Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Grave incendio oggi nello stabilimento siderurgico delle Asturie

Va a fuoco la cokeria di Arcelor Mittal in Spagna

La multinazionale dell'acciaio aveva dichiarato: "Implementiamo le migliori tecniche disponibili"
16 ottobre 2018
Redazione di PeaceLink

Cokeria Arcelor Mittal in Spagna

L'impianto della cokeria di ArcelorMittal nelle Asturie è andato a fuoco oggi. L'impianto sorge vicino alla città di Gijón, nella Spagna settentionale.

Le immagini video dell'incendio - riprese dall'elicottero - sono appare oggi su alcuni siti spagnoli.

Sulla cokeria di questo stabilimento Arcelor Mittal aveva puntato molto. 

José Manuel Arias, CEO di Asturias Cluster, nel 2015 aveva sottolineato l'importanza di questo investimento. "Garantirà la produzione di coke ad ArcelorMittal nelle Asturie per i prossimi 40 anni e contribuirà a garantire il futuro dell'industria dell'acciaio nella nostra regione", aveva detto.

Sul sito di Arcelor Mittal si legge:

"Il progetto di ristrutturazione e rimessa in servizio delle strutture esistenti, con un tempo di esecuzione di due anni, garantirà il rispetto dei requisiti ambientali definiti nell'attuale autorizzazione ambientale integrata concessa per questa struttura e comprenderà l'implementazione dei migliori tecniche disponibili (BAT) come definite nel documento di riferimento applicabile (BREF)".

Per altre informazioni si rimanda a un articolo di eldiario.es dedicato all'accaduto.

Dura presa di posizione del movimento politico Podemos:

 "Siamo molto preoccupatI per l'incendio che si sta verificando nelle strutture #Arcelor di #Avilés. Quando i bisogni delle strutture non sono soddisfatti e gli investimenti richiesti non vengono fatti, queste cose finiscono per accadere".


Articoli correlati

  • ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto
    Taranto Sociale
    Dopo la sentenza del TAR di Lecce

    ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto

    "Un'intera comunità deve richiedere che il Recovery Plan finanzi la riconversione dei lavoratori Ilva impiegandoli in attività di bonifica, di utilità sociale e di riqualificazione territoriale. Occorre chiudere definitivamente l'area a caldo così come è avvenuto a Genova e a Trieste”.
    13 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Per il Tar di Lecce ILVA impone un tributo inaccettabile "in termini di vite e di salute"
    Editoriale
    Ordinato lo spegnimento dell'area a caldo del siderurgico di Taranto

    Per il Tar di Lecce ILVA impone un tributo inaccettabile "in termini di vite e di salute"

    Chiediamo che il nuovo ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, non faccia ricorso contro questa sentenza ma la accolga come una opportunità. La chiusura dell'area a caldo deve essere l'occasione per riprogettare lo sviluppo e porre fine a decenni di sofferenze.
    13 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Tar Lecce ordina lo spegnimento dell'area caldo dell'ILVA
    Ecologia
    Il danno sanitario va oltre i “ragionevoli limiti” fissati dalla Corte Costituzione nel 2013

    Tar Lecce ordina lo spegnimento dell'area caldo dell'ILVA

    Il Tribunale Amministrativo Regionale di Lecce ordina lo spegnimento degli impianti dell'area a caldo. "Il bilanciamento degli interessi antagonisti, così come delineati dal Giudice delle leggi nella Sent. C. Cost.85/2013, risulta macroscopicamente violato", si legge nella sentenza.
    13 febbraio 2021 - Redazione PeaceLink
  • "Non ci sarà un'altra volta"
    Cultura
    Sarà la nostra colonna sonora in attesa della sentenza del processo ILVA

    "Non ci sarà un'altra volta"

    Giulia Pasquini e Giulia Clementi hanno realizzato una meravigliosa interpretazione de ‘Il gigante d’acciaio’ nella lingua dei segni. Un regalo prezioso che ha la forza di farci commuovere.
    12 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)