Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Grave incendio oggi nello stabilimento siderurgico delle Asturie

Va a fuoco la cokeria di Arcelor Mittal in Spagna

La multinazionale dell'acciaio aveva dichiarato: "Implementiamo le migliori tecniche disponibili"
16 ottobre 2018
Redazione di PeaceLink

Cokeria Arcelor Mittal in Spagna

L'impianto della cokeria di ArcelorMittal nelle Asturie è andato a fuoco oggi. L'impianto sorge vicino alla città di Gijón, nella Spagna settentionale.

Le immagini video dell'incendio - riprese dall'elicottero - sono appare oggi su alcuni siti spagnoli.

Sulla cokeria di questo stabilimento Arcelor Mittal aveva puntato molto. 

José Manuel Arias, CEO di Asturias Cluster, nel 2015 aveva sottolineato l'importanza di questo investimento. "Garantirà la produzione di coke ad ArcelorMittal nelle Asturie per i prossimi 40 anni e contribuirà a garantire il futuro dell'industria dell'acciaio nella nostra regione", aveva detto.

Sul sito di Arcelor Mittal si legge:

"Il progetto di ristrutturazione e rimessa in servizio delle strutture esistenti, con un tempo di esecuzione di due anni, garantirà il rispetto dei requisiti ambientali definiti nell'attuale autorizzazione ambientale integrata concessa per questa struttura e comprenderà l'implementazione dei migliori tecniche disponibili (BAT) come definite nel documento di riferimento applicabile (BREF)".

Per altre informazioni si rimanda a un articolo di eldiario.es dedicato all'accaduto.

Dura presa di posizione del movimento politico Podemos:

 "Siamo molto preoccupatI per l'incendio che si sta verificando nelle strutture #Arcelor di #Avilés. Quando i bisogni delle strutture non sono soddisfatti e gli investimenti richiesti non vengono fatti, queste cose finiscono per accadere".


Articoli correlati

  • Intervista di Radio Radicale ad Alessandro Marescotti sul futuro dell'ILVA
    Ecologia
    Maurizio Bolognetti intervista il presidente di PeaceLink

    Intervista di Radio Radicale ad Alessandro Marescotti sul futuro dell'ILVA

    INVITALIA non può salvare l'ILVA. La sua mission è differente rispetto a quella che fu la mission di GEPI. Tra il 1971 e il 1992 a GEPI lo Stato erogò circa 4.000 miliardi di lire per gestire 108.000 lavoratori. Una prospettiva non più proponibile oggi, come ha chiarito l'AD di INVITALIA, Arcuri.
    24 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • ArcelorMittal: fonti azienda, nessuna emissione fuori norma
    Ecologia
    Risposta a PeaceLink

    ArcelorMittal: fonti azienda, nessuna emissione fuori norma

    Il 18 giugno Peacelink, col suo portavoce Alessandro Marescotti, aveva invece dichiarato che “il benzene in via Orsini, nel quartiere Tamburi, è arrivato a 5,7 microgrammi a metro cubo, valore elevato se si considera la serie storica dei valori rilevati in quel quartiere”.
    Agenzia stampa AGI
  • Benzene cancerogeno nel quartiere Tamburi di Taranto
    Ecologia
    Pubblichiamo i dati

    Benzene cancerogeno nel quartiere Tamburi di Taranto

    Il 17 giugno l'ad Lucia Morselli (ArcelorMittal Italia) ha dichiarato a Bruno Vespa: "Dobbiamo essere tutti orgogliosi di questo impianto, il più bell'impianto d'Europa, il più moderno, il più potente, tutti ce lo invidiano". Intanto il benzene della cokeria faceva impennare le centraline.
    19 giugno 2020 - Associazione PeaceLink
  • Ve lo ricordate il plebiscito? Diceste sì al 94%
    Ecologia
    L'approvazione del contratto con ArcelorMittal nel settembre del 2018

    Ve lo ricordate il plebiscito? Diceste sì al 94%

    Cari operai, è il momento della sincerità e di tirare le somme. Si sapeva benissimo che l'ILVA non aveva alcun futuro. Non avete creduto all'evidenza dei numeri, dell'economia. Occorreva un Piano B. Ma purtroppo vi siete fatti illudere. E avete votato con un plebiscito per la vostra rovina.
    11 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)