Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Su "Peacelink on Air" video e riflessioni sul rischio nucleare

Nella settimana cui cadono gli anniversari delle bombe atomiche sganciate sul Giappone, un'iniziativa multimediale nella nostra Web TV "Peacelink on Air"
6 agosto 2013

Hiroshima Memorial Monuments

68 anni dal primo olocausto nucleare. E dico "primo" poiché anche se in misura non così catastrofica (e sicuramente meno visibile) tanti sono stati in seguito, e sono tuttora, i casi di contaminazione radioattiva, malattie e malformazioni genetiche, causati dai test, dagli ordigni all'uranio impoverito, dagli incidenti nelle centrali atomiche "civili".

Ma a che servono gli anniversari, quando il ricordo sfuma nel quotidiano, e all'indignazione emotiva non subentrano iniziative efficaci? Quando si resta con il pensiero, tra il rassegnato e l'indifferente, del "cosa posso fare io?", del "tanto non cambierà nulla"?

Uno spunto provocatorio di riflessione è lanciato in questi giorni dalla nostra "Web TV" Peacelink on Air. Numerosi clip a rotazione, riflessioni e notizie, flash mob e conferenze tematiche. Alcuni clip in inglese, alcuni clip anche un po' "crudi" nella loro tragica verità. Ma l'efficacia visiva superando di gran lunga il linguaggio, mentre le immagini delle sofferenze di allora aiutano ad alimentare la consapevolezza del rischio sempre attuale di un conflitto nucleare innescato anche per errore.

Ma scopriremo anche l'esistenza di tante organizzazioni, associazioni o movimenti che nel mondo lavorano a più livelli per scongiurare l'olocausto e arrivare alla messa al bando totale di questi armamenti. Nomi forse poco conosciuti, nomi e acronimi come ICAN, IPPNW, Mayors for Peace e molti altri. Espressioni della "società civile" che finalmente stanno trovando ascolto dagli organismi governativi e che hanno preso la parola nelle conferenze internazionali di preparazione alla revisione del Trattato di Non Proliferazione Nucleare, per dare peso a motivazioni non più di carattere diplomatico o di equilibrio militare, ma di sicura e dimostrata distruzione dell'intera civiltà su questo pianeta.

Buona visione allora. Peacelink on Air è fruibile, oltre che partendo dal riquadro video nella colonna di sinistra della Home Page, anche all'indirizzo diretto http://www.livestream.com/peacelinkonair

 

Nota: il canale Peacelink on Air è ospitato dallo streaming provider Livestream, che supplisce con propri banner pubblicitari alla gratuità del servizio.

Articoli correlati

  • Scongiurare il conflitto in Ucraina
    Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • "Le nostre vittorie nel 2021": da ICAN un resoconto di fine anno
    Disarmo
    Dal Coordinatore della Campagna ICAN Daniel Högsta

    "Le nostre vittorie nel 2021": da ICAN un resoconto di fine anno

    “Qualunque cosa sia successa quest'anno, il 2021 è stato una pietra miliare per il nostro movimento, dopo che il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari è entrato in vigore il 22 gennaio 2021, rendendo le armi nucleari finalmente illegali secondo il diritto internazionale"
    23 dicembre 2021 - Roberto Del Bianco
  • Il trattato che bandisce le armi nucleari
    Disarmo
    Il webinar di Antonino Drago sulla messa al bando delle armi nucleari

    Il trattato che bandisce le armi nucleari

    Il questa pagina web c'è il video della videoconferenza assieme alle slides del relatore. Al centro della relazione c'è il trattato ONU che proibisce le armi nucleari, entrato in vigore il 22 gennaio 2021 al termine dei 90 giorni previsti dopo la 50esima ratifica.
    19 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Il diritto alla pace e al disarmo
    Disarmo
    In Italia e Germania: bombe nucleari B61-12 Nato nelle basi militari di Ghedi, Aviano e Buchel

    Il diritto alla pace e al disarmo

    Verso un coordinamento antinucleare europeo. L'obiettivo è di inserire la valutazione delle attività militari e belliche - e quindi il disarmo come soluzione al grave inquinamento da esse prodotte - negli accordi di Parigi sul clima.
    10 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)