Palestina

Proposta di appello contro l'accordo italo-israeliano di cooperazione militare

11 aprile 2005
Accademia Apuana della Pace

Accademia Apuana della Pace

Sito: http://www.aadp.it - Email: aadp@lillinet.org

Sede provvisoria: presso A.V.A.A., piazza Quercioli, 77 - 54100 MASSA

tel. 339 5829566 - fax 0585/792909


Carissimi,
vi inviamo un appello che alcuni cittadini di Massa Carrara hanno scritto contro l'accordo italo-israeliano in discussione in Parlamento.
La proposta E' quella di inviare tale appello ai parlamentari di ciascuna provincia, in particolare a quelli del centro sinistra, avendo costatato come vi sia una totale disinfomazione di questi sulla materia in discussione.
Come Accademia Apuana della Pace ci facciamo tramite per far arrivare questo appello a riferimenti nazionali, con l'invito a diffonderlo.
Grazie
IL PORTAVOCE
Buratti Gino


Gent.mo/a Onorevole,
siamo a conoscenza che in Senato è stato ratificato a larga maggioranza, un “Memorandum d’intesa” stipulato il 16 giugno 2003, dal governo italiano e israeliano, in materia di cooperazione nel settore militare e della difesa.

Tale memorandum si configura come un accordo generale quadro che regola la cooperazione tra le parti nel settore della difesa, comprendente l’interscambio di materiale di armamento, l’organizzazione delle Forze Armate, la formazione e l’addestramento del personale militare, la ricerca e sviluppo in campo bellico. Tale accordo se sarà ratificato dal parlamento, sarà valevole per 5 anni e l’industria italiana e le forze armate saranno coinvolte in attività di cui nessuno , neppure il Parlamento, sarà messo a conoscenza, perché coperte da segreto militare.

Questo Accordo sicuramente non favorirà il difficile processo di Pace tra Israele e Palestina che vede il perdurare della violazione di numerose risoluzioni dell'ONU da parte dello Stato di Israele e il permanere di una situazione di grave tensione tra i due popoli e si inserisce nel quadro politico mediorientale, dove le tensioni tra Israele e gli altri stati è altissima e la comunità internazionale dovrebbe essere presente attraverso azioni positive di disarmo e dialogo .

Per questo,coerentemente ispirati ai valori della Costituzione della Repubblica, con particolare riferimento all'articolo Art. 11 "L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali".
Consapevoli che l'Unione Europea si "fonda sui valori indivisibili e universali di dignità umana, di libertà, di uguaglianza e di solidarietà",

ti chiediamo in occasione della presentazione del Memorandum alla camera dei Deputati, che avverrà a breve, un impegno reale per contribuire alla soluzione del conflitto tra Israele e Palestina , votando contro all’approvazione di tale Memorandum e promuovendo tutte le iniziative possibili perché la Camera non ratifichi tale provvedimento.
Ringraziandoti anticipatamente

I seguenti cittadini e associazioni

Articoli correlati

  • Colombia: a Feria Expodefensa la passerella indisturbata delle imprese che producono armi
    Latina
    L’evento si celebra dal 2009 nel silenzio della comunità internazionale

    Colombia: a Feria Expodefensa la passerella indisturbata delle imprese che producono armi

    La strage senza fine dei leader sociali non ha mai indotto i governi del paese a metter fine a questa assurda fiera di armi, di guerra e di morte
    17 dicembre 2021 - David Lifodi
  • Proposta indecente: armi "beni essenziali" esenti da iva
    Disarmo
    Commissione UE: armi " beni essenziali"

    Proposta indecente: armi "beni essenziali" esenti da iva

    Sinistra Europea nell’Europarlamento ha lanciato una campagna per bloccare l’iniziativa: "La proposta di finanziare con le nostre tasse, attraverso l’abbattimento dell’Iva, il commercio delle armi, è una proposta semplicemente criminale", ha commentato Paolo Ferrero, vice presidente di SE
    13 novembre 2021 - Gregorio Piccin
  • Giornalisti per Julian Assange (Speak up for Assange)
    MediaWatch
    Per la verità e la nonviolenza

    Giornalisti per Julian Assange (Speak up for Assange)

    Il 27 ottobre, provato da anni di cattività e abusi che un inviato ONU considera ormai torture, Assange potrebbe essere consegnato agli USA. La speranza è nella mobilitazione dei giornalisti e di chiunque si opponga a un futuro di menzogne e di violenza
    7 settembre 2021 - Lidia Giannotti
  • PeaceLink: liberiamoci dalla guerra ovunque
    Disarmo
    Intervista a Rossana De Simone di PeaceLink

    PeaceLink: liberiamoci dalla guerra ovunque

    Dal collettivo studentesco alla fabbrica. Rossana De Simone racconta la sua esperienza di giovane lavoratrice e delegata sindacale
    14 ottobre 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)