Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Obiezione di coscienza

Iraq: licenza di non uccidere

Un sergente dell'Esercito americano passera' alla storia come il primo refusnik in Iraq. Camilo Mejia, un ragazzone ventottenne di Miami Beach, ha deciso che la guerra in Iraq e' "una guerra per il petrolio".
17 marzo 2004
Barbara Amoroso


Inviato da Barbara Amoroso

martedì, 16 marzo 2004 11:00

"Non credo che alcun soldato abbia mai deciso di combattere per difendere il petrolio!"- ha dichiarato il giovane , ancora sotto l'effetto di cinque mesi di stanza in Iraq.

Ieri Mejia si e' presentato alla base aerea di Hanscom in Massachusetts ed ha dichiarato di non voler assolutamente riprendere servizio, come stabilito, presso la North Miami Armory, sua unita'di appartenenza.
"Io non credo piu' che esistano guerre giuste e non ritengo di offendere o demotivare i miei commilitoni, che il morale lo hanno gia' basso: rifiutarmi di combattere e'un mio diritto." - è stata una delle dichiarazioni del giovane obiettore.

Il suo avvocato, Tod Ensign, direttore del Citizen Soldier, una associazione di New york che si batte per gli obiettori ed i soldati che decidono di abbandonare il servizio attivo, sostiene che questo atto potrebbe costare al sergente da uno a cinque anni di prigione, in caso di mancato ritorno alla base o diserzione.

Ma il Sergente Mejia difende con i denti la sua decisione, dovuta ad una tremenda esperienza personale: in una imboscata diretta contro il suo battaglione, Mejia ha visto una pioggia di fuoco abbattersi contro di loro e contro dei civili innocenti che passavano per caso nel luogo dell'attacco.
La morte dei civili irakeni gli avrebbe fatto scattare la molla.

Mejia, nato in Nicaragua ed emigrato con la famiglia negli USA in cerca di fortuna, si era arruolato nella Guardia Nazionale appena arrivato, per potersi meglio inserire e farsi accettare dal suo Paese di adozione. Dopo 5 anni, il suo reparto era stato richimato in servizio attivo e da tre anni serviva nell'esercito.

Piu' che la accusa di diserzione, forse il Sergente teme l'ordine di rimpatrio, che lo priverebbe della cittadinanza americana e lo rispedirebbe in Nicaragua con lo status di indesiderabile.

Barbara Amoroso

(Ultimo aggiornamento mercoledì, 17 marzo 2004 01:56 )

Articoli correlati

  • Una dichiarazione di guerra contro i lavoratori
    MediaWatch
    Sanzioni americane

    Una dichiarazione di guerra contro i lavoratori

    Ciò che i media non trasmettono è l'impatto di questa guerra sui lavoratori e sulla povera gente in Russia. E la vita comincia a diventare molto più difficile per i comuni lavoratori.
    22 maggio 2022 - G. Dunkel
  • Lo sfondone di George W. Bush smaschera la guerra in Iraq e dà ragione a Assange
    Conflitti
    Putin: il nuovo Bush?

    Lo sfondone di George W. Bush smaschera la guerra in Iraq e dà ragione a Assange

    Commettendo ciò che molti giornali chiamano “il lapsus freudiano del secolo”, l’ex presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, ha inavvertitamente definito la propria invasione dell’Iraq nel 2003 come “ingiustificata e brutale.” Proprio ciò che Julian Assange aveva rivelato 12 anni fa.
    23 maggio 2022 - Patrick Boylan
  • L'escalation della guerra Russia-Ucraina
    Disarmo
    Nella dinamica dell’escalation i mezzi divorano il fine

    L'escalation della guerra Russia-Ucraina

    “Durante la guerra fredda gli Stati Uniti resistettero all'Unione Sovietica in conflitti per procura in tutto il mondo senza venire a scontri diretti. La stessa risposta accuratamente calibrata è necessaria per l'invasione russa dell'Ucraina"
    6 maggio 2022 - Rossana De Simone
  • Il caso va archiviato
    Pace
    Estradizione di Julian Assange

    Il caso va archiviato

    L’Occidente giustamente condanna il bavaglio ai media russi. Sarebbe tuttavia più persuasivo se il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, fosse libero
    22 marzo 2022 - Bernd Pickert
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)