Palestina

Associazione PeaceLink. COMUNICATO STAMPA

Un SMS per Gaza

17 agosto 2014
Redazione PeaceLink

Un SMS per GAZA

“We will destroy your house in ten minutes,

leave it now.

IDF”.

 

È l’SMS che l'IDF (l'esercito israeliano) invia ai cittadini di Gaza 10 minuti prima di bombardare la loro casa.

L' iniziativa nasce dall’aver letto questo messaggio.

Abbiamo scelto di inviare il testo a tutti quelli che conosciamo perché possa trasformarsi in veicolo di sensibilizzazione e testimonianza per ciò che sta accadendo - che accade quotidianamente - nella Striscia di Gaza e più in generale nei Territori Occupati Palestinesi.

Un gesto piccolo e semplice per far sentire la popolazione palestinese meno sola e negletta, per far arrivare la nostra vicinanza.

La casa è simbolo di protezione, accoglienza, sicurezza e radici. Di vita. Di tutto quello che i civili palestinesi chiedono oggi alla comunità internazionale.

Durante l'operazione “Protective Edge” dell'esercito israeliano in 28 giorni sono morti 1830 palestinesi, di cui 238 bambini e 401 donne, l’85% civili, e 64 israeliani, di cui 2 civili. 400.000 palestinesi hanno dovuto abbandonare le proprie case.

Auspichiamo che questo SMS venga tradotto, viaggi per il pianeta: che possa servire a ricordare la mancanza di ogni diritto del popolo palestinese, per non lasciarne inascoltato il grido di dolore. Soprattutto quando la bagarre mediatica spegnerà i riflettori su Gaza, fino alle prossime operazioni militari da nomi esotici.

Crediamo nella forza di un piccolo gesto nonviolento. Crediamo nel potere della gente comune. Chiediamo a tutti di condividere questo SMS per non lasciare soli i palestinesi e gli israeliani.

Parafrasando una frase di don Lorenzo Milani vogliamo dire “Se voi però avete il diritto di dividere il mondo in palestinesi e israeliani allora vi diremo che nel vostro senso noi non parteggiamo per nessuno dei due. Reclamiamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall'altro. I primi sono la nostra patria gli altri i nostri stranieri”.

Condividete questo SMS, moltiplicate questo semplice gesto di solidarietà, che ha però tanti significati. La richiesta di una pace che nasca dalla giustizia. Che davvero le armi possano tacere. L’impegno nella ricerca della verità, di un'informazione giusta, non ideologica e mistificata. Chiediamo che vengano utilizzati strumenti nonviolenti come il boicottaggio e le sanzioni. Facciamo pressione sui nostri governanti perché si impegnino a impedire la vendita di armi a Israele, sulla comunità internazionale perché riconosca le proprie responsabilità e accolga le istanze di chi in Israele e Palestina chiede un vero cammino di riconciliazione, pagandone il prezzo in prima persona.

ADESIONI:

Articoli correlati

  • E poi in tv cantano "Sogna ragazzo, sogna"
    Pace
    Le cariche di polizia a Pisa e Firenze contro chi manifesta contro la guerra

    E poi in tv cantano "Sogna ragazzo, sogna"

    Se questo è il trattamento riservato ai nostri ragazzi, alla meglio gioventù che, nonostante tutto, ha conservato uno spirito critico e non spende tutto il suo tempo su tik tok, beh allora non abbiamo più un futuro, perlomeno non un futuro degno.
    24 febbraio 2024 - Anna Ferruzzo
  • La risposta italiana all'aumento delle missioni e spese militari: presente!
    Disarmo
    Dal modello “pace - crisi - conflitto” a “competizione - crisi - conflitto”

    La risposta italiana all'aumento delle missioni e spese militari: presente!

    Il governo di centrodestra a trazione Fratelli d'Italia è un governo dell'Italia con la schiena dritta, che va a testa alta, con le scarpe piene di fango e le mani pulite. Porteremo l'Italia sul primo gradino del podio
    22 febbraio 2024 - Rossana De Simone
  • «Occorre chiamare le cose col loro nome»
    Pace
    L’intervista al ministro degli Affari esteri palestinese

    «Occorre chiamare le cose col loro nome»

    Come fermare la guerra? Il ministro Riyad al-Maliki ripone le sue speranze nella comunità internazionale e resta fedele alla soluzione dei due Stati
    20 febbraio 2024 - Daniel Bax e Lisa Schneider
  • Israeliani contestano il governo Netanyahu
    Conflitti
    Manifestazioni ieri disperse da poliziotti a cavallo, scontri a Tel Aviv con i parenti degli ostaggi

    Israeliani contestano il governo Netanyahu

    "Non formeremo un governo di razzisti, non formeremo un governo di criminali", cantavano i manifestanti. "Chi divide non unirà, chi distrugge non costruirà", ha dichiarato Yonatan Shamriz, il cui fratello Alon, ostaggio a Gaza, è stato ucciso dai soldati israeliani.
    28 gennaio 2024 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)