Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • La battaglia di Aleppo
    Chi sono i guerriglieri che combattono contro Assad?

    La battaglia di Aleppo

    Molti guerriglieri antigovernativi derivano dall'esperienza di Al Queda. Ai qaedisti di Jabhat Fatah a-Sham, ai salafiti di Ahrar a-Sham e agli altri gruppi islamisti radicali protagonisti nella guerra civile siriana non interessa portare «la democrazia a Damasco». E neppure il rispetto dei diritti umani e della libertà politica. Il loro obiettivo finale è instaurare in Siria un regime basato sulla sharia, la legge islamica.
    Michele Giorgio
  • L’oscena ipocrisia di fronte al Sultano

    L’oscena ipocrisia di fronte al Sultano

    I grandi sponsor e finanziatori di Daesh sono da cercarsi anche tra le petromonarchie alle quali Stati Uniti e stati europei (Italia compresa) vendono armi a tutto spiano.
    1 agosto 2016 - Alessio Di Florio
  • Questo terrorismo che ritorna e ci investe

    Dopo la strage di Nizza

    Pochi giorni fa i mass-media davano notizia dell'uccisione di uno dei principali capi dell'Isis, detto "il ceceno", ed aggiungevano con noncuranza che era stato addestrato dagli americani. La carriera di terrorista di Bin Laden inizio' in Afghanistan finanziata dagli Usa
    16 luglio 2016 - Peppe Sini
  • Dopo l'attentato a Dacca in Bangladesh

    In ricordo delle vittime

    Nessuna causa, nessuna ragione, nessun sistema di valori, nessuna visione del mondo puo' giustificare l'uccisione di un essere umano
    3 luglio 2016 - Peppe Sini
Dopo la strage di Madrid (marzo 2004)

Noi pacifisti contro il terrorismo

Qualcuno (Guzzanti) ha subito accusato pacifisti e nonviolenti come se fossero vicini ai terroristi perché rifiutano la guerra come provvedimento antiterrorismo. Ma noi sappiamo - e i fatti purtroppo lo dimostrano - che la guerra ripete, conferma e accresce il terrorismo. Noi condanniamo la guerra perché è un altro terrorismo, uccide e tormenta innocenti, moltiplica ingiustizia e violenza.
13 marzo 2004 - Enrico Peyretti
Fonte: http://lists.peacelink.it/pace/msg07150.html (marzo 2004) - 12 marzo 2004

Davanti alla strage assolutamente disumana di Madrid, oltre il dolore, oltre la vicinanza fraterna alle vittime e al popolo spagnolo, oltre l'indignazione e la condanna "senza se e senza ma" che abbiamo sempre espresso per il terrorismo come per la guerra, è necessario riflettere sui diversi tipi di terrorismo e sui modi per resistergli e superarlo.

Il terrorismo che mira a prendere il potere politico, oppure a difenderlo con la "strategia della tensione", ha bisogno, come ogni potere, di consenso popolare, almeno passivo. La prima forma di lotta a questo terrorismo è l'isolamento politico e popolare. Così fu vinto in Italia il terrorismo nero partito da piazza Fontana nel 1969 e quello rosso degli anni 70 e 80, rinnegato dal movimento operaio e dai partiti di sinistra.

Il terrorismo che reagisce violentemente ad una ingiustizia (vera o presunta) va anzitutto denunciato come imitatore e ripetitore di ingiustizia; va orientato verso una difesa e una lotta in forme civili popolari e nonviolente, quindi più radicali; deve essere svuotato levandogli ogni reale motivo e possibile pretesto.

La repressione legale ha senso se viene, in ordine di importanza e di efficacia, dopo le precedenti chiare linee di azione. Se le sostituisce invece di accompagnarle, non è efficace, può essere controproducente.

Qualcuno (Guzzanti) ha subito accusato pacifisti e nonviolenti come se fossero vicini ai terroristi perché rifiutano la guerra come provvedimento antiterrorismo. Ma noi sappiamo - e i fatti purtroppo lo dimostrano - che la guerra ripete, conferma e accresce il terrorismo. Noi condanniamo la guerra perché è un altro terrorismo, uccide e tormenta innocenti, moltiplica ingiustizia e violenza.

Questo diremo in tutto il mondo sabato 20 marzo, nelle manifestazioni convocate dal crescente movimento statunitense per la pace e la giustizia.

Il quale, subito dopo l'11 settembre e davanti alle guerre all'Afghanistan e all'Iraq, ha gridato "not in my name" (non nel mio nome), ha voluto "giustizia, non vendetta", e si oppone alla politica di Bush, come noi ci opponiamo con la forza nonviolenta a chi stoltamente e pericolosamente obbedisce a Bush.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)