione

Ong e Afghanistan, le occasioni perdute

26 luglio 2006
Giulio Marcon
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Il parere di una parte minoritaria del mondo delle Ong italiane a favore della presenza dei militari italiani sotto il cappello Isaf in Afghanistan, con la motivazione che questo aiuta l'intervento umanitario sul campo, è una posizione sbagliata e contraddittoria, e anche un po' inaspettata.
Sbagliata perché in Afghanistan c'è stata una guerra, fatta o appoggiata da quei paesi che hanno truppe sul campo in due missioni (Enduring Freedom e Isaf) che si sovrappongono e che si intrecciano nella catena di comando: le organizzazioni umanitarie -pena la perdita della loro credibilità- non devono mai invocare l'aiuto di truppe militari di guerra e di parte a sostegno della loro azione. E' un principio che altre Ong non meno importanti (da Un Ponte per... a Ics, da Emergency a Msf, dal Cric a Terre des Hommes, ecc.) hanno invece rivendicato nei mesi scorsi in un documento unitario, dal titolo «umanitario non militare». In questo senso la posizione assunta da una parte delle Ong è, purtroppo, in evidente controtendenza con il ripensamento (auto)critico presente in larga parte del mondo umanitario internazionale che, dal Kosovo in poi, ha ben imparato dai rischi di strumentalizzazione militare.
Contraddittoria perché mentre si appoggia la presenza delle truppe militari in Afghanistan, si plaude al ritiro dei soldati dall'Iraq: due comportamenti diversi per situazioni assai simili. D'altronde già nel 1999, una parte di quelle stesse Ong appoggiò la Missione Arcobaleno, cioè una missione di aiuti strettamente intrecciata con la «guerra umanitaria» della Nato, cui partecipò il governo italiano. Da allora in una parte del mondo delle Ong, si sono alternate posizioni contrarie alla collaborazione con i militari (in guerra) ad altre più possibiliste, fino a chi ha teorizzato la necessità di una effettiva collaborazione (e l'ha praticata in Iraq).
Inaspettata perché solo qualche giorno fa esponenti autorevoli dell'Associazione delle Ong avevano -durante un'iniziativa promossa dall'Agi, riportata anche dal manifesto- manifestato con una certa vivacità la loro contrarietà alla commistione tra azione umanitaria e militare. Nel giro di poche ore, di fronte al voto del Parlamento sull'Afghanistan, questa commistione sembra invece da apprezzare e da difendere. Un (nuovo) cambio di posizione rapido ed estemporaneo.
Non è qui in discussione il giudizio sulla posizione della maggioranza parlamentare e delle mediazioni raggiunte che pongono fine all'avventura irachena e fanno «riduzione del danno» sulla missione in Afghanistan. Sta di fatto che il governo italiano ha comunque disgiunto per l'Afghanistan la parte umanitaria da quella militare mentre dal Ministero degli Esteri confermano, che l'Italia uscirà a breve dall'esperienza militar-umanitaria dei Prt (Provincial Reconstruction Team). Non si capisce perché, allora, ci sia la necessità di questa deriva realpolitica -nascosta dietro una cortina fumogena di idealismo umanitario- di una parte del mondo non governativo che invece avrebbe del tutto l'interesse rimarcare il proprio impegno contro la guerra e a separare la propria azione da quella delle truppe e delle alleanze militari (la Nato non è nata certo per fare peace keeping), che tra l'altro oggettivamente indeboliscono il ruolo delle Nazioni Unite e la credibilità delle «missioni di pace», quando sono effettivamente tali.
L'impressione è che entrino in gioco dunque nuove ragioni in queste prese di posizione: la ridefinizione del rapporto con la politica (con una parte di questa) ed il governo fino al rischio di un rinnovato collateralismo, la possibilità di una rinnovata e finanziata azione sul campo, il rinsaldarsi di un'alleanza con i vertici delle Forze Armate, con le quali alcune Ong italiane attivamente collaborano da anni.
L'azione umanitaria in questi anni ha sofferto molto, dalle ambiguità della missione arcobaleno del Kosovo alle strumentalizzazioni della Croce Rossa a Baghdad, fino all'avventura fallimentare di Avanposto 55 in Darfour. Peccato, allora, aver perso un'occasione per mantenere -a proposito dell'Afghanistan- una posizione di autonomia e di continuità nella difesa dell'indipendenza dell'azione umanitaria. Questa ne avrebbe avuto molto bisogno dopo anni di brutte figure, di ambiguità e strumentalizzazioni.

Articoli correlati

  • Pagina web della Campagna Guantanamo
    PeaceLink
    Le cose fatte e da fare

    Pagina web della Campagna Guantanamo

    L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
    15 settembre 2021 - Campagna Guantanamo
  • Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia
    Laboratorio di scrittura
    A settecento anni dalla morte di Dante

    Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia

    Viviamo in una zona di confort irreale, come se esistessimo solo noi. Non conosciamo gli eroi del nostro tempo, sono perseguitati e non li sosteniamo. Da questa letargica indifferenza ci risvegliamo quando la TV ci fa sentire in colpa e magari organizza un nuovo criminale "intervento umanitario".
    15 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»
    MediaWatch
    Droni, l’ex analista Usa che ha svelato i danni collaterali

    «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»

    Un caso di coscienza. Daniel Hale, figlio di un battista della Virginia, è stato condannato a quattro anni di reclusione per aver rivelato informazioni segrete sulle operazioni anti terrorismo durante l’amministrazione Obama. «Non un giorno senza rimorso»
    15 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti
    Conflitti
    Il video analizzato dal New York Times tocca l'illegalità delle uccisioni con i droni

    Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti

    Centrata in pieno l'auto del presunto attentatore dell'Isis ma in realtà era guidata da Zemari Ahmadi, un ingegnere che trasportava taniche d'acqua e collaborava con un gruppo di aiuto americano. Ci sono sette bambini fra i dieci civili uccisi a Kabul il 29 agosto dal drone USA.
    14 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)