Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

"Chiediamo il ritiro delle truppe russe e un freno all'espansione a est della NATO"

L'appello di CODEPINK "Fermate la guerra in Ucraina! Fermate tutte le guerre!"

"Riordiniamo radicalmente le nostre priorità invece che alla guerra dedichiamoci alla pace. La guerra in Ucraina si trasformerà in un'altra guerra senza fine come quelle degli Stati Uniti in Iraq e in Afghanistan? Quante persone dovranno morire ancora?"
Maria Pastore20 ottobre 2022

Pace in Ucraina - Stop guerra - Codepink

CODEPINK è una organizzazione nata dal profondo desiderio di alcune donne americane di impedire agli Stati Uniti di invadere l'Iraq, nel 2002, e da allora lavora per la fine delle guerre e del militarismo degli Stati Uniti, e chiede di destinare i soldi delle tasse all'assistenza sanitaria, all'istruzione, all'ambiente.

Sulla guerra in Ucraina scrivono "è un disastro per il popolo ucraino e una terribile minaccia per tutti noi, che aumenta anche il pericolo di una guerra nucleare. Ci opponiamo all'invasione russa e chiediamo il ritiro immediato di tutte le truppe russe. Riconosciamo che l'espansione della NATO e l'approccio aggressivo delle nazioni occidentali hanno contribuito a causare la crisi e chiediamo la fine dell'espansione della NATO. Ci opponiamo inoltre a sanzioni che danneggerebbero la popolazione russa e chiediamo a tutti i Paesi di accogliere i rifugiati in fuga dalla guerra. Unitevi a noi per costruire una risposta massiccia e unitaria con le persone amanti della pace in tutto il mondo per dire No alla guerra in Ucraina; Sì ai negoziati e alla pace."

In un flyer della campagna scrivono "La guerra in Ucraina si trasformerà in un'altra guerra senza fine come quelle degli Stati Uniti in in Iraq e in Afghanistan? Quanti ucraini dovranno morire ed essere sfollati? Dipende se gli Stati Uniti e dai suoi alleati sosterranno una soluzione negoziata."

"La terrificante guerra in Ucraina dovrebbe spingerci ad attuare il divieto delle Nazioni Unite sulle armi nucleari e a passare dalla dipendenza dai combustibili fossili all'energia verde. Invece della guerra, collaboriamo tutti per costruire un mondo pacifico e sostenibile per tutti i nostri figli e nipoti. Finora, i leader statunitensi hanno esortato l'Ucraina a continuare a sacrificare il proprio popolo, utilizzando armi statunitensi pagate con i soldi delle nostre tasse - 5,3 miliardi di dollari e oltre dal 2014. La spesa militare degli Stati Uniti è 12 volte quella della Russia. Il fatto che non siano riusciti a prevenire questa guerra dovrebbe segnalare l'urgenza di riordinare radicalmente le nostre priorità, passando dallo spreco di armi ai bisogni di tutte le popolazioni e del pianeta."

"Si può arrivare subito a un accordo di pace con un cessate il fuoco completo, il ritiro delle forze russe, l'impegno ucraino alla neutralità internazionale, e un accordo o un referendum sul futuro della regione contesa del Donbas. Non inviamo altre armi all'Ucraina! Negoziati subito!  Campagna CODEPINK "


Come è nata CODEPINK? Il 17 novembre 2002 circa 100 donne hanno organizzato una veglia di 4 mesi, ininterrottamente, davanti alla Casa Bianca al freddo dell'inverno, per protestare contro la guerra all'Iraq condotta dagli Stati Uniti.
Il nome CODEPINK si rifà agli allarmi per la sicurezza interna codificati per colore dell'ex amministrazione Bush - giallo, arancione, rosso - che segnalavano le minacce terroristiche. Mentre gli allarmi colorati di Bush erano basati sulla paura e venivano usati per giustificare la violenza, l'allarme CODEPINK è un esuberante appello alla gente a "fare la pace".
Non è un movimento esclusivamente al femminile, invitano persone non binarie e uomini a unirsi a loro.

Articoli correlati

  • Papa Francesco ci invita a diventare "seminatori di speranza"
    Editoriale
    Ma Rainews non trasmette le immagini

    Papa Francesco ci invita a diventare "seminatori di speranza"

    La giornata di oggi a Verona è stata splendida, permeata dal vero spirito della vita e dalla missione fondamentale di costruire un futuro di speranza. L'Arena di pace ci ha ricordato l'importanza dell'impegno collettivo per realizzare un mondo migliore.
    18 maggio 2024 - Alessandro Marescotti
  • “Dio è nostro alleato e ha i galloni ucraini sulla spalla”
    Editoriale
    Zelensky si appella alla religione per contrastare l’aumento dei renitenti alla leva

    “Dio è nostro alleato e ha i galloni ucraini sulla spalla”

    Kiev affronta una situazione sempre più difficile nello scontro militare con la Russia. I giovani ucraini non vedono più una prospettiva d’uscita ma solo la retorica della vittoria che cozza contro una serie di continue e sanguinose sconfitte.
    5 maggio 2024 - Alessandro Marescotti
  • Poesie contro la guerra
    Cultura
    Da stampare e distribuire ovunque

    Poesie contro la guerra

    Portare la cultura della pace fra la gente con una poesia è una delle cose più belle e significative che possiamo fare oggi
    Redazione PeaceLink
  • Sanzioni alla Russia: efficaci o solo chiacchiere?
    Economia
    Mentre la Nato invia armi in Ucraina le banche europee triplicano i loro profitti in Russia

    Sanzioni alla Russia: efficaci o solo chiacchiere?

    Il Financial Times rivela che le sette principali banche europee - tra cui anche UniCredit e Intesa Sanpaolo - hanno registrato in Russia un profitto combinato di oltre 3 miliardi di euro nel 2023. Una cifra tripla rispetto a quanto guadagnato nel 2021.
    30 aprile 2024 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)