Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Storia di Lailoma

11 dicembre 2007
Luca Lo Presti (Presidente Fondazione Pangea Onlus)
Fonte: da Persona a Persona 11/07 (www.pangeaonlus.org) - 11 dicembre 2007
Liloma, beneficiaria progetto Jamila di Fondazione Pangea Onlus «Mi chiamo Lailoma e sono una mamma afghana di 40 anni. Ho 6 figli: 4 femmine e 2 maschi. Mi sono sposata ancora bambina, appena dodicenne, con un uomo di 35 anni. Mio marito ha un lavoro, ma il suo salario non è sufficiente per mantenere i nostri bambini. I miei figli erano tutti analfabeti perchè non avevamo soldi per farli studiare e anche io sono analfabeta perché mio padre non mi permise di andare a scuola, anche se lo desideravo tanto. Quando seppi da una mia amica del programma di microcredito di Pangea, andai al Centro Donna e mi registrai tra le liste delle richiedenti. Mi fecero delle interviste durante le quali mi chiesero di tutto: chi fossi, come fosse composta la mia famiglia, che cosa sapessi fare ma, soprattutto, cosa avessi voluto fare con i soldi del prestito. Era la prima volta che mi chiedevano cosa volessi fare, io, Lailoma, una Donna. Un giorno Razia, la responsabile del progetto, mi chiamò e mi disse che ero stata selezionata e che avrei avuto un microcredito di 8.000 afgani (circa 120 Euro)! Volevo lavorare a maglia per poi vendere quello che facevo. Imparai quest’arte da piccola; con le mie sorelle ci divertivamo a osservare e copiare mia madre mentre era intenta a sferruzzare vestiti di ogni genere. Ora sto trasmettendo questa mia passione e le tecniche alle mie figlie. Insieme realizziamo tovaglie, coperte, e maglioni dai disegni colorati per i bambini. Ne lavoro circa 5 al giorno, vendendoli per 10 afghani l’uno. Per fare i maglioni disegnati per i bimbi invece impiego circa 3 giorni e li vendo a 120 afghani (1,70 Euro). L’attività sta andando sempre meglio: spesso lavoro vestiti che mi vengono commissionati, talvolta mia figlia realizza lavori a maglia per i vicini di casa e grazie ai guadagni della nostra attività ho potuto fare qualche spesa per la casa e nuovi vestiti per i miei figli. Pago regolarmente le rate settimanali del microcredito e seguo con molto piacere le lezioni di diritti umani, igiene e sanità, inoltre sto imparando a leggere e a scrivere. I miei figli mi prendono in giro e dicono: guarda la mamma che va a scuola! E insieme ridiamo! Ora vorrei richiedere un secondo prestito per migliorare la mia attività. Il microcredito non solo mi ha aiutata a uscire dalla trappola della povertà, ma mi ha ridato speranza e dignità. Scrivo per ringraziare voi tutti che avete reso possibile che la mia vita e quella dei miei figli potesse ripartire. Tashkor, Grazie!» Lailoma, una Donna.
Anche io vi ringrazio perchè con l’invio dei vostri sms, attraverso l’acquisto dei calendari e dei bigliettini natalizi per Lailoma e per tante donne come lei il desiderio che sembrava irrealizzabile, quello di esistere, si è avverato. Buon Natale a tutti!
Note: da Persona a Persona - Fondazione Pangea Onlus

Articoli correlati

  • Pagina web della Campagna Guantanamo
    PeaceLink
    Le cose fatte e da fare

    Pagina web della Campagna Guantanamo

    L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
    15 settembre 2021 - Campagna Guantanamo
  • Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia
    Laboratorio di scrittura
    A settecento anni dalla morte di Dante

    Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia

    Viviamo in una zona di confort irreale, come se esistessimo solo noi. Non conosciamo gli eroi del nostro tempo, sono perseguitati e non li sosteniamo. Da questa letargica indifferenza ci risvegliamo quando la TV ci fa sentire in colpa e magari organizza un nuovo criminale "intervento umanitario".
    15 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»
    MediaWatch
    Droni, l’ex analista Usa che ha svelato i danni collaterali

    «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»

    Un caso di coscienza. Daniel Hale, figlio di un battista della Virginia, è stato condannato a quattro anni di reclusione per aver rivelato informazioni segrete sulle operazioni anti terrorismo durante l’amministrazione Obama. «Non un giorno senza rimorso»
    15 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti
    Conflitti
    Il video analizzato dal New York Times tocca l'illegalità delle uccisioni con i droni

    Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti

    Centrata in pieno l'auto del presunto attentatore dell'Isis ma in realtà era guidata da Zemari Ahmadi, un ingegnere che trasportava taniche d'acqua e collaborava con un gruppo di aiuto americano. Ci sono sette bambini fra i dieci civili uccisi a Kabul il 29 agosto dal drone USA.
    14 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
Tutti i diritti riservati
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)