Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Ma crescono le voci di dissenso nel Pentagono

Trump sta schierando i soldati nella capitale

In questo filmato di ITV News ("US Troops on streets of capital") si vedono i militari americani che prendono posizione nelle strade di Washington, mentre cresce la protesta più importante, quella pacifica contro il razzismo e contro l'autoritarismo di Trump
4 giugno 2020
Redazione PeaceLink

Non si placa la protesta negli Stati Uniti.

Di fronte all'ondata di proteste antirazziste dopo l'uccisione di George Floyd, Donald Trump invoca "l''insurrection Act", la legge del 1807 che consente di usare i militari contro disordini e insurrezioni.

Se fino a ora l'esercito non è stato usato, tuttavia già si vedono i soldati che prendono posizione nelle strade della capitale. Soldato americano

Militari in uniforme da combattimento che eravamo abituati a vedere nei teatri di guerra all'estero, oggi vengono dispiegati nelle strade di Washington, dove i manifestanti hanno accerchiato la Casa Bianca sfidando il coprifuoco.

In questo filmato di ITV News appaiono evidenti gli spostamenti e i posizionamenti dei militari americani, così come vuole Trump.

Le unità dell'Army National Guard (la Guardia Nazionale) sono addestrate ed equipaggiate come parti dello US Army.

Ma contro l'uso dell'esercito crescono le voci di dissenso nello stesso Pentagono, come quella del segretario della Difesa Mark Esper.

Su Repubblica si legge che "il capo del Pentagono Mark Esper è uscito allo scoperto in una conferenza stampa prendendo le distanze da Donald Trump, sia dalla sua minaccia di usare le truppe per fermare le proteste contro la morte dell'afroamericano George Floyd a Minneapolis dopo che un poliziotto gli ha premuto il ginocchio sul collo, sia dalla sua controversa foto con la Bibbia davanti alla St. John Church, di fronte alla Casa Bianca, dopo aver fatto sgomberare la folla con lacrimogeni e proiettili di gomma".

E inoltre: "Il segretario alla Difesa si è detto contrario a invocare l'Insurrection Act del 1807, la legge che consente di impiegare le truppe contro disordini e insurrezioni e che fu usata l'ultima volta nel 1992 contro le sommosse a sfondo razziale scoppiate nella città di Los Angeles. "L'opzione di usare l'esercito nel ruolo di polizia dovrebbe essere l'ultima spiaggia e solo nelle situazioni più urgenti e gravi ma ora non siamo in uno di questi momenti", ha spiegato, sconfessando così il presidente. "Il mio obiettivo è quello di tenere le forze armate fuori della politica", ha assicurato, anche se nel frattempo 1600 soldati sono stati schierati nei dintorni della capitale per intervenire in caso di necessità".

Ma in Presidente Usa, di fronte alle proteste antirazziste, cerca di difendersi come può.

Trump in un tweet scrive: "La mia amministrazione ha fatto per la comunità nera di qualsiasi altro presidente dopo Abraham Lincoln".

Note: Per la traduzione in italiano, con gli appositi sottotitoli, occorre cliccare sulla rotellina dentata ("impostazioni") in basso a destra e poi selezionare "sottotitoli" e poi bisogna cliccare su "traduzione automatica" e infine su "italiano".

Articoli correlati

  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".
    Pace
    Precisazione riguardante l’ipotesi di sanzioni UE contro gli USA e l’UK

    Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".

    Il movimento Our Voice (www.ourvoice.it) approva la richiesta di sanzioni contro gli USA e l’UK per i loro continui abusi contro il giornalista Julian Assange: “E’ una provocazione”, dice, “utile per evidenziare i doppi standard dell’UE”. Ma aggiunge che le sanzioni richieste devono essere mirate.
    9 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange
    Pace
    Basta con la criminalizzazione dell’editore di Wikileaks!

    Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange

    Attivisti statunitensi e italiani residenti a Roma hanno chiesto all’UE di sanzionare gli USA e il Regno Unito per i loro atti persecutori contro Julian Assange: detenzione arbitraria, tortura psicologica, censura – misfatti regolarmente sanzionati dall'UE quando a commetterli sono regimi autoritari
    7 ottobre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)