Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Obiezione di coscienza

Iraq: licenza di non uccidere

Un sergente dell'Esercito americano passera' alla storia come il primo refusnik in Iraq. Camilo Mejia, un ragazzone ventottenne di Miami Beach, ha deciso che la guerra in Iraq e' "una guerra per il petrolio".
17 marzo 2004
Barbara Amoroso


Inviato da Barbara Amoroso

martedì, 16 marzo 2004 11:00

"Non credo che alcun soldato abbia mai deciso di combattere per difendere il petrolio!"- ha dichiarato il giovane , ancora sotto l'effetto di cinque mesi di stanza in Iraq.

Ieri Mejia si e' presentato alla base aerea di Hanscom in Massachusetts ed ha dichiarato di non voler assolutamente riprendere servizio, come stabilito, presso la North Miami Armory, sua unita'di appartenenza.
"Io non credo piu' che esistano guerre giuste e non ritengo di offendere o demotivare i miei commilitoni, che il morale lo hanno gia' basso: rifiutarmi di combattere e'un mio diritto." - è stata una delle dichiarazioni del giovane obiettore.

Il suo avvocato, Tod Ensign, direttore del Citizen Soldier, una associazione di New york che si batte per gli obiettori ed i soldati che decidono di abbandonare il servizio attivo, sostiene che questo atto potrebbe costare al sergente da uno a cinque anni di prigione, in caso di mancato ritorno alla base o diserzione.

Ma il Sergente Mejia difende con i denti la sua decisione, dovuta ad una tremenda esperienza personale: in una imboscata diretta contro il suo battaglione, Mejia ha visto una pioggia di fuoco abbattersi contro di loro e contro dei civili innocenti che passavano per caso nel luogo dell'attacco.
La morte dei civili irakeni gli avrebbe fatto scattare la molla.

Mejia, nato in Nicaragua ed emigrato con la famiglia negli USA in cerca di fortuna, si era arruolato nella Guardia Nazionale appena arrivato, per potersi meglio inserire e farsi accettare dal suo Paese di adozione. Dopo 5 anni, il suo reparto era stato richimato in servizio attivo e da tre anni serviva nell'esercito.

Piu' che la accusa di diserzione, forse il Sergente teme l'ordine di rimpatrio, che lo priverebbe della cittadinanza americana e lo rispedirebbe in Nicaragua con lo status di indesiderabile.

Barbara Amoroso

(Ultimo aggiornamento mercoledì, 17 marzo 2004 01:56 )

Articoli correlati

  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".
    Pace
    Precisazione riguardante l’ipotesi di sanzioni UE contro gli USA e l’UK

    Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".

    Il movimento Our Voice (www.ourvoice.it) approva la richiesta di sanzioni contro gli USA e l’UK per i loro continui abusi contro il giornalista Julian Assange: “E’ una provocazione”, dice, “utile per evidenziare i doppi standard dell’UE”. Ma aggiunge che le sanzioni richieste devono essere mirate.
    9 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange
    Pace
    Basta con la criminalizzazione dell’editore di Wikileaks!

    Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange

    Attivisti statunitensi e italiani residenti a Roma hanno chiesto all’UE di sanzionare gli USA e il Regno Unito per i loro atti persecutori contro Julian Assange: detenzione arbitraria, tortura psicologica, censura – misfatti regolarmente sanzionati dall'UE quando a commetterli sono regimi autoritari
    7 ottobre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)