Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Storia di Lailoma

11 dicembre 2007
Luca Lo Presti (Presidente Fondazione Pangea Onlus)
Fonte: da Persona a Persona 11/07 (www.pangeaonlus.org) - 11 dicembre 2007
Liloma, beneficiaria progetto Jamila di Fondazione Pangea Onlus «Mi chiamo Lailoma e sono una mamma afghana di 40 anni. Ho 6 figli: 4 femmine e 2 maschi. Mi sono sposata ancora bambina, appena dodicenne, con un uomo di 35 anni. Mio marito ha un lavoro, ma il suo salario non è sufficiente per mantenere i nostri bambini. I miei figli erano tutti analfabeti perchè non avevamo soldi per farli studiare e anche io sono analfabeta perché mio padre non mi permise di andare a scuola, anche se lo desideravo tanto. Quando seppi da una mia amica del programma di microcredito di Pangea, andai al Centro Donna e mi registrai tra le liste delle richiedenti. Mi fecero delle interviste durante le quali mi chiesero di tutto: chi fossi, come fosse composta la mia famiglia, che cosa sapessi fare ma, soprattutto, cosa avessi voluto fare con i soldi del prestito. Era la prima volta che mi chiedevano cosa volessi fare, io, Lailoma, una Donna. Un giorno Razia, la responsabile del progetto, mi chiamò e mi disse che ero stata selezionata e che avrei avuto un microcredito di 8.000 afgani (circa 120 Euro)! Volevo lavorare a maglia per poi vendere quello che facevo. Imparai quest’arte da piccola; con le mie sorelle ci divertivamo a osservare e copiare mia madre mentre era intenta a sferruzzare vestiti di ogni genere. Ora sto trasmettendo questa mia passione e le tecniche alle mie figlie. Insieme realizziamo tovaglie, coperte, e maglioni dai disegni colorati per i bambini. Ne lavoro circa 5 al giorno, vendendoli per 10 afghani l’uno. Per fare i maglioni disegnati per i bimbi invece impiego circa 3 giorni e li vendo a 120 afghani (1,70 Euro). L’attività sta andando sempre meglio: spesso lavoro vestiti che mi vengono commissionati, talvolta mia figlia realizza lavori a maglia per i vicini di casa e grazie ai guadagni della nostra attività ho potuto fare qualche spesa per la casa e nuovi vestiti per i miei figli. Pago regolarmente le rate settimanali del microcredito e seguo con molto piacere le lezioni di diritti umani, igiene e sanità, inoltre sto imparando a leggere e a scrivere. I miei figli mi prendono in giro e dicono: guarda la mamma che va a scuola! E insieme ridiamo! Ora vorrei richiedere un secondo prestito per migliorare la mia attività. Il microcredito non solo mi ha aiutata a uscire dalla trappola della povertà, ma mi ha ridato speranza e dignità. Scrivo per ringraziare voi tutti che avete reso possibile che la mia vita e quella dei miei figli potesse ripartire. Tashkor, Grazie!» Lailoma, una Donna.
Anche io vi ringrazio perchè con l’invio dei vostri sms, attraverso l’acquisto dei calendari e dei bigliettini natalizi per Lailoma e per tante donne come lei il desiderio che sembrava irrealizzabile, quello di esistere, si è avverato. Buon Natale a tutti!
Note: da Persona a Persona - Fondazione Pangea Onlus

Articoli correlati

  • Italiani per Hale
    PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    10 ottobre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia
    Sociale
    La cerimonia si è svolta presso l'auditorium "De Franchis" nella sede di Alife - Caserta

    Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia

    I figli di Stefania Formicola, vittima di femminicidio, ricevono il "Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia". Agnese Ginocchio, ha presentato un proprio brano dal titolo "E' tempo di pensare...", dedicato alla prima “Giornata Internazionale delle coscienze” indetta dall’ONU
    17 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Le donne contro la guerra
    Pace
    Nel secondo dopoguerra, si rafforza un impegno contro la guerra sempre più rilevante e capillare

    Le donne contro la guerra

    Il fascismo aveva educato le donne a fare i figli per la guerra, invece le donne i figli devono farli per la pace e per un mondo migliore
    4 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Toponomastica femminile e i 17 obiettivi dell'Agenda 2030
    Europace
    Italia: meno del 5% di strade intitolate a donne, in prevalenza madonne e sante

    Toponomastica femminile e i 17 obiettivi dell'Agenda 2030

    Se metà della popolazione mondiale è composta da donne come mai quasi tutto lo spazio pubblico è dedicato agli uomini e alle loro imprese?
    6 novembre 2021 - Maria Pastore
Tutti i diritti riservati
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)