Palestina

Lettera di don Nandino Capovilla (ex-coordinatore di Pax Christi Italia) appena tornato dalla Palestina

Laura Tussi30 luglio 2014

Lettere di pace

Lettera di don Nandino Capovilla (ex-coordinatore di Pax Christi Italia) appena tornato dalla Palestina; durante il viaggio ha girato dei video e fatto interviste utili a comprendere il momento drammatico che la gente di terra Santa sta vivendo.


Gerusalemme, 25 luglio 2014
anche stanotte, carissimi, faremo fatica ad addormentarci e non solo per il sottofondo di spari e ambulanze. Ogni sera sempre più palestinesi scendono in strada qui al check-point, per sfogare la loro rabbia dopo aver visto tutto il giorno in TV immagini sempre più raccapriccianti di bambini, donne e comunque civili, massacrati nella vicina Striscia di Gaza. 
Come sai sono qui con una Delegazione di Pax Christi per portare anche la tua solidarietà e "scucire la bocca" a chi ci auguriamo non legga mai le cronache dei nostri giornali, piene di falsità e vuote delle più evidenti considerazioni non solo sulla immane tragedia umanitaria di migliaia di persone scacciate dalla loro casa, bombardate dal cielo, dalla terra e dal mare, ma anche sull'ipocrisia di un mondo indifferente che ripete solo ritornelli sul diritto di difesa di uno stato che da anni assedia e opprime, solo a Gaza, un milione e mezzo di persone.
Ascoltiamo i testimoni degli attacchi e i racconti dei parroci che in vivavoce ci tengono aggiornati sui bombardamenti alla...parrocchia e sulla paura delle suore di Madre Teresa e dei 27 bambini con handicap costretti a scappare dal loro istituto e rifugiatisi in chiesa.

Ma anche noi, che solo partecipiamo al loro pianto, scriviamo report e filmiamo interviste, anche noi ormai non abbiamo più lacrime, nè parole.
Ci restano solo i nostri piedi per andare ancora a raggiungere qualche altro testimone e la forza che anche tu, con il tuo contributo e la tua vicinanza, ci hai comunicato, per scuotere ancora coscienze intorpidite e ipocriti, reiterati equilibrismi.

Vi racconterò al mio ritorno, MA VI PREGO, a nome della gente di Gaza, vi chiedo di DEDICARE ANCORA QUALCHE MINUTO A DIFFONDERE AI VOSTRI CONTATTI E NELLE VOSTRE COMUNITA' le VIDEO-INTERVISTE e i COMUNICATI che abbiamo prodotto in questi giorni > guardateli facendo copia/incolla dei link nell'allegato
Con questa immensa sofferenza che solo condividendola si potrà alleviare,
abuna Nandino

ECCO ALCUNI LINK ad alcune delle interviste MA GUARDATE L'ELENCO COMPLETO DEI DOCUMENTI allegato.
SE AVETE DELLE OCCASIONI PER RACCOGLIERE AIUTI PER GAZA > ecco in allegato il bonifico della CARITAS di Gerusalemme.


Note: Lettera di Padre Alex Zanotelli:
http://www.paxchristi.it/?p=8980

Articoli correlati

  • E poi in tv cantano "Sogna ragazzo, sogna"
    Pace
    Le cariche di polizia a Pisa e Firenze contro chi manifesta contro la guerra

    E poi in tv cantano "Sogna ragazzo, sogna"

    Se questo è il trattamento riservato ai nostri ragazzi, alla meglio gioventù che, nonostante tutto, ha conservato uno spirito critico e non spende tutto il suo tempo su tik tok, beh allora non abbiamo più un futuro, perlomeno non un futuro degno.
    24 febbraio 2024 - Anna Ferruzzo
  • «Occorre chiamare le cose col loro nome»
    Pace
    L’intervista al ministro degli Affari esteri palestinese

    «Occorre chiamare le cose col loro nome»

    Come fermare la guerra? Il ministro Riyad al-Maliki ripone le sue speranze nella comunità internazionale e resta fedele alla soluzione dei due Stati
    20 febbraio 2024 - Daniel Bax e Lisa Schneider
  • Israeliani contestano il governo Netanyahu
    Conflitti
    Manifestazioni ieri disperse da poliziotti a cavallo, scontri a Tel Aviv con i parenti degli ostaggi

    Israeliani contestano il governo Netanyahu

    "Non formeremo un governo di razzisti, non formeremo un governo di criminali", cantavano i manifestanti. "Chi divide non unirà, chi distrugge non costruirà", ha dichiarato Yonatan Shamriz, il cui fratello Alon, ostaggio a Gaza, è stato ucciso dai soldati israeliani.
    28 gennaio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Da UDIK - Unione Donne Italiane e Kurde - l'appello per il cessate il fuoco in Palestina
    Conflitti

    Da UDIK - Unione Donne Italiane e Kurde - l'appello per il cessate il fuoco in Palestina

    E' condiviso da numerose associazioni
    27 gennaio 2024 - Gulala Salih
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)