Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • La battaglia di Aleppo
    Chi sono i guerriglieri che combattono contro Assad?

    La battaglia di Aleppo

    Molti guerriglieri antigovernativi derivano dall'esperienza di Al Queda. Ai qaedisti di Jabhat Fatah a-Sham, ai salafiti di Ahrar a-Sham e agli altri gruppi islamisti radicali protagonisti nella guerra civile siriana non interessa portare «la democrazia a Damasco». E neppure il rispetto dei diritti umani e della libertà politica. Il loro obiettivo finale è instaurare in Siria un regime basato sulla sharia, la legge islamica.
    Michele Giorgio
  • L’oscena ipocrisia di fronte al Sultano

    L’oscena ipocrisia di fronte al Sultano

    I grandi sponsor e finanziatori di Daesh sono da cercarsi anche tra le petromonarchie alle quali Stati Uniti e stati europei (Italia compresa) vendono armi a tutto spiano.
    1 agosto 2016 - Alessio Di Florio
  • Questo terrorismo che ritorna e ci investe

    Dopo la strage di Nizza

    Pochi giorni fa i mass-media davano notizia dell'uccisione di uno dei principali capi dell'Isis, detto "il ceceno", ed aggiungevano con noncuranza che era stato addestrato dagli americani. La carriera di terrorista di Bin Laden inizio' in Afghanistan finanziata dagli Usa
    16 luglio 2016 - Peppe Sini
  • Dopo l'attentato a Dacca in Bangladesh

    In ricordo delle vittime

    Nessuna causa, nessuna ragione, nessun sistema di valori, nessuna visione del mondo puo' giustificare l'uccisione di un essere umano
    3 luglio 2016 - Peppe Sini
No al terrorismo e alla guerra

Solidarieta' e cordoglio del Comitato Fermiamo la guerra

La politica della guerra preventiva e permanente ha finito per rendere più insicuro e fragile questo nostro pianeta, dando alimento alla follia terroristica.
13 marzo 2004 - Il Comitato Fermiamo la guerra

LETTERA DI SOLIDARIETA' E CORDOGLIO DEL COMITATO FERMIAMO LA GUERRA
AI MOVIMENTI SOCIALI DI MADRID PER IL TERRIBILE ATTENTATO
DI QUESTA MATTINA

Il Comitato Fermiamo la Guerra, organizzatore della manifestazione del
prossimo 20 marzo, in seguito ai gravissimi attentati di questa mattina ha
inviato il seguente messaggio ai movimenti sociali di Madrid: "Vi
esprimiamo i nostri sentimenti di solidarietà e di vicinanza politica ed
umana in questo momento drammatico in cui il vostro Paese viene colpito da
un così terribile attentato, che condanniamo fermamente.
Di nuovo è la popolazione civile, lavoratori, studenti, ad essere colpiti
da questa strage senza precedenti in Europa. La politica della guerra
preventiva e permanente ha finito per rendere più insicuro e fragile questo
nostro pianeta, dando alimento alla follia terroristica.
Proprio per questo il ruolo dei movimenti sociali, antiliberisti,
democratici e per la pace diventa ancora più necessario e centrale per
tenere aperta la speranza di un mondo diverso e più giusto. Alla follia
del terrore occorre rispondere con la mobilitazione di massa, con il
protagonismo diretto ed autorganizzato della gente, con una idea di
democrazia che ripudia la violenza delle armi ma anche quella dello
sfruttamento delle persone, dei popoli e dell'ambiente. Ci siamo incontrati
a Parigi e a Firenze in quello che rappresenta il più grande laboratorio
democratico e partecipato del nostro continente. Abbiamo insieme marciato
il 15 Febbraio contro la guerra permanente. Insieme e con ancora più
motivazioni lo faremo il prossimo 20 Marzo. Sappiate che, anche in questo
momento di sconforto, le nostre comuni ragioni non vengono meno e
rappresentano per i nostri popoli l'antidoto migliore per estirpare la
barbarie".

Roma, 11 Marzo 2004

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)