Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Dopo la strage di Madrid (marzo 2004)

Noi pacifisti contro il terrorismo

Qualcuno (Guzzanti) ha subito accusato pacifisti e nonviolenti come se fossero vicini ai terroristi perché rifiutano la guerra come provvedimento antiterrorismo. Ma noi sappiamo - e i fatti purtroppo lo dimostrano - che la guerra ripete, conferma e accresce il terrorismo. Noi condanniamo la guerra perché è un altro terrorismo, uccide e tormenta innocenti, moltiplica ingiustizia e violenza.
13 marzo 2004
Fonte: http://lists.peacelink.it/pace/msg07150.html (marzo 2004) - 12 marzo 2004

Davanti alla strage assolutamente disumana di Madrid, oltre il dolore, oltre la vicinanza fraterna alle vittime e al popolo spagnolo, oltre l'indignazione e la condanna "senza se e senza ma" che abbiamo sempre espresso per il terrorismo come per la guerra, è necessario riflettere sui diversi tipi di terrorismo e sui modi per resistergli e superarlo.

Il terrorismo che mira a prendere il potere politico, oppure a difenderlo con la "strategia della tensione", ha bisogno, come ogni potere, di consenso popolare, almeno passivo. La prima forma di lotta a questo terrorismo è l'isolamento politico e popolare. Così fu vinto in Italia il terrorismo nero partito da piazza Fontana nel 1969 e quello rosso degli anni 70 e 80, rinnegato dal movimento operaio e dai partiti di sinistra.

Il terrorismo che reagisce violentemente ad una ingiustizia (vera o presunta) va anzitutto denunciato come imitatore e ripetitore di ingiustizia; va orientato verso una difesa e una lotta in forme civili popolari e nonviolente, quindi più radicali; deve essere svuotato levandogli ogni reale motivo e possibile pretesto.

La repressione legale ha senso se viene, in ordine di importanza e di efficacia, dopo le precedenti chiare linee di azione. Se le sostituisce invece di accompagnarle, non è efficace, può essere controproducente.

Qualcuno (Guzzanti) ha subito accusato pacifisti e nonviolenti come se fossero vicini ai terroristi perché rifiutano la guerra come provvedimento antiterrorismo. Ma noi sappiamo - e i fatti purtroppo lo dimostrano - che la guerra ripete, conferma e accresce il terrorismo. Noi condanniamo la guerra perché è un altro terrorismo, uccide e tormenta innocenti, moltiplica ingiustizia e violenza.

Questo diremo in tutto il mondo sabato 20 marzo, nelle manifestazioni convocate dal crescente movimento statunitense per la pace e la giustizia.

Il quale, subito dopo l'11 settembre e davanti alle guerre all'Afghanistan e all'Iraq, ha gridato "not in my name" (non nel mio nome), ha voluto "giustizia, non vendetta", e si oppone alla politica di Bush, come noi ci opponiamo con la forza nonviolenta a chi stoltamente e pericolosamente obbedisce a Bush.

Articoli correlati

  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • Va a fuoco la cokeria di Arcelor Mittal in Spagna
    Ecologia
    Grave incendio oggi nello stabilimento siderurgico delle Asturie

    Va a fuoco la cokeria di Arcelor Mittal in Spagna

    La multinazionale dell'acciaio aveva dichiarato: "Implementiamo le migliori tecniche disponibili"
    16 ottobre 2018 - Redazione di PeaceLink
  • La battaglia di Aleppo
    Conflitti
    Chi sono i guerriglieri che combattono contro Assad?

    La battaglia di Aleppo

    Molti guerriglieri antigovernativi derivano dall'esperienza di Al Queda. Ai qaedisti di Jabhat Fatah a-Sham, ai salafiti di Ahrar a-Sham e agli altri gruppi islamisti radicali protagonisti nella guerra civile siriana non interessa portare «la democrazia a Damasco». E neppure il rispetto dei diritti umani e della libertà politica. Il loro obiettivo finale è instaurare in Siria un regime basato sulla sharia, la legge islamica.
    Michele Giorgio
  • Laboratorio di scrittura

    Era il 2 agosto 1980

    2 agosto 2016 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)