Palestina

Palestina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580

In rilievo

Motore di ricerca in
RSS logo
Campagna MAN per l'invio di corpi di intervento civile nonviolento in Israele/Palestina

La violenza non è una soluzione

E' un appello a sostegno di una campagna lanciata in Francia e che si sta
diffondendo in Europa, per chiedere all'Unione Europea una forza
internazionale di intervento civile in Israele-Palestina.

18 settembre 2005

APPELLO

PER UNA FORZA INTERNAZIONALE DI INTERVENTO CIVILE IN ISRAELE E PALESTINA

Di fronte all'aggravarsi del ciclo perverso "terrorismo - guerra -
terrorismo", che minaccia la vita civile in tutto il mondo;

consapevoli che una delle più profonde radici di questa drammatica
situazione sia nel conflitto che oppone Palestinesi ed Israeliani;

convinti che sia dovere pressante dell'Europa e dei suoi cittadini e
cittadine impegnarsi seriamente per aiutare i due popoli a raggiungere un
accordo giusto e condiviso;

sosteniamo la campagna "La violenza non E' una soluzione",

lanciata dal MAN (Mouvement pour une alternative nonviolente) e dai suoi
partners in Europa, in Israele e in Palestina, alla quale hanno aderito
numerose associazioni anche in Italia; E' una campagna di pressione che
chiede all'Unione Europea di creare una forza internazionale di intervento
civile, con il compito di lavorare fianco a fianco con le organizzazioni
della società civile palestinesi ed israeliane, per rafforzare spazi di
dialogo, con azioni di accompagnamento e mediazione nel difficile processo,
avviato con Gaza, di disimpegno di Israele dai territori occupati, con
azioni di protezione e sostegno alla sicurezza di entrambe le popolazioni,
con azioni di osservazione del rispetto dei diritti umani e del diritto
internazionale.

Sono già numerosi e generosi gli sforzi di gruppi di cittadini e cittadine,
in Italia e nel mondo, che si organizzano volontariamente per svolgere
compiti di questo tipo. Ma E' più che mai necessario ed urgente,
soprattutto in questo delicato momento, che siano coinvolte le istituzioni
europee.

Perciò sottoscriviamo le richieste della campagna ai responsabili politici,
in Francia, in Italia e negli altri paesi europei.

Chiediamo ai responsabili dell'Unione Europea e al nostro Ministro degli
Esteri di:

- realizzare uno studio di fattibilità sulle condizioni per la
creazione di una forza internazionale di intervento civile in Israele e
Palestina;

- mettere in atto tutti i mezzi necessari alla formazione e
all'invio di una tale forza di intervento civile, composta di volontari e
volontarie non armati e adeguatamente preparati;

- condurre un'azione diplomatica presso le autorità israeliane e
palestinesi affinché accettino la presenza dei/delle volontari/e.

L'Unione Europea può e deve uscire dall'opzione militare nella soluzione
delle crisi internazionali; impegnarsi per la risoluzione del conflitto
israelo-palestinese E' un passo per concretizzare questo orientamento
politico.

Note:

I primi firmatari sono Luigi Ciotti - Lidia Menapace - Roberto Mancini -
Roberto Giudici - Marco Revelli - Tonio Dall'Olio - Brunetto Salvarani -
Marina Pecorelli - Luisa Morgantini - Albino Bizzotto - Lisa Clark - Alex
Zanotelli.

Per ulteriori adesioni: a.alba@areacom.it

****

Per informazioni sulla Campagna "La violenza non E' una soluzione":

- in Francia: MAN, 114 rue de Vaugirard, 75006 PARIS -
www.interventioncivile.org -

e-mail: contactman.ariane@free.fr

- in Italia: Centro Studi Sereno Regis, via Garibaldi 13, 10122 Torino -
www.reteccp.org -

e-mail: a.alba@areacom.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)