Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Ricordare sì i morti a Hiroshima e a Nagasaki – ma senza dimenticare quelli nei teatri di guerra italiani di oggi
    Fare del "pacifismo attivo" si può... anche in agosto!

    Ricordare sì i morti a Hiroshima e a Nagasaki – ma senza dimenticare quelli nei teatri di guerra italiani di oggi

    Il 71° anniversario del bombardamento atomico di Hiroshima è stato ricordato a Roma ieri con una cerimonia bella ma in gran parte dimentica delle guerre odierne in cui l'Italia sta disseminando morte e distruzione. A ricordare ai partecipanti che la pace richiede un impegno attivo costante – qui ed ora – ci hanno pensato invece alcuni attivisti di Rete NoWar-Roma.
    .
    6 agosto 2016 - Patrick Boylan
  • City of Hiroshima Peace Declaration

    City of Hiroshima Peace Declaration

    6 agosto 2016 - Roberto Del Bianco
  • Tante parole nessuna azione?

    Tante parole nessuna azione?

    Nell'imminenza della visita di Obama a Hiroshima e al suo mausoleo, la testimonianza di una sopravvissuta sottolinea come le parole del Presidente non hanno mai dato seguito ai fatti.
    20 maggio 2016 - Roberto Del Bianco
  • Presidente Obama, non ci vada a mani vuote!

    Nell'imminenza della visita di Obama nella città di Hiroshima, un appello a tutti gli operatori di pace: un invito a spedire un messaggio alla Casa Bianca perché il suo viaggio non porti solo parole.
    Presidente Obama, non vada a Hiroshima a mani vuote!
    11 maggio 2016 - Roberto Del Bianco
La verità che non ci è stata raccontata

I retroscena di Hiroshima settanta anni dopo

Il Giappone si stava arrendendo. Gli Stati Uniti lanciarono la bomba atomica per poter occupare il Giappone prima che arrivassero i sovietici
5 agosto 2015 - Alessandro Marescotti

Conosciamo la potenza spaventosa di quell'esplosione.

Conosciamo la sofferenza del pilota americano che, dopo lo sgancio della bomba atomica, non riuscì più a trovare la pace dell’anima. Si conosce il suo carteggio con Günther Anders, il grande filosofo tedesco che dedicò l'intera sua vita a lottare contro gli orrori di Auschwitz, di Hiroshima e di Nagasaki affinché non potessero ripetersi mai più. Si chiamava Claude Eatherly e i Nomadi gli dedicarono la canzone "Il pilota di Hiroshima".

Conosciamo la sofferenza degli Hibakusha, ovvero dei sopravvissuti all’esplosione atomica, e dei loro figli. Viva è la memoria dei sopravvissuti. “Rammento i visi dei miei 351 compagni di scuola. Ho un profondo ricordo di ognuno di loro. Voglio che ricordiate che ognuno di loro aveva una vita, aveva un nome… Siamo preoccupati dell’impatto umanitario delle armi nucleari", ha dichiarato Setsuko Thurlow, sopravvissuta alla bomba di Hiroshima Bomb, al forum della società civile a Vienna. In Giappone lanterne e cortei silenziosi ricordano le vittime della prima bomba atomica, dopo settanta anni dal quel 6 agosto 1945. Hiroshima Day

Non conosciamo - parlo della conoscenza diffusa e del senso comune - invece i retroscena di Hiroshima perché vi è una certa reticenza ad ammettere che quella bomba fu - oltre che un atto di barbarie - anche un atto inutile a far terminare la guerra: il Giappone si stava arrendendo. Gli Stati Uniti lanciarono la bomba atomica per poter occupare il Giappone prima che arrivassero i sovietici. Questa è la verità che emerge decifrando il codice Magic.

Ha dichiarato lo storico Gar Alperovitz: "Il lancio della bomba atomica su Hiroshima e Nagasaki fu l'uso di un'arma del terrore, finalizzato ad ottenere un effetto psicologico uccidendo civili. Un atto non necessario sul piano strategico, e immorale sul piano etico".

E aggiunge: "Sapevamo che Tokyo era pronta alla resa. Eravamo riusciti a decriptare i codici segreti dei giapponesi, i famosi “Magic codes”, e quindi da mesi leggevamo tutte le loro comunicazioni".

La storia di queste comunicazioni segrete ci svela che dunque che il Giappone era pronto alla resa. E Alperovitz aggiunge: "Non volevamo che l'Urss conquistasse territori e peso nella regione, e intendevamo usare l'atomica come un ammonimento".

Ma perché tutto questo non si racconta sui libri di storia nelle nostre scuole?

A settanta anni dalla bomba atomica è venuto il momento di dire finalmente la verità.

Note:

Dopo settant'anni dagli orrori di Hiroshima e Nagasaki occorre pensare alla prevenzione, nella fiducia che le nuove generazioni arrivino ad essere più consapevoli di quanto lo siano stati i propri genitori. Una bella iniziativa sorge ora, che nel suo piccolo può contribuire a questo. Un cartoon prodotto da un gruppo giapponese e che viene adesso doppiato in italiano. Una storia originale tra fantasia e riflessione, nell'incontro tra Tomoko e Sadako, bambini dal presente e dal passato e la cui amicizia nutre la speranza di un futuro senza più sofferenze e orrori. Per saperne di più clicca su http://www.peacelink.it/pace/a/41465.html

Nel libro "Storia della pace" viene raccontata Hiroshima, con i retroscena a cui abbiamo fatto qui sopra fiferimento. Storia della pace: http://www.peacelink.it/storia

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)