Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Sessione del Tribunale - da ICTA

In Giappone un tribunale popolare condanna Bush per crimini di guerra

Secondo uno studio del prof. Marc Herold, docente di Economia all'Università del New Hampshire, sono stati più di 3500 i civili uccisi dai bombardamenti americani in Afghanistan. Lo studio del prof. Herold sottolineava come "l'elevato numero di morti civili afghani è una conseguenza diretta della decisione di impiegare principalmente bombardamenti aerei da alte quote, di colpire le infrastrutture urbane e di attaccare ripetutamente città e villaggi ad alta densità di popolazione"; é stata cioé "una scelta consapevole al fine di non mettere a rischio le vite di piloti e soldati americani e inglesi, sacrificando invece un numero elevatissimo di vite sul terreno: ma non dei loro nemici dichiarati, i Talebani, ma di civili afgani".
15 marzo 2004
Unimondo

Il 'Tribunale criminale internazionale per l'Afghanistan' (ICTA) di Tokyo ha giudicato il presidente USA George W. Bush "colpevole di crimini di guerra" per i bombardamenti indiscriminati sulla popolazione civile dell'Afghanistan durante le operazioni militari del 2001. L'ICTA, un tribunale popolare composto da membri di varie nazioni, ha emesso la sentenza dopo due anni di indagini, otto ispezioni in Afghanistan e venti sedute pubbliche. Lo riporta un articolo del Japan Times che sottolinea come Bush sia stato ritenuto colpevole in quanto "comandante in capo delle operazioni militari americane in Afghanistan".
Link:
- Sito giapponese dell'ICTA
- Sito inglese dell'ICTA
"Bush ha giustificato l'intervento militare in Afghanistan come 'legittima difesa', ma secondo la legge internazionale chi attua la legittima difesa deve porre attenzione nell'obiettivo della propria azione; cosa che l'esercito americano non ha fatto sia usando bombe di enorme potenza come le Daisy Cutter, le bombe a grappolo e all'uranio impoverito, sia bombardando indiscriminatamente la popolazione civile" - ha dichiarato al giornale nipponico Robert Akroyd, avvocato britannico già direttore del Centro di studi legali dell'Università di Aston in Gran Bretagna, e uno dei quattro giudici del tribunale popolare ICTA.

Secondo uno studio del prof. Marc Herold, docente di Economia all'Università del New Hampshire, sono stati più di 3500 i civili uccisi dai bombardamenti americani in Afghanistan. Lo studio del prof. Herold sottolineava come "l'elevato numero di morti civili afghani è una conseguenza diretta della decisione di impiegare principalmente bombardamenti aerei da alte quote, di colpire le infrastrutture urbane e di attaccare ripetutamente città e villaggi ad alta densità di popolazione"; é stata cioé "una scelta consapevole al fine di non mettere a rischio le vite di piloti e soldati americani e inglesi, sacrificando invece un numero elevatissimo di vite sul terreno: ma non dei loro nemici dichiarati, i Talebani, ma di civili afgani".

Il 'Tribunale criminale internazionale per l'Afghanistan' (ICTA), un tribunale popolare promosso dal prof. Akira Maeda, docente di legge internazionale alla Zokei University di Tokyo, ha iniziato i suoi lavori a Tokyo nel dicembre 2002 svolgendo otto ispezioni in Afghanistan e venti sedute pubbliche sulla base che "non vi è organizzazione internazionale che stia giudicando l'attività militare americana in Afghanistan a partire dall'ottobre 2001".

Nella dichiarazione finale, il Tribunale ha fatto raccomandazioni per la compensazione delle famiglie delle vittime dei bombardamenti, per la messa al bando degli ordigni all'uranio impoverito proponendo l'istituzione di un trattato internazionale che ne proibisca la produzione, lo stoccaggio e l'uso così come avvenuto col trattato di Ottawa per le mine antipersona.

Il Tribunale non ha il potere legale di punire i colpevoli, ma rappresenta un'istanza della società civile internazionale con una lunga tradizione iniziata dal filosofo britannico Bertrand Russell durante la Guerra del Vietnam, continuata nel 'Tribunale sui crimini della Guerra del Golfo' presieduto dal giudice americano Ramsey Clark e dal 'Tribunale sui crimini dell'esercito giapponese verso le donne' tenuto a Tokyo nel 2000.

Tra gli altri tribunali popolari in programma ricordiamo il 'Tribunale mondiale sulla guerra in Iraq' e il Bertrand Russell Tribunal sulle politiche militari imperiali dell'amministrazione Bush che svolgerà le udienze dal 14 al 17 aprile a Les Halles in Brussels e sarà presieduto dal prof. François Houtart, uno dei fondatori del Forum Mondiale di Porto Allegre. [GB]

Articoli correlati

  • Italiani per Hale
    PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    10 ottobre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il futuro di Kabul
    Conflitti
    Un'analisi dell'Afghanistan dopo la sconfitta degli Stati Uniti e della Nato

    Il futuro di Kabul

    Cina, Russia, Pakistan, Qatar e Turchia negoziano con i Talebani per mantenere un ordine che crei un ambiente favorevole tanto ai loro investimenti in infrastrutture e attività estrattive. E vogliono tenere lontane dai propri confini le minacce portate dalle fazioni jihadiste e indipendentiste.
    11 ottobre 2021 - Valeria Poletti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)