Palestina

PALESTINA

Ong israeliane e palestinesi contro il nuovo ordine di espulsione

Settantamila palestinesi rischiano l'espulsione in base a un nuovo ordine militare. Le associazioni si mobilitano
19 maggio 2010
M.C.R.
Fonte: Alternative Information Center e Redattore sociale - 19 maggio 2010

Militari israeliani

Abolire il nuovo ordine militare che definisce 70 mila abitanti della Cisgiordania come “infiltrati”. È questo il contenuto di un appello diffuso ieri, 13 maggio, in un comunicato stampa firmato da alcune tra le più note associazioni per i diritti umani israeliane e palestinesi, da B'Tselem a Badil Resource Center for Palestinian Residency and Refugee Rights, da Addameer Prisoner Support and Human Rights Association a  Physicians for Human Rights-Israel. "Esprimiamo la nostra opposizione alla politica israeliana di trasferimento e deportazione illegale dalla Cisgiordania, che si è intensificata con l'ordine riguardo la 'prevenzione d'infiltrazione' (ordine 1650)", scrivono le associazioni. L'ordine militare di espulsione, approvato in dicembre ed entrato in vigore dal 13 aprile, riguarda tre categorie di persone: i palestinesi originari di Gaza ma che vivono in Cisgiordania (compresi coloro che si sono trasferiti da molti anni o che sono nati in Cisgiordania da genitori di Gaza); i coniugi stranieri di palestinesi che vivono in West Bank (compresi i palestinesi con carta d'identità israeliana, i cosiddetti Palestinians 48) e infine le persone di altre nazionalità con permesso di soggiorno scaduto.

L'ordine militare, scoperto e denunciato sulle colonne del quotidiano israeliano Haaretz dalla giornalista Amira Hass, suona come uno dei provvedimenti militari più duri e pericolosi dal 1967 a oggi. Il documento, ricorrendo a un linguaggio in vari punti ambiguo, definisce gli appartenenti alle tre categorie come “infiltrati”. Come denunciato da numerose associazioni, "decine di migliaia di persone, inclusi coloro nati o residenti in Cisgiordania da decenni, rischiano di essere scacciati dalle loro case, famiglie, scuole e posti di lavoro, perché Israele li ha dichiarati 'illegali' nella loro stessa terra". In un territorio pesantemente frammentato dal Muro di separazione, la libertà di movimento viene ulteriormente compromessa: molti palestinesi stanno infatti scegliendo di non spostarsi da casa per non dover attraversare check-point e rischiare di essere espulsi. Da un punto di vista giuridico, inoltre, la decisione viola l'articolo 49 della Convenzione di Ginevra.
Le associazioni fanno appello al governo israeliano di "cancellare l'ordine 1650, di desistere dalla politica di deportazione e trasferimento, di riconoscere il diritto dei palestinesi e degli stranieri di vivere, lavorare e visitare la Cisgiordania, in accordo con il diritto internazionale e gli accordi siglati da Israele, e di permettere alle persone protette di muoversi liberamente, entrare e uscire dalla Cisgiordania".

Alla vigilia dell'inizio di applicazione dell'ordine militare, l'Aic aveva aspramente criticato un ordine che rende 70 mila palestinesi "ostaggio nelle proprie case", minando anche la vita privata e familiare di migliaia di persone di diverse nazionalità. Il provvedimento s'inserisce in mesi d'inasprimento delle restrizioni negli accessi a Israele e ai Territori palestinesi da parte di ong e associazioni internazionali.

Articoli correlati

  • Sul Brasile incombono i militari
    Latina
    Nonostante la presidenza di Lula le Forze Armate continuano a godere della più completa impunità

    Sul Brasile incombono i militari

    A conferma di questo il Ministero della Difesa è nelle mani di José Múcio, che ha sempre sminuito l’assalto bolsonarista alle istituzioni dell’8 gennaio 2023.
    5 febbraio 2024 - David Lifodi
  • Cisgiordania, violenze e soprusi allarmano l’Onu
    Palestina
    Mille i palestinesi costretti a fuggire, 160 gli uccisi

    Cisgiordania, violenze e soprusi allarmano l’Onu

    La violenza è alimentata non solo dalle forze militari ma anche dai coloni israeliani, armati e supportati dall'esercito. Il fenomeno ha portato all'abbandono di intere comunità palestinesi, con più di mille persone che hanno lasciato le proprie case a causa della violenza.
    10 novembre 2023 - Redazione PeaceLink
  • Perù: prosegue il conflitto sociale
    Latina
    Dina Boluarte continua ad utilizzare la mano dura

    Perù: prosegue il conflitto sociale

    Gran parte delle morti dei manifestanti sono state provocate da proiettili sparati da armi da fuoco in dotazione alla polizia e all’esercito
    23 gennaio 2023 - David Lifodi
  • Si condanna l’occupazione russa dell’Ucraina mentre si continua ad occupare l’Iraq
    Pace
    Meloni più audace di Putin

    Si condanna l’occupazione russa dell’Ucraina mentre si continua ad occupare l’Iraq

    Nessuno sembra farci più caso ma i militari della NATO, ora sotto comando italiano, stanno sempre occupando illegalmente il Nord Est dell’Iraq, zona grande quanto il Donbass. Più audace di Putin, la Premier Meloni, in tuta mimetica, è andata sotto Natale a rendere loro visita. Nessuno ha fiatato.
    1 gennaio 2023 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)