Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Resa nota la perizia del medico legale che ha eseguito l'autopsia

Due prigionieri afghani morti a Guantanamo

Potrebbero essere stati uccisi: decesso causato da «un trauma da corpo contundente». Gli Usa: il verdetto non è definitivo
11 ottobre 2003
Fonte: Corriere della Sera 6 marzo 2003 http://www.corriere.it/Primo_Piano/Esteri/2003/03_Marzo/06/guantanamo.shtml - 06 marzo 2003

LONDRA - Due afghani, che erano rinchiusi nella prigione allestita dagli Usa nella base militare di Guantanamo, potrebbero essere stati uccisi: è quanto sostiene la perizia del medico legale che ha esguito l'autopsiasui cadaveri, stabilendo che la morte, avvenuta a dicembre, è stata provocata da un «trauma da corpo contundente». I due prigionieri erano rinchiusi da una settimana nel centro di detenzione, dove da più di un anno sono segregati ex-talebani e uomini di al Qaeda.

IL PORTAVOCE USA: «VERDETTO NON DEFINITIVO»
Secondo un portavoce Usa, interpellato dalla Bbc News Online, il verdetto del medico non è ancora definitivo e l'indagine sarà completata a fine mese. Le organizzazioni umanitarie hanno più volte denunciato le condizioni di vita dei prigionieri di Guantanamo, che sarebbero privi dei più basilari diritti umani; ma Washington ha sempre replicato all'accusa che i detenuti vengono torturati, sostenendo che è «ridicola». Ma il Washington Post, nello scorso dicembre, aveva pubblicato un'inchiesta nella quale si metteva nuovamente sotto accusa il trattamento riservato ai prigionieri.

Note: La BBC scrive: "Specific allegations of prisoner torture were first published in the Washington Post in December last year".
http://news.bbc.co.uk/2/hi/south_asia/2825575.stm

Articoli correlati

  • Afghanistan: Usa e Nato tornano a casa ammettendo il fallimento della missione
    Editoriale
    Mentre la CPI ha aperto un'inchiesta per i crimini di guerra commessi da militari americani

    Afghanistan: Usa e Nato tornano a casa ammettendo il fallimento della missione

    Volevano vincere una guerra ma dopo vent'anni tornano a casa sfiancati, come in Vietnam. La propaganda di un tempo si è appannata per lasciar spazio alla sconfitta di una missione. Venti anni fa avevamo ragione ad opporci a una guerra che è costata miliardi di dollari e migliaia di vite umane.
    1 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • L'era digitale pretende un esercito digitale
    Disarmo
    USA

    L'era digitale pretende un esercito digitale

    Pubblicato il rapporto della commissione statunitense sull'uso dell'intelligenza artificiale in ambito militare
    3 marzo 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • In difesa dei nativi americani
    Pace
    Il movimento di opposizione all’Indian Removal Act

    In difesa dei nativi americani

    Jeremiah F. Evarts (1781–1831) era un missionario, riformatore e attivista cristiano per i diritti degli indiani d'America. Si distinse per la difesa dei diritti degli indiani d'America.
    Redazione PeaceLink
  • Per una critica dell’innovazione capitalistica: il lavoro nella catena del valore delle armi
    Disarmo
    La sicurezza degli Stati passa attraverso il controllo capillare del territorio

    Per una critica dell’innovazione capitalistica: il lavoro nella catena del valore delle armi

    La nozione di sviluppo tecnologico è una nozione inscindibile da quella di sviluppo capitalistico, si trattava pertanto di smascherare la presunta neutralità della scienza
    29 marzo 2021 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)